Bertolt Brecht  : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”


Non mi piace
pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..


“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in  superficie “


Pino Ciampolillo

lunedì, settembre 17, 2007

ISOLA DELLE FEMMINE L'AMPLIAMENTO DEL CIMITERO

Progetto esecutivo per la “realizzazione di n° 20 loculi all’interno del Cimitero del Comune di Isola delle Femmine” ed indizione pubblico incanto.

Atto numero 102 del 29-10-2009

Tipo di Atto: DELIBERA DI GIUNTA


Allegato: DELIBERA G.M.



Il responsabile del settore V, arch. Sandro D’Arpa, sottopone all’approvazione della Giunta Comunale la seguente proposta di deliberazione:

Progetto esecutivo per la “realizzazione di n° 20 loculi all’interno del Cimitero del Comune di Isola delle Femmine” ed indizione pubblico incanto


Importo complessivo: € 18.332,62

Progettista: arch. Sandro D’Arpa

R.U.P.: arch. Sandro D’Arpa

LA GIUNTA COMUNALE


Premesso che:


l’arch. Sandro D’Arpa ha predisposto il progetto esecutivo di “realizzazione di n° 20 loculi all’interno del Cimitero del Comune di isola delle Femmine”, costituito dai seguenti elaborati:

1. Relazione tecnica;

2. Stralci e planimetrie;

3. Planimetria - prospetti e sezioni;

4. Elenco prezzi;

5. Capitolato speciale d’Appalto; e con il seguente quadro economico:


A: Lavori € 17.578,26

Suddivisi

A1 lavorazioni € 17.108,76

A2 sicurezza € 469,50

B: Somme a disposizione € 4.846,12

B1 IVA su A (20%) € 3.515,65

B2 imprevisti (<10%) € 878,91

B3 Oneri di accesso a discarica € 100,00

B3 incentivo (vedi all. 1) € 351,56

C: A + B € 22.424,38

verificato che:

v il progetto, che prevede la realizzazione di n° 20 loculi all’interno del cimitero del

v Comune di Isola delle Femmine, è tecnicamente adeguato;

v l’AUSL n°6 di Carini ha rilasciato parere favorevole a condizione con nota prot. n.

v 902/IP del 21/05/2008 introitata al protocollo di questo Comune in data 28/05/2008

v al n° 6232/CC;

v il parere della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Palermo del 08/10/09, prot. n. 1525/TUP

v favorevole a condizione che l’altezza sia limitata a tre ordini di loculi;

v il progetto è conforme alle prescrizioni della L. 109/1994, come modificata dalle LL.RR.

v 7/2002 e 7/2003, del DPR 554/1999, del Capitolato generale d’appalto, e alla normativa tecnica vigente;

v il progetto applica i prezzi contenuti nel vigente prezzario generale per le OO.PP. della

v Regione Siciliana, approvato con D.P. 11/07/2007 oltre ai nuovi prezzi redatti dalla

v progettista e ritenuti congrui sulla base delle analisi;

v per realizzare l’opera si possono utilizzare fondi comunali, ed in particolare:

v 1. sul bilancio pluriennale 2008:

cap. 3780 Costruzione loculi, colombari (residui) € 10.000,00

cap. 3780 Costruzione loculi, colombari (competenze) € 12.000,00

· lo schema di contratto, viste le peculiari caratteristiche del contratto (art. 24 ter L.109/1994), risponde alle particolari modalità di esecuzione dei lavori; il sottoscritto arch. Sandro D’Arpa, responsabile del settore tecnico, esprime quindi, ai sensi dell’art. 7bis c. 1 della L. 109/1994, come introdotta dalla L.R. 7/2002 e dalla L.R. 7/2003,


PARERE FAVOREVOLE

all’approvazione del progetto esecutivo dei lavori di “realizzazione di n° 20 loculi all’interno del cimitero del Comune di Isola delle Femmine”, redatto dall’arch. Sandro D’Arpa, costituito dagli elaborati e con il quadro economico riportati in premessa.

Il responsabile del III Settore

arch. Sandro D’Arpa




Conferimento incarico professionale per la predisposizione di uno studio Geologico - Tecnico e dei calcoli strutturali per l'ottenimento del N.O. del Genio Civile di Palermo, propedeutico al "Progetto per la costruzione di n° 20 loculi all'intern


Atto numero 101
del 27-10-2009

Tipo di Atto: DELIBERA DI GIUNTA

Allegato: DELIBERA G.M. N.101.pdf (111 kb) File con estensione pdf



Il responsabile del Settore III, arch. Sandro D'Arpa, sottopone all’approvazione della Giunta


comunale la seguente proposta di deliberazione:

Conferimento incarico professionale per la predisposizione di uno studio Geologico – Tecnico e dei calcoli strutturali per l’ottenimento del N.O. del Genio Civile di Palermo, propedeutico al “Progetto per la costruzione di n° 20 loculi all’interno del Cimitero Comunale di Isola delle Femmine”

Premesso che:


E’ intendimento dell’Amministrazione comunale procedere con un ampliamento del cimitero comunale mediante la realizzazione di 20 loculi;
L’Arch. Sandro D’arpa ha predisposto il progetto esecutivo per la “realizzazione di n° 20 loculi all'interno del Cimitero del Comune di isola delle Femmine", aggiornato al parere della Soprintendenza ai BB. CC. AA. Di Palermo del 08/10/09, prot. n. 1525/TUP favorevole a condizione che l’altezza sia limitata a tre ordini di loculi e costituito dai seguenti elaborati:
Relazione tecnica;
Stralci e planimetrie;
Planimetria - prospetti e sezioni
Elenco prezzi;
Capitolato speciale d'Appalto;
e con il seguente quadro economico:


A: Lavori € 17.578,26

Suddivisi

A1 lavorazioni € 17.108,76

A2 sicurezza € 469,50

B: Somme a disposizione € 4.846,12

B1 IVA su A (20%) € 3.515,65

B2 imprevisti (<10%) € 878,91

B3 Oneri di accesso a discarica € 100,00

B3 incentivo (vedi all. 1) € 351,56

Considerato che per la realizzazione del suddetto progetto è necessario predisporre uno studio Geologico – Tecnico , nonché una relazione di calcolo con i relativi calcoli esecutivi in c.a.;
Considerato che all'interno dell'Amministrazione non è presente personale professionalmente competente per la redazione dei calcoli strutturali per l’ottenimento del N.O. al Genio Civile di Palermo, propedeutico alla realizzazione dell’ampliamento del cimitero comunale, è necessario provvedere ad affidare la redazione di tale documentazione, a professionisti esterni, regolarmente iscritti al relativo Albo professionale;
Considerato che all'interno dell'Amministrazione non è presente personale professionalmente competente per la redazione dello studio geologico -tecnico

propedeutico alla realizzazione dell’ampliamento del cimitero comunale, è necessario provvedere ad affidare la redazione di tale documentazione, a professionisti esterni, regolarmente iscritti al relativo Albo professionale;

Visti

gli schemi di disciplinare di incarico allegati, che formano parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
Effettuato
presuntivamente il conteggio delle competenze per la redazione di tale studio geologico e dei calcoli strutturali per l’ottenimento del N.O. del Genio Civile, ammontante complessivamente ad €. 3.000,00 circa comprensivo di Iva , tassa all’Ordine e C.N.P.A.I.A;
Preso atto
che la complessiva spesa di €. 3.000,00 scaturente da detto incarico trova copertura nel Cap.lo 3781/0 “ Spese per calcoli/studi geologici – Loculi Cimiteriali”;
Visto
l’art. 17, comma 2, della legge 11 febbraio n.109, nel testo coordinato con le norme della legge regionale 2 agosto 2002, n.7 e della legge regionale 19 maggio 2003, n.7 che prevede la competenza per gli affidamenti di natura fiduciaria degli organi esecutivi;
PROPONE

1) Conferire l’incarico per la redazione dei calcoli strutturali per l’ottenimento del N.O. al Genio

Civile di Palermo, propedeutico alla realizzazione dell’ampliamento del cimitero comunale all'ing.

_____________ con studio professionale in ________, Via _______________ n° __, P.IVA

______________, iscritto all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di __________ al n.__________;

2) Approvare lo schema di convenzione di incarico, il quale viene allegato alla presente

determinazione per farne parte integrante e sostanziale;

3) Dare atto che il professionista sopra citato non ha rapporti di parentela e di affinità con gli

amministratori comunali ed il segretario comunale;

4) Richiedere al professionista incaricato l’autocertificazione ai sensi dell’art. 7 della Legge n. 55/90;

5) Conferire l’incarico per la redazione dello studio Geologico – Tecnico, propedeutico alla

realizzazione dell’ampliamento del cimitero comunale“ al Geologo _________________ con studio

professionale in ________, _____________ n° ___, P.IVA __________________, iscritto al relativo

Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia al n. _____;

6) Approvare lo schema di convenzione di incarico, il quale viene allegato alla presente

determinazione per farne parte integrante e sostanziale;

7) Dare atto che il professionista sopra citato non ha rapporti di parentela e di affinità con gli

amministratori comunali ed il segretario comunale;

8)Richiedere al professionista incaricato l’autocertificazione ai sensi dell’art. 7 della Legge n. 55/90;

Pareri ed attestazioni resi ai sensi e per gli effetti dell’art. 49 del t.u. sull’ordinamento degli enti locali,


approvato con D.lgs. 18/08/2000, n° 267, relativi alla proposta indicata in oggetto:

Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore deliberazione

Il responsabile del settore III

arch. Sandro D’Arpa

Si esprime parere favorevole sulla regolarità contabile della superiore deliberazione

Imp.= 1275/09


Il responsabile del servizio finanziario

rag. Biagio Fontanetta






Come promesso iniziamo a parlare di cimitero ed i tanti e mai realizzati progetti di ampliamento, per la verità siamo stati stimolati a parlarne , a seguito dei tanti messaggi ricevuti interessati a capire regolamenti gestione condizioni di servizio e relativi costi. I messaggi richiedevano spiegazioni sulle tante proposte di ampliamento del cimitero che come sempre diventa materia di discussione esclusivamente durante il periodo elettorale. I messaggi ci chiedono e ci indicano di professionisti e consulenti che a vario titolo e nel tempo si sono occupati della materia.
Rivolgiamo un appello a tutte quelle persone professionisti consulenti politici e quant'altro, che si sono occupati a vario titolo della materia "cimitero di fornirci delle informazioni (non mal di pancia a cui non siamo interessati) utili a far conoscere a tutta la cittadinanza i misteri che si celano dietro un servizio di cui tutti (il più tardi possibile) dovremmo poterne usufruire come DIRITTO e non come FAVORE!

Il messaggio pervenutoci: (..........................)non lo ripetiamo perchè potrebbe non essere capito che non siamo stati noi a scriverlo! Ma potete leggere l'originale.

permetteteci solo di restare un attimo all'attualità:
Il 17 Maggio 2007 con nota prot 657 l'ufficio Tecnico Comunale diretto dall'Arch D'arpa invia al Sindaco la seguente missiva

Oggetto Concessioni Aree cimiteriali

Si comunica che sono pervenute alcune richieste di concessioni per la realizzazione o l'ampliamento di tombe e cappelle gentilizie, le cui concessioni di aree cimiteriali risultano scadute. Per proseguire l'istruttoria delle pratiche è dunque necessario che la Giunta Comunale si esprima circa l'eventuale rinnovo di concessione del suolo.
In attesa di quanto sopra richiesto le pratiche rimarranno sospese.
Il Responsabile del III Settore Arch Sandro D'Arpa

DETTO FATTO IL PARADISO NON PUO' ATTENDERE (infatti il giorno dopo)

Delibera di Giunta 59 del 18.5.07(a pensare che solo il giorno prima l'U.T.C. si era attivato) OGGETTO CONFERMA CESSIONI SUOLI CIMITERIALI (per la gioia di grandi e piccini)
Presenti: Gaspare Portobello, Antonio Bellone, Cutino Maria Grazia, Lo Piccolo Giuseppe, Aiello Paolo (per "FUTURA" incompatibilità assente Alessandro Giucastro)

Il Sindaco da lettura della seguente proposta di deliberazione avente per oggetto "Conferma cessioni suoli cimiteriali"
La giunta Comunale
Premesso che:
il responsabile del settore tecnico ha evidenziato che l'ufficio in passato ha provveduto al rilascio di alcune concessioni edilizie per la realizzazione di sepolture gentilizie;
dette concessioni in atto risultano decadute stante che i lavori non risultano nè iniziati nè ultimati nei tempi previsti dalle concessioni rilasciate e dai contratti di cessione delle aree da parte dell'Amministrazione comunale;
i contratti di cessione delle aree all'art 5 prevedono che "in caso di mancata ultimazione delle opere entro i termini (mesi quarantotto 36+12) l'Amministrazione sarà in diritto di dichiarare la decadenza della concessione rimborsando soltanto due terzi del corrispettivo globale della concessione dell'area;
di conseguenza prima che l'Ufficio tecnico possa valutare la richiesta di rinnovo delle concessioni decadute è necessario che l'Amministrazione si pronunci in ordine al diritto di chiedere la retrocessione delle aree cimiteriali già concesse;
Ritenuto di dover esercitare il diritto a riacquisire le aree cimiteriali già oggetto di concessione con specifici regolari contratti;
DELIBERA
1)Di confermare la cessione delle aree cimiteriali concesse a privati per la realizzazione i sepolture gentilizie nel cimitero comunale nonostante il superamento dei termini entro cui procedere alla realizzazione delle opere espressamente previsti dai singoli contratti;
2)Autorizzare il responsabile del settore tecnico a procedere al rinnovo delle concessioni edilizie decadute, in presenza dei presupposti urbanistico/edilizi.
LA GIUNTA COMUNALE Vista la superiore proposta di deliberazione corredata dal prescritto parere;
Con voti unanimi espressi in forma palese e ritenutala meritevole di approvazione;
DELIBERA
Di confermare la cessione delle aree cimiteriali concesse a privati per la realizzazione di sepolture gentilizie nel cimitero comunale nonostante il superamento dei termini entro cui procedere alla realizzazione delle opere espressamente previsti dai singoli contratti;
Di autorizzare il responsabile del settore tecnico a procedere al rinnovo delle concessioni edlizie decadute, in presenza dei presupposti urbanistico/edlizi.

A POCHI GIORNI DI DISTANZA SI INIZIA A RILASCIARE UNA SERIE DI LICENZE EDILIZIE. CON BUONA PACE DEL POSSIBILE DANNO ERARIALE PROCURATO ALLE CASSE COMUNALI

LA RABBIA E' TUTTA DA RACCONTARE IN PARTICOLARE SE RIANDIAMO ALLO SPETTACOLO INDECOROSO A CUI CI AVETE FATTO ASSISTERE IL MESE DI AGOSTO CORRENTE A SEGUITO DEL FUNERALE DEL NOSTRO CARISSIMO GIOVANE AMICO CONCITTADINO Roberto

LA STORIA DELL’AMPLIAMENTO DEL CIMITERO UN'ALTRA STORIA DI COSTI DI CONSULENZE?

Al Signor Sindaco Comune Isola delle Femmine prot. Comune Isola n.5311 8.5.07

p.c. Al Segretario Comunale Comune Isola delle Femmine

p.c. Al Sig. Arch D’arpa Responsabile dell’U.T.C Comune Isola delle Femmine

p.c. Al Presidente Consiglio Comunale Comune Isola delle Femmine

p.c. Al Gruppo Consiliare “INSIEME” Comune Isola delle Femmine

p.c. Al Gruppo Consiliare “ISOLA DEMOCRATICA” Comune Isola delle Femmine

p.c. Al Gruppo Consiliare ”ISOLA PER TUTTI” Comune Isola delle Femmine


Oggetto: Accesso agli atti ampliamento cimiteriale


Il sottoscritto Giuseppe Ciampolillo nella qualità di Coordinatore del Comitato “Isola Pulita” per la difesa dell’ambiente, associazione interessata alla tutela e al rispetto delle norme relative all’ambiente alla salute ed alla qualità della vita, chiede di poter esercitare l’accesso agli atti ed estrarne copia conforme, degli atti:

-Delibera di incarico per progettista esterno per ampliamento cimitero;
-Copia progetto di massima e/o esecutivo redatto dal progettista incaricato;
-Nota di approvazione ed iter burocratico del progetto presentato.

La richiesta in ottemperanza a quanto previsto:
Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n.195 Attuazione della direttiva 2003/4/CE sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale; Decreto legislativo del 24 febbraio 1997, n. 39, recante attuazione della direttiva 90/313/CEE, concernente la liberta' di accesso alle informazioni in materia di ambiente; Legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni; Decreto Presidente Regione Sicilia 16 giugno 1998, n. 12; Regolamento del diritto di accesso ai documenti dell'Amministrazione regionale;

In attesa di ricevere un vostro riscontro, porgo l'occasione per porgervi distinti saluti.

Isola delle Femmine 7.5.07

Coordinatore
Giuseppe Ciampolillo



AMPLIAMENTO AREA CIMITERIALE

Il 19 settembre dell’anno 2003 la G.M. alla presenza del Sindaco Bologna Portobello Lucido Salvatore CON SEGRETARIO DR. Scafidi Manlio si delibera con la n. 150 avente ad oggetto:

“ASSUNZIONE DI ANTICIPAZIONE DI EURO 13.800,00 CON LA CASSA DEPOSITO E PRESTITO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE”

Il responsabile del III Settore arch Monica Gianbruno sottopone all’approvazione l’ordine del giorno della delibera.
Dal momento che il cimitero comunale è sottodimensionato rispetto agli utenti, e sono necessari lavori di messa a norma e ristrutturazione degli impianti di smaltimento delle acque meteoriche dell’impianto di illuminazione e delle pavimentazioni;
Poiché i lavori di ristrutturazione e di ampliamento del cimitero comunale sono previsti dal programma triennale delle opere pubbliche 2003/2005 con priorità d’intervento generale 45 settore 21 categoria 9 per un importo complessivo di Euro500.000,00;
Considerata la necessità di affidare l’incarico di redazione del progetto definitivo a professionisti esterni all’amministrazione comunale, a causa della carenza d’organico e ritenuta congrua per coprire le spese di progettazione definitiva in via presunta la somma di euro 13.800,00 come da schema di parcella allegato;
Visto l’art 1 commi 54,55,56,57,58 della legge 28 dicembre 1995 n 549 istitutivo del fondo rotativo per la progettualità come modificato e integrato da ultimo dall’art 70 della legge 27 dicembre 2002 n 289;
Vista la Circolare n 1250 del 25 febbraio 2003 della cassa depositi e prestiti;
DELIBERA
-di assumere con la cassa depositi e prestiti un’anticipazione di euro 13.800,00 per far fronte agli oneri per la progettazione definitiva relativa ai lavori di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale;
-di impegnarsi a restituire l’anticipazione entro 60 giorni dal perfezionamento della provista finanziaria per la progettazione dell’opera e comunque entro il termine massimo di tre anni dalla data di prima erogazione;
-di assumere l’obbligo di corrispondere sulle somme dovute in caso di ritardato pagamento gli interessi di mora a decorrere dal giorno successivo alla scadenza del termine sino a comprendere quello dell’effettivo versamento calcolati al tasso attivo di riferimento della cassa depositi e presititi maggiorato del 50 per cento;
-di impegnarsi al rispetto dei termini di cui ai punti 9.3 e 9,.4 della circolare CDP 1250 del 25 febbraio 2003 relativamente alla comunicazione dell’avvenuto affidamento dell’incarico professionale finanziato ed alla richiesta di erogazione dell’intero importo concesso;
-di prendere atto che il mancato rispetto dei termini di cui al precedente punto produrrà a seconda dei casi la revoca o la riduzione dell’anticipazione concessa ai sensi del punto 9.5 della circolare CDP n 1250 del 25 febbraio 2003.
Pareri ed attestazioni resi ai sensi e per gli effetti dell’art 49 del t.u. sull’ordinamento deli enti locali approvato dcon D.Lgs 18.8.200 n 267 relativi alla proposta indicata in oggetto:
Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore deliberazione Arch Gianbruno Monica
Si esprime parere favorevole sulla regolarità contabile della superiore deliberazione Rag Biagio Fontanetta .

Il giorno 11 del mese di novembre dell’anno 2003 la G.M. alla presenza del Sindaco Bologna Portobello Lucido Salvatore di Rubino CON SEGRETARIO DR. Scafidi Manlio si delibera con la n. 188 avente ad oggetto:

“CONFERIMENTO DI INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE”

Il Sindaco Stefano Bologna sottopone all’approvazione l’ordine del giorno della delibera.
- il cimitero comunale è sottodimensionato rispetto agli utenti, e sono necessari lavori di messa a norma e ristrutturazione degli impianti di smaltimento delle acque meteoriche dell’impianto di illuminazione e delle pavimentazioni;
-i lavori di ristrutturazione e di ampliamento del cimitero comunale sono previsti dal programma triennale delle opere pubbliche 2003/2005 con priorità d’intervento generale 45 settore 21 categoria 9 per un importo complessivo di Euro500.000,00;
-v i è la necessità di affidare l’incarico di redazione del progetto definitivo a professionisti esterni all’amministrazione comunale, a causa della carenza d’organico e ritenuta congrua per coprire le spese di progettazione definitiva in via presunta la somma di euro 13.800,00 come da schema di parcella allegato;
Visti:
-la delibera G.C. n 159 del 19 settembre 2003 con la quale si è assunto un mutuo con la cassa depositi e prestiti facendo ricorso al FRP;
-il curriculum dell’arch Paci Rocco nato a Mazzarino (Cl) il 24 febbraio 1970 P I:V:A 04935480824 residente in via Pitrè 193/d Palermo;
-la dichiarazione dell’arch Rocco Paci ai sensi dellart 17 c 13 L 109/1994 che attesta che il professionista non ha in corso altri incarichi da parte del Comune di Isola delle Femmine e che l’ammontare degli incarichi fiduciari in corso di espletamento nella Regione Siciliana è inferiore a euro 200.000,00;
-lo schema di disciplinare d’incarico allegato alla presente delibera;
-le LL.RR 7/2002 e 7/2003;
-la L 109/1994 e successive modifiche ed integrazioni;
-il DPR 554/1999 e successive modifiche ed integrazioni;
DELIBERA
-di dare incarico della progettazione definitiva di lavori di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale all’arch Rocco Paci nato a Mazzarino 24 febbraio 1970 P I.V.A. 04935480824 residente in via Pitrè 193/d Palermo;
-di approvare l’allegato disciplinare di incarico;
-di dare atto che per far fronte alla spesa relativa all’onorario progettazione definitiva dei lavori di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale presuntivamente pari a euro 13.800,00 IVA compresa si ricorrerà al FRP;
Pareri ed attestazioni resi ai sensi e per gli effetti dell’art 49 del t.u. sull’ordinamento deli enti locali approvato dcon D.Lgs 18.8.200 n 267 relativi alla proposta indicata in oggetto:
Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore deliberazione Arch Gianbruno Monica

In allegato alla delibera con protocollo 16035 dichiarazionbe arch Paci Rocco che l’ammontare degli incarichi non supera 200.00,00 euro.
Si allega inoltre alla delibera con prot 15668 la Domanda di accesso al Fondo Rotativo per la Progettualità per la concessione di una anticipazione dell’importo di euro 13.800,00 firmata dalla Monica Gianbruno Arch Responsabile UTC Servzio II
Si allega alla delibera 188 con prot 15668 6.11.2003 La relazione “Lavori di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale dell’intervento euro 500.000,00 firmato dall’Arch Maida Paola responsabile del Servizio II Settore III .E’ inoltre allegato alla delibera 188 lo schema di convenzione per l’incarico di progettazione definitiva dei lavori di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale sottoscritto tra l’arch paci e l’arch Gianbruno la convenzione stipulata il 15 dicembre 2003


Il giorno 25 del mese di marzo dell’anno 2004 la G.M. alla presenza del Sindaco Bologna Portobello Lucido CON SEGRETARIO DR. Scafidi Manlio si delibera con la n. 54 avente ad oggetto:
“CONFERIMENTO DI INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE PER L’ACCESSO AL FONDO ROTAZIONE EX ART 17 BIS 109/1994”

Il Sindaco Stefano Bologna sottopone all’approvazione l’ordine del giorno della delibera.
- il cimitero comunale è sottodimensionato rispetto agli utenti, e sono necessari lavori di messa a norma e ristrutturazione degli impianti di smaltimento delle acque meteoriche dell’impianto di illuminazione e delle pavimentazioni;
-i lavori di ristrutturazione e di ampliamento del cimitero comunale sono previsti dal programma triennale delle opere pubbliche 2003/2005 con priorità d’intervento generale 45 settore 21 categoria 9 per un importo complessivo di Euro500.000,00;
--con delibera G.C. n 159 del 19 settembre 2003 con la quale si è assunto un mutuo con la cassa depositi e prestiti facendo ricorso al FRP;
-con del G.C.188 ( e non 1888) dell’11 novembre 2003 è stato affidato l’incarico della progettazione definitiva all’Arch Paci rocco per l’importo complessico di 13.800,00;
-la CDP non ha accettao la richiesta del comune relativamente all’accensione del mutuo con ns prot 24 gennaio 2004;
-con det Sindacale 9 18.3.2004 è stato approvato lo schema di programma triennale 2004/2006 che prevede l’intervento di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale con prioriità d’intervento generale 45 settore 20 categoria 9 per un importo di euro 1.00.000.00,00;
Dal momento che:
-è necessario viste le cattaristiche dell’intervento che il progetto definnitivo sia accompagnato dalla relazione geologica e si ritiene necessario modificarla inserendo l’art 15 come di seguito riportato:

Art 15 Consulenze

I professionisti potranno previa autorizzazione dell’Amministrazione servirsi di consulenti per particolari studi specialistici (indagini geognostiche, studigeologici ecc? in ogni caso la spesa ed il rimborso al professionista avverà sulla base dei documenti giustificativi di spesa.-l’omorario relativo alla progettazione definitiva risulta quibdi pari a euro 48.937,46 come da schema allegato;

-il D.A. L.L.P.P. del 1 dicembre 2003 prevede l’accesso al fondo di rotazione per la progettazione definitiva previsto all’art 17bis della L. 109/1994.
DELIBERA
-di prendere ato che l’incarico della progettazione definitiva dei lavori di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale è stato affidato all’arch Paci Rocco nato a Mazzarino il 24 febbraio 1970 P IVA 04935480824 residente in via Pitrè 193/d Palermo;
-e in seguito all’accesso al fondo rotativo prvisto dall’art 17 della L.109/1994;
1) di modificare lo schema di convenzione approvato con del G.C. 1888 dell’11 novembre 2003 aggiungendo l’art 15 riportato im premessa e di allegare alla presente delibera il nuovo schema di convenzione;
2) di modificare l’onorario per la progettazione definitiva dei lavori di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale che sommano presuntivamente ad euro 48.937,46 IVA e CNPAIA comprese;
-di prendere atto che per far fronte alla spesa relativa all’onorario progettazione definnitiva dei lavori di ristrutturazione ed ampliamento del cimitero comunale presuntivamente pari a euro 48.937,46 IVA e CNPAIA comprese si attiveranno le procedure previste dal D.A. L.L.P.P. del 1 dicembre 2003;
-di obbligarsi ad effettuare il relativo impegno di spesa per la restituzione delle somme eventualmente finanziate dal dipartimento ispettorato tecnico dei LLPP del 1 dicembre 2003 ovvero entro 3 anni dalla notifica di finanziamento delle somme per la progetazione definitiva.
IMMEDIATA ESECUTIVITA’Pareri ed attestazioni resi ai sensi e per gli effetti dell’art 49 del t.u. sull’ordinamento deli enti locali approvato dcon D.Lgs 18.8.200 n 267 relativi alla proposta indicata in oggetto:
Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore deliberazione Arch Gianbruno Monica
In allegato alla delibera con protocollo 3818 30.3.2004 dichiarazione arch Gianbruno su ordine di priorità
In allegato alla delibera con protocollo 3816 30.3.2004 dichiarazione arch Gianbruno Responsabile Procedimento e ARCH Maida Paola Progettista Verbale verifica ex art 554/1999 lavori di ristruturazione ed ampliamento del cimitero comunale.
In allegato alla delibera con protocollo 3893 31.3.2004
Il Sindaco avanza richiesta di finanziamento assessorato LLPP Dipartimento Ispettorato tecnico palermo per euro 48.937,46 Sottoscritto anche dal Responsabile del Settore II Arch Gianbruno Monica.






Ristrutturazione ed ampliamento del cimitero Euro 48.937,46

Motivi di esclusione 10 - No delibera o determina dirigenziale di adozione del progetto preliminare da parte del soggetto richiedente (art. 6, decreto assessoriale n. 44 dell’1 dicembre 2003 e schema






COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
Provincia di Palermo
* DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE
N. 1 DEL 13 GENNAIO 2006

OGGETTO: Proroga di affidamento servizi cimiteriali

IL DIRETTORE GENERALE
Visto l’art.51 della legge 8 giugno 1990, n.142, recepita dall’art.1 della L.R.11 dicembre 1991, n.48;
Visto l’art.3 del D.Lgs. 3 febbraio 1993, n.29;
Visto l’art.6 della legge 15 maggio 1997, n.77;
Visto l’art.2 della L.R. 7 settembre 1998, n.23;
Dato atto che la struttura organizzativa dell’Ente si articola in Settori e Servizi;
Rilevato che per il 1° Settore la posizione organizzativa è stata conferita , in via provvisoria, al Direttore Generale, giusta determinazione sindacale n.48 del 09/11/2004;
Ritenuta, pertanto, la propria competenza in merito all’oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata ;

Richiamata la determinazione del Responsabile del Settore Amministrativo n.340 del 29/07/2005, con la quale sono stati affidati i servizi cimiteriali al Consorzio Crisalide Soc. Coop. Sociale con sede in Palermo in Via D. Trentacoste n. 34 per l'importo mensile di €. 1188,00 oltre iva al 4%;

Ritenuto di dover ulteriormente assicurare i servizi cimiteriali, mediante la proroga dell’ incarico per ulteriori mesi due alla suddetta Ditta trattandosi di servizio essenziale, onde evitare danni ai sensi dell’art. 163 comma 2.del D.Lgs 267/00;
Vista la legge 8.6.1990, n.142, recepita con modifiche dall'art.1 della L.R. 11.12.1991, n.48;
Visto il vigente O.A.EE.LL.;

D E T E R M I N A

Prorogare, per i motivi espressi in narrativa, per ulteriori mesi 2 (due) al Consorzio Crisalide Soc. Coop. Sociale con sede in Palermo in Via D. Trentacoste n. 34, l’affidamento dei servizi cimiteriali per il periodo 16.01.2006 al 15.03.2006.
Imputare, l’onere derivante dal presente provvedimento, pari a € 2.471,04 sul cap. 1472.04 del c.B. “Incarico sorveglianza cimitero”, in corso di formazione, dando atto che il corrispondente capitolo del bilancio 2005 era dotato di uno stanziamento di € 11.789,10 ( IMP. 93/06)


IL DIRETTORE GENERALE
CAPO DEL SETTORE AMMINISTRATIVO
Dr. Manlio Scafidi


PARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT.49 COMMA 1°, E 151 COMMA 4°, DEL D.LGS. 18/08/2000, N.267
Ai sensi e per gli effetti dell’ Art. 163 comma 2 D.Lgs. 267/2000 e successive modifiche ed integrazioni, si esprime parere favorevole sulla regolarità contabile e si attesta la relativa copertura finanziaria.
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO
Rag. Biagio Fontanetta





COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
Provincia di Palermo


DETERMINAZIONE DEL SINDACO N° 3 DEL 14/04/2006


OGGETTO: Conferimento incarico di collaborazione coordinata a progetto al signor Cataldo Antonio per servizi di sepoltura, affossamento, riesumazione e manutenzione ordinaria cimitero comunale.

IL SINDACO

VISTA la legge 8 giugno 1990, n.142;

VISTA la legge regionale 11/12/1991, n.48;

VISTO il D.Lgs. 30.03.2001, n.165;

VISTE le leggi regionali n.7 del 26/08/92, n.26 del 01/09/93;

VISTO l’art.11 della L.R. 06/04/96, n.22 e l’art.12 L.R. 4/96;

RITENUTA la propria competenza in merito all’oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata;

VISTO l’art.13 della L.R. n.7/92, come modificato dall’art. 41 della L.R. n.26/93, secondo il quale il Sindaco nomina il responsabile degli uffici e dei servizi, attribuisce e definisce incarichi dirigenziali, quelli di collaborazione esterna secondo le modalità ed i criteri dell’art.51, comma 7 della legge n. 142/90, così come recepito dall’art.1, comma 1, lettera h, della legge regionale n.48/91;

VISTO l’art.9 della L.R. n.48 dell’11/12/1991, che attribuisce al Sindaco tutti gli atti di Amministrazione che dalla legge o dallo Statuto non siano specificatamente attribuiti alla competenza di altri organi del Comune;

PREMESSO che a causa della scomparsa improvvisa del necroforo, dipendente comunale in pensione, con il quale era stato sottoscritto un contratto di collaborazione coordinata e continuativa per il servizio di seppellimento e pulizia del cimitero, il suddetto servizio è rimasto scoperto;

CHE tra i dipendenti comunali non è presente alcuna figura professionale in grado di sostituirlo nell’attività svolta in quanto impegnati in altre attività e che nessun dipendente si è dichiarato disponibile a svolgere le suddette mansioni;

VISTO l’articolo 7, comma 6, del decreto legislativo n°165/2001 che prevede la possibilità per le pubbliche amministrazioni di conferire incarichi individuali a personale esterno per esigenze cui non possono far fronte con il personale in servizio;

VISTA la propria determinazione n°12 del 30 marzo 2004 con la quale è stato conferito l’incarico di collaborazione coordinata e continuativa per l’attività di seppellimento e manutenzione del cimitero comunale dal 1° aprile 2004 e successivamente prorogato sino al 30 luglio 2005 al Sig. Cataldo Antonio, nato a ????????? il ???????????? ed ivi residente in ?????????????? in quanto in passato aveva collaborato con il proprio genitore necroforo comunale;
CHE con determinazione del Responsabile del Settore Amministrativo n°340 del 29 luglio 2005 è stato affidato al Consorzio Crisalide, Via D. Trantacoste, n°34 di Palermo, i servizi cimiteriali sino al 17 aprile 2006 per un importo mensile di € 1.188,00 oltre IVA;

DATO ATTO che, per l’anno 2005, questo Comune ha rispettato il patto di stabilità interno;

RITENUTO indispensabile reperire urgentemente il personale per lo svolgimento del suddetto servizio;

INDIVIDUATO nel sig. Cataldo Antonio nato a ?????????????? il ????????????? ed ivi residente in ?????????????, personale qualificato a svolgere i compiti di cui in oggetto in quanto in passato ha già espletato il presente incarico con diligenza e competenza;

CONSIDERATO che il compenso forfetario mensile per l’attività prestata può individuarsi in € 750,00 per un periodo di mesi tre a partire dal 18 aprile 2006 con evidente risparmio per il Comune rispetto al costo mensile pagato al predetto consorzio;

VISTA la bozza di contratto di collaborazione coordinata a progetto predisposta dall’Ufficio incaricato;

VISTO il corrente bilancio di previsione in corso di formazione;

VISTO il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;

RITENUTO che l’onere finanziario può trovare copertura sul capitolo 1472.1 del corrente bilancio di previsione;
DETERMINA

1) CONFERIRE al Sig. Cataldo Antonio, nato a ?????????????? il ?????????????? ed ivi residente in ????????????, codice fiscale: ??????????????? l’incarico di collaborazione coordinata a progetto per i servizi di sepoltura, affossamento, riesumazione e di manutenzione del cimitero comunale, per mesi 3, decorrenti dalla data di sottoscrizione del contratto di collaborazione.

2) APPROVARE la bozza di contratto di collaborazione coordinata a progetto predisposta dal competente Ufficio comunale.

3) CORRISPONDERE al Sig. Cataldo Antonio il compenso forfettario mensile di € 750,00, al lordo della ritenuta d’acconto.

4) IMPEGNARE la spesa complessiva di € 2.700,00 di cui € 2.250,00 per compenso e d 450,00 per oneri riflessi a carico del Comune sul capitolo 1472.4, del corrente bilancio di previsione in corso di formazione, dotato della necessaria disponibilità e che trattasi di spesa indispensabile per assicurare l’attività di cui in premessa e non frazionabile.

Il SINDACO
Prof. G. Portobello

PARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT.53 E 55, COMMA 5, DELLA LEGGE 08.06.90, N.142, RECEPITA CON MODIFICHE DALL'ART.1 DELLA L.R. 11.12.1991, n.48:

Si esprime parere favorevole sulla regolarità contabile della superiore determinazione e si attesta la regolare copertura della spesa relativa sui Capitoli sopra indicati.

IMP. N° 194 / 2006 IL RAGIONIERE CAPO
Rag. Biagio Fontanetta
COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
Provincia di Palermo

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA A PROGETTO

L’anno duemilasei, il giorno ____ del mese di aprile, nella sede comunale di Isola delle Femmine, Via C. Colombo, n.3, con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge;

Tra il Comune di Isola delle Femmine, di seguito denominato Comune, nella persona del Direttore Generale Dr. Manlio Scafidi;

Ed il Sig. CATALDO Antonio, nato a ??????????????? il ??????????? ed ivi residente in Piazza XXI Aprile, n.2, C.F.:CTLNTN70T12E350S, di seguito denominato semplicemente Collaboratore;

Si stipula e conviene quanto segue

Premesso che il Comune di Isola delle Femmine, con determinazione del Sindaco n° _____ del ________________, ha deciso di conferire l’incarico di collaborazione coordinata a progetto, ai sensi della normativa vigente in materia, al Sig. CATALDO Antonio, come sopra generalizzato;

CHE il Collaboratore si è reso disponibile a prestare la propria opera per lo svolgimento delle prestazioni indicate a favore del Comune;

CHE le parti sono concordi nello stipulare un contratto di collaborazione coordinata e continuativa senza vincolo di subordinazione, della durata di mesi tre, avente ad oggetto una prestazione d’opera sottoposta alle norme di cui al Titolo III del libro quinto del Codice Civile e della normativa vigente in materia;

1. Conferimento dell’incarico:

Il Comune conferisce al Collaboratore, che accetta, l’incarico avente oggetto la seguente attività:

Manutenzione del Cimitero Comunale e attività di seppellimento.

L’incarico dovrà essere espletato in modo autonomo, coordinandosi con il responsabile del 2° Servizio del 3° Settore “Tecnico” e con il responsabile dello stesso 3° Settore, in base alle necessità ad alle esigenze organizzative, fermi restando l’assenza di qualsiasi vincolo di subordinazione e l’autonomia di esecuzione della prestazione da parte del Collaboratore.

L’incarico ha natura di collaborazione coordinata a progetto e viene conferito ai sensi e per gli effetti degli artt.2222 e seguenti del Codice Civile.

2. Durata dell’incarico.

Il presente incarico decorre dal _______________ al ________________ e può essere rinnovato con successivo atto.

Il Collaboratore dovrà comunicare tempestivamente all’Ente:

a) l’impossibilità di effettuare le prestazioni oggetto del presente contratto, al fine di permettere al Comune di intervenire con soluzioni alternative;
b) eventuali problemi o difficoltà che dovessero sorgere durante l’espletamento delle attività previste dal presente contratto;
c) astenersi da qualsiasi atto che possa recare pregiudizio al Comune nell’ambito dello svolgimento diretto delle proprie prestazioni e sia in generale nei confronti di terzi.

3. Compenso:

Per tale incarico il Comune si impegna a corrispondere il compenso forfettario mensile di € 750,00 (settecentocinquanta euro) oltre gli oneri riflessi a carico dell’Ente previsti dalla legge.

Il compenso verrà liquidato mensilmente previa presentazione di nota professionale da parte del Collaboratore.

Entrambe le parti possono risolvere il presente accordo per inadempienza; in caso di eccesso da parte del Collaboratore il periodo di preavviso è di giorni 30 (trenta).

In caso di inadempienza delle parti, salvo il diritto alla liquidazione degli eventuali danni subiti ed al pagamento dei compensi maturati fino al momento dell’interruzione, la risoluzione deve essere motivata.

La parte che intende far valere la presente clausola dovrà darne comunicazione alla controparte con richiesta di rimuovere le cause entro sette giorni dalla comunicazione. Qualora le cause non vengano rimosse entro i sette giorni successivi alla comunicazione, il contratto si intenderà risolto.

La parte che intendesse far valere le proprie ragioni in ordine alla risoluzione del contratto attiverà le procedure dal successivo punto 5.

4. Spese di convenzione

Le spese di bollo relative alla presente convenzione sono a carico del Collaboratore. Tale atto, ai sensi del D.P.R. n.31/86, è soggetto a registrazione solo in caso d’uso.

5. Controversie

Per tutte le controversie che dovessero sorgere relativamente all’interpretazione del presente contratto ovvero alla sua applicazione, si espleterà un tentativo di conciliazione presso l’Ufficio del Lavoro di Palermo.

6. Rinvio

Per quanto non espressamente previsto dal presente contratto si applicano le vigenti norme civili e penali.

Il presente atto in duplice originale da tenere agli atti del Comune e del Collaboratore, previa lettura ed approvazione, viene sottoscritto come segue:


IL COORDINATORE IL DIRETTORE GENERALE

_______________________________ _________________________________


COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
Provincia di Palermo
*
Settore Amministrativo
Servizio “Segreteria – Affari Generali e Legali – Assistenza agli Organi Istituzionali – Difensore Civico”
DETERMINAZIONE DEL CAPO DEL 1° SETTORE
N. 152 DEL 19 APRILE 2006

OGGETTO: Liquidazione fattura n.03 del 31/03/2006 al Consorzio Crisalide Soc. Coop. Sociale per il servizio cimiteriale per il mese di Marzo.

IL CAPO SETTORE
Visto l’art.51 della legge 8 giugno 1990, n.142, recepita dall’art.1 della L.R.11 dicembre 1991, n.48;
Visto l’art.3 del D.Lgs. 3 febbraio 1993, n.29;
Visto l’art.6 della legge 15 maggio 1997, n.77;
Visto l’art.2 della L.R. 7 settembre 1998, n.23;
Dato atto che la struttura organizzativa dell’Ente si articola in Settori e Servizi;
Rilevato che per il 1° Settore la posizione organizzativa è stata conferita , in via provvisoria, al Direttore Generale, giusta determinazione sindacale n.48 del 09/11/2004;
Ritenuta, pertanto, la propria competenza in merito all’oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata ;

Richiamata la determinazione del Responsabile del Settore Amministrativo n.340 del 29/07/2005, con la quale sono stati affidati i servizi cimiteriali al Consorzio Crisalide Soc. Coop. Sociale con sede in Palermo in Via D. Trentacoste n. 34 per l'importo mensile di €. 1188,00 oltre iva;

Premesso che, con determinazione n. 01 del 13 gennaio 2006 è stato prorogato per successivi mese due al Consorzio Crisalide Soc. Coop. Sociale l’espletamento dei servizi cimiteriali;
Dato atto che la ditta incaricata ha regolarmente espletato il servizio nel periodo dal 01/03/2006 al 31/03/2006;
Vista la fattura n. 03 del 31/03/2006 , prot. n. 5222 del 11/04/2006, prodotta dal Consorzio Crisalide Soc. Coop. Sociale per l’espletamento dei servizi cimiteriali, per il periodo dal 01/03/2006 al 31/03/2006, ammontante a €.1.235,52 inclusa IVA,;
Ritenuto di dover procedere alla liquidazione ed al pagamento di quanto dovuto per il servizio prestato;

D E T E R M I N A
1. Liquidare al Consorzio Crisalide Soc. Coop. Sociale con sede in Palermo in Via D. Trentacoste n. 34, la somma di € 1.235,52, IVA compresa, a saldo della fattura n. 03 del 31/03/2006 prodotta dal predetto Consorzio per l’espletamento dei servizi cimiteriali per il periodo 01.03.2006/31.03.2006.
2. Imputare l’onere derivante dal presente provvedimento sul cap. 1472.04. del c.B. “Incarico sorveglianza cimitero” ( IMP. 93/06 );
3. Demandare all’Ufficio ragioneria l’emissione di apposito mandato di pagamento.


IL DIRETTORE GENERALE
CAPO DEL SETTORE AMMINISTRATIVO
Dr. Manlio Scafidi

NORME DI DEONTOLOGIA PROFESSIONALE ORDINE DEGLI ARCHITETTI
DELIBERA 20 DICEMBRE 2006
Premessa
Il paesaggio, il territorio e l’architettura sono espressione culturale essenziale dell'identità storica in ogni Paese.
L'architettura si fonda su un insieme di valori etici ed estetici che ne formano la qualità e contribuisce, in larga misura, a determinare le condizioni di vita dell'uomo e non può essere ridotta a un mero fatto commerciale regolato solo da criteri quantitativi. L’opera di architettura, ed in genere le trasformazioni fisiche del territori, tendono a sopravvivere al loro ideatore, al loro costruttore, al loro proprietario e ai loro originari utenti. Per questi motivi sono di interesse generale e costituiscono un patrimonio della Comunità.
La tutela di questo interesse è uno degli scopi primari dell'opera progettuale e costituisce fondamento etico della professione.
La società ha dunque interesse a garantire un contesto nel quale l'Architettura possa essere espressa al meglio, favorendo la formazione della coscienza civile dei suoi valori e la partecipazione dei cittadini alle decisioni concernenti i loro interessi; gli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori iscritti alle diverse sezioni dell’albo hanno il dovere, nel rispetto dell'interesse presente e futuro della società, di attenersi al fondamento etico proprio della loro disciplina.
Gli “atti progettuali” rispondono all'esigenza dei singoli cittadini e delle comunità di definire e migliorare il loro ambiente individuale, familiare e collettivo, di tutelare e valorizzare il patrimonio di risorse naturali, culturali ed economiche del territorio, adottando, nella realizzazione della singola opera e di ogni trasformazione fisica del territorio, le soluzioni tecniche e formali più adeguate ad assicurarne il massimo di qualità e durata, e il benessere fisico ed emozionale dei suoi utenti Le norme di etica professionale che seguono sono l'emanazione di questo assunto fondamentale che appartiene alla formazione intellettuale di ogni professionista iscritto all’albo degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, d’ora in avanti chiamato per brevità “iscritto”. Esse completano, nell'ambito delle leggi vigenti, le Norme per l'esercizio e l'ordinamento della Professione.






http://isolapulita,blogspot.it/

6 commenti:

Anonimo ha detto...

IL COMUNE DI ISOLA NEGLI ULTIMI ANNI E STATO RETTO DA DILETTANTI ALLO SBARAGLIO E DA IMPIEGATI PRIVI DI UNA MINIMA PREPARAZIONE
ESEMPIO I PROGETTO PRIMA PAGATI CON I SOLDI DEI CITTADINI TRATTATI DA FESSI E POI NON APPROVATI DALLA REGIONE PERCHE MANCA SEMPRE UN DOCUMENTO SEMPLICE CAUSALE O FATTO DI PROPOSITO TANTO LE PARCELLE SNO STATE PAGATE E QUELLO CHE INTERESSA
ISOLANI LEVATEVI IL PROSCIUTTO DAGLI OCCHI E MANDATE A CASA QUESTA
GENTAGLIA

Anonimo ha detto...

AIELLO BOLOGNA PORTOBELLO HANNO
FATTO DEL COMUNE DI ISOLA UN BORDELLO

Anonimo ha detto...

Interrogazione a risposta scritta 4-03570
presentata da ANGELA NAPOLI venerdì 19 luglio 2002 nella seduta n.180

ANGELA NAPOLI. - Al Ministro dell’interno, al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che:

fin dal 1999 parlamentari di Alleanza Nazionale hanno presentato atti ispettivi per richiedere interventi adeguati al ripristino della legalità, contro le infiltrazioni mafiose, presso amministrazione comunale di Isola delle Femmine;

nonostante fin dal giugno del 2000, dopo particolari indagini, siano stati comprovati rapporti di parentela e di amicizia tra amministratori del comune in questione ed esponenti della criminalità organizzata del luogo, il prefetto di Palermo non ha inteso disporre l’accesso previsto dal decreto ministeriale del 23 dicembre 1992;

con lettera datata 13 settembre 2001 l’Associazione «Nuova Torre», rappresentata nel consiglio comunale di Isola delle Femmine, ha ribadito, al Ministro dell’interno pro-tempore le denunzie contenute nelle interrogazioni parlamentari presentate da altri deputati di Alleanza Nazionale, dando notizia di appoggi malavitosi profusi nei confronti dell’attuale sindaco durante le ultime elezioni amministrative del 24 giugno 2001;

va ricordato che nella giunta comunale di quel comune c’è stato, con delega ai lavori pubblici, il cognato di un noto personaggio arrestato con l’imputazione di associazione mafiosa nel contesto di una indagine volta a ricostruire la nuova mappa delle cosche palermitane;

sembrerebbe che parenti dell’assessore in questione, poi dimessosi, e del presunto boss Pietro Bruno, individuato dagli inquirenti come capo zona di fiducia del boss superlatitante Bernardo Provenzano, dirigano presso il comune di Isola delle Femmine gli uffici anagrafe, elettorale, leva e segreteria, il che agevolerebbe l’assessore dimissionario ed il presunto boss mafioso ad acquisire ruoli preponderanti nella trattazione d’affari politiche edilizie;

con lettera datata 8 gennaio 2002, il gruppo consiliare «Nuova Torre» di Isola delle Femmine ha segnalato al prefetto di Palermo l’omissione posta in essere dal sindaco del comune in ordine al rilascio dell’illegittima autorizzazione edilizia ex articolo 13, legge n. 47 del 1985, protocollo n. 827/Cc del 20 maggio 1999 (all’ex vice sindaco, oggi presidente del consiglio comunale) in assenza di N.O. della Soprintendenza ai beni culturali ed ambientali di Palermo ed il cui carteggio è già in possesso della Prefettura;

sempre il gruppo consiliare «Nuova Torre» con lettera datata 6 giugno 2002 ha ancora trasmesso, al prefetto di Palermo, il prospetto di n. 10 concessioni edilizie rilasciate, in costante violazione delle norme vigenti in materia, in favore di assessori, componenti o parenti dell’attuale maggioranza consiliare;

al prospetto citato è possibile evincere il rilascio della concessione edilizia n. 21 del 2001 del 14 maggio 2001 ai signori Puccio Rosaria Maria, Domenica e Salvatore, con istanza presentata, dal dichiarato procuratore Pomiero Giuseppe, e dalla concessione edilizia n. 13 del 2000 del 7 giugno 2000 alla signora Cataldo Rosaria, ma i relativi provvedimenti della Soprintendenza ai beni culturali ed ambientali e del Genio Civile sono intestati a Pomiero Giuseppe;

i nomi di Pomiero Giuseppe, così come quello del citato boss Pietro Bruno, risultano tra i soggetti economici ai quali è stata effettuata la confisca di beni illeciti, il cui elenco generale è stato allegato alla relazione della Commissione Parlamentare sul fenomeno della Mafia nella IX legislatura presentata alla Presidenza delle Camere il 16 aprile 1985 -:

se, verificate le gravi notizie esposte dall’interrogante, non ritengano necessario ed urgente avviare le procedure per lo scioglimento del consiglio comunale di Isola delle Femmine. (4-03570)
# posted by Anonimo : 12:22 AM
Se quelllo che a riferito il Direttore Gneerale del Comune di Isola delle Femmine sui VIgili Urbani è vero bisigna rifare un nuovo corpo dei vigli urbani senza raccomandati e parenti di amministratori perchè hanno perso autorevolezza ma se non è vero il direttore generale che si assume le responabilità di quello che scrive sia cacciato lui immediatamente
Ma gli amministratori sono incapaci di fare questo e pensano solo allo stipendio ogni mese e i vigili urbani sono sputati da tutti come l'armata brancaleone.
# posted by Anonimo : 9:45 AM
Prima di fare il Comamnadete dei vigili non è stato capace di fare il vigile.
# posted by Anonimo : 9:48 AM
ISOLA A TOCCATO IL FONDO
QUESTI DI ISOLA X TUTTI
SONO GLI EREDI DI BOLOGNA
# posted by Anonimo : 11:45 AM
E' vergognoso assistere in questo Comune ai litigi e dissapori tra chi vuole comandare e chi comanda. Forse i compromessi elettorali hanno montato la testa a qualcuno; Sarebbe ora che il direttore generale faccia le valigie perchè sembra avere le idee confuse;
Effettivamente dovrebbe dimettersi l'intera amministrazione comunale che ogni giorno non fà altro che dimostrare l'attaccamento alla poltrona e allo stipendio.
# posted by Anonimo : 3:08 PM
IL MALE DEI VIGILI URBANI STA NEL VICE COMANDANTE SE NON LO AVETE CAPITO
# posted by Anonimo : 8:25 AM
...é vero!!il male dei vigili urbani sta proprio nel vice -comandante......che ancora non si decide a fare "male" a qualcuno!!!!!
# posted by Anonimo : 1:36 PM
I TRADITORI DELLA PATRIA!!!!fanno i fannulloni e lavativi, si servono dei colleghi, indovina chi sono?Cip e Ciop!!!!La coppia più velenosa del Comando!!!!Oliveri-Ferrante!!!Tirano le pietre e poi si nascondono!!
# posted by Anonimo : 1:40 PM
I VIGILI URBANI SONO TUTTI DEI "QUAQUARAQUA'".ALTRO CHE UOMINI!NON RISPETTANO LE NORME E TANTOMENO LA GERARCHIA!NON SONO CAPACI DI FARE QUESTO MESTIERE PERCHE' IGNORANTI ALL'ORIGINE.SPECIALMENTE QUELLO CHE SI SENTE LA "MENTE" DEL COMANDO.CHE VADA A FARE IL VIGILE AL SUO PAESE:TORRETTA, AL POSTO DI STARE A ROVINARE LA REPUTAZIONE DELLA GENTE E FARSI "PESTARE" PER IL SUO CARATTERE ARROGANTE!
# posted by Anonimo : 1:53 PM
Convocato il Consiglio Comunale per la solidarietà ai Vigili Urbani!Era meglio il tribunale dell'inquisizione!VERGOGNA!
# posted by Anonimo : 1:56 PM
I Vigili Urbani sono lo specchio dell'Amministrazione Comunale!DISASTRATI più di loro!
# posted by Anonimo : 1:57 PM
..ed i Carabinieri di Isola delle Femmine, li dimentichiamo?Noooo!Invidiosi dei 20 sequestri di scooter da parte dei vigili, anche loro vorrebbere fare qualcosa.Ma dove si mettono?Nella statale, naturalmente!E il coraggio di mettersi in piazza?"Spetta ai vigili" rispondono dall'alto.bella collaborazione! A Senso Unico!
# posted by Anonimo : 2:57 PM
I vigili urbani sono il biglietto di come si presenta fuori del municipio l'amministrazione
portobello
# posted by Anonimo : 4:53 AM
Al caro amico anonimo/a che menziona l'operato dei carabinieri,rispondo dicendo che:
prima di fare delle affermzioni dovresti conoscere quali sono le competenze che spettano ai vigili urbani,e quelle che spettano ai carabinieri.
In seguito ti esorto ad avere un maggiore rispetto per le istituzioni, ricordandoti che quando chiami il 112 non sei tu che scendi da casa per fare l'intervento al cittadino, ma sei uno o una che magari guarda dalla finestra e si fa i cavoli suoi, guardandosi magari un bello spettacolo da cinema.
# posted by Anonimo : 7:45 AM
Il vice comandante fa solo opere di bene e come
# posted by Anonimo : 10:51 AM
Sappiamo che in Consiglio Comunale è stato votato all'unanimità il Codice Etico dell'amministratore. Meglio conosciuto come CODICE-ANTIMAFIA. Non Pensante che ci sia tanto da ridere su questa Vostra non coerenza? Forse non tutti sanno che alcuni nostri amministratori hanno avuto o forse hanno ancora rapporti di parentela con alcuni nomi eccellenti di famiglie mafiose. Non è ora che volontariamente si mettano da parte questi nostri signori amministratori capo gruppo consiliare responsabile di settore e cercano così di essere coerenti con quello che hanno votato? Questo può servire da esempio anche con qualche CONSULENTE-DIPENDENTE responsabile di settore del nostro comune.
# posted by Anonimo : 2:39 PM
Vorrei sapere se corrisponde al vero che il vicepresidente del consiglio del comune di Isola delle Femmine è stato rinviato a giudizio per aggressione al vigile urbano in servizio alla seduta del consiglio comunale?
Se corrisponde al vero come dice GRILLO non deve essere dimesso?
Grazie della risposta.
Un onesto cittadino
# posted by Anonimo : 2:45 PM
Tenente Maria Laura Bruno.


Esprimo la mia personale solidarietà al Comandante della Polizia Municipale di Isola delle Femmine, Cap. Antonio Croce, per quanto comunicato dal Direttore Generale durante l'ultimo Consiglio Comunale,in quanto, se questa era la sua intenzione, sicuramente non era nè il momento nè il luogo adatto.In parte è vero quanto comunicato ma tutta la situazione di disagio non è imputabile al Comandante della P.M. che in questi anni, nonostante tutto, è riuscito a svolgere la sua attività con impegno e professionalità e a tutelare sia il personale di questo Comando che la collettività.Rinnovo, quindi, nei suoi confronti, la mia solidarietà, stima e fiducia.

Il Vice-Comandante -

Tenente Maria Laura Bruno.
# posted by Anonimo : 3:31 PM
Caro onesto cittadino, devi sapere che GRILLO ,il quale ammiro tantissimo, prima di sparare cazzate, si DOCUMENTA. Comunque,e lo sanno già tutti, il Vice-presidente del Consiglio, Capitano Lucido Salvatore, stimato, amato e rispettato cittadino di Isola delle Femmine,non ha aggredito un vigile urbano durante il consiglio comunale.Interrogati dalla Procura della Repubblica di Palermo, almeno 20 delle persone, presenti al Consiglio Comunale,compreso Stefano Bologna,hanno dichiarato che il Vice-presidente del Consiglio, ha chiamato, FUORI dall'Aula Consiliare, l'Ag. Ferrante Graziano, rimproverandolo, a voce troppo alta.Quindi non c'è stata nessun tipo di aggressione, nè fisica nè verbale e l'Agente Ferrante, nella sua relazione di servizio pubblicata sul giornalino di Isola delle Femmine, non solo ha dichiarato il falso, ma ha reso pubblico un atto d'ufficio del Comando di P.M.!!,violando quindi il cosidetto segreto d'ufficio, che come tutti sappiamo, SCONOSCE in maniera evidente e per il quale ha subìto un procedimento disciplinare finito con un compromesso politico. SODDISFO,inoltre, ulteriormente la tua curiosità, aggiungendo che l'unico testimone che era fuori dall'aula consiliare e che quindi ha visto e sentito tutto è proprio il fratello dell'Agente Ferrante, che il Vice-presidente, per rispetto, non ha nemmeno menzionato!
# posted by amico del vice-presidente : 10:32 PM
Caro "onesto cittadino" SODDISFO ulteriormente la tua curiosità e ti aggiungo il perchè del rimprovero, in PRIVATO, del Vice-presidente del Consiglio all'Agente Ferrante, che purtroppo così è inquadrato e che non gode di certo del prestigio del Capitano Lucido Salvatore!Il perchè,purtroppo è chiaro e lampante, in quanto, da sempre e in pubblica piazza,(questo denota la scarsa professionalità e la bassezza morale dell'Agente Ferrante e qui mi fermo)il "Signor"(come lui stesso si definisce ma non gli altri)Ferrante Graziano ha sempre, comunque e dovunque, parlato "male" e sempre a sproposito, della moglie del Vice-presidente del Consiglio, Signora Bruno Maria Laura, nonchè suo diretto superiore nella qualità di Vice-Comandante della Polizia Municipale, che lui stesso, "sparapanzandosi" per l'intero paese ha sempre definito "AMICA SUA"!!!!Ma "amica".. di che?Purtroppo lui l'amicizia non sa proprio dove sta di casa!!e nessuno si potrà vantare mai di essere amico o amica sua. Lo conosciamo tutti chi è Graziano Ferrante:una persona POCO affidabile, POCO attendibile ....ecc. e qui mi fermo.No, continuo... e fosse pure l'ora che se ne andasse in pensione a curarsi l'arterioclerosi perchè quando apre la bocca non sa quello che dice e il danno che può fare agli altri e sopratutto a se stesso.Signor caro onesto cittadino spero di averti soddisfatto e comunque per ogni chiarimento puoi contattare i SIGNORI LUCIDO, sempre disponibili con tutti, al di là del credo politico e condizioni sociali.SONO VERAMENTE delle persone a posto.UNA COPPIA da invidiare!Purtroppo questo è il male del mondo:l'invidia è una brutta malattia difficile da debellare.A risentirci.
# posted by un amico del vice-presidente : 10:59 PM
Barvi e Complimenti per il Vostro Blog, anche se non condivido del tutto quello che scrivete, ma siete da ammirare per il coraggio che dimostrate nel denunciare le relazioni di parentele di alcuni nostri amministratori e qualche dipendente-consulente del comune, con nomi famosi di famiglie di mafiosi e i perticoli che questo dimostra per il buon funzionamento della pubblica amministrazione.
A proposito della denuncia del Segretario e del Sindaco di Voler Commissariare il corpo dei Vigili urbani (bisogna fargliela pagare a una delle tre Marie), ci sembra strano che il nostro ex sindaco non abbia fatto nulla in diefsa del comamndante dei vigili urbani da lui a suo tempo sponsorizzato per la carica. Forse vi era il timore che parlandone veniva fuori il Nome di Zuccarello o la SICAR come discarica di immondizia?
Si stiamp parlando dell'ex sindaco, quello dei trentasei alloggi popolari tra cui vi era il progettista Arch Licata e il Geologo Cutino e.....
# posted by Anonimo : 12:43 AM
Sigg.ri Isolani avete capito in quale stato hanno ridotto il Comune di Isola : Un Curtigghiu
Gente squalificata, arrogante, solo assetata di potere e di soldi e di Isola e degli Isolani se ne fottono sia il Sindaco Portobello l'ex sindaco Bologna il Comandate dei VV.UU. il Vice i Vigili Urbani e quelli dell'Ufficio Tecnico.
Speriamo che quanto prima tutte le porcherie vengono fuori e si scopre chi eraqno i ragazzi di Isola x tutti.....insieme per prendere il giro i cittadini in buona fede.
# posted by Anonimo : 5:17 AM
Cari ANONIMI, gente senza le cosidette "BALLS", purtroppo ci sono pure gli amici dei Vigili e dell'Amministrazione Comunale!Non bisogna fare di tutta un'erba un fascio!Mi dispiace contraddirvi ma gli Ufficiali della P.M. la professionalità e quant'altro ne hanno da vendere.E lo dimostrano ogni giorno e alcuni amministratori si impegnano sul serio e si mettono anche in discussione.DICIAMOLO!!!Il "curtigghio" fa crescere e fa passare il tempo a scrivere cazzate in botta e risposta.Il coraggio di criticare l'avete?Si, e dovete avere il coraggio di firmare.Fino ad ora l'unica firma è quella del Vice Comandante di P.M. (se è vera)
# posted by un amico : 12:19 PM
Signor nessuno che ti firmi by amico sei tu che non ti firma con nome e cognome non ai le .... tu e chi ti sta dietro scemo non hai capito che gli isolani hanno i....rotti di questi lupi fatti ad agnellini o agnelloni
# posted by Anonimo : 12:37 PM
Caro ANONIMO, intanto vai a farti un corso speedy di Italiano.Fai errori madornali!!E poi...Dietro me non ci sta nessuno.FORSE dietro te.....stai attento!FARE le comparse fa male.Ma ti dispiace tanto se faccio qualche complimento ai Vigili, ai carabinieri o all'Amministrazione?La malvagità ti rode la vita!Poveretto.Fai solo pena!Quella battuta sui carabinieri era uno scherzo ma chi ha risposto non ha capito il gioco.Comunque ho massimo rispetto delle forze dell'ordine ed esorto tutti ad averlo.Non posso firmarmi perchè scendo alle tue bassezze(ogni tanto) e comunque scrivo solo per dati di fatto non parole. Ma se hai un pò di intelligenza puoi capire chi sono, come io ho capito chi sei tu e gli altri anonimi!Non è difficile!Usa il calcolo della probabilità.Già...non sai scrivere in italiano figurati se capisci la matematica!By a friend.Ciao
# posted by A friend : 12:00 PM
Adesso il direttore generale il segretario comunale il sindaco saranno contenti dell'immagine che hanno dato a noi cittadini di isola delle femmine del glorioso corpo dei vigili urbeni di isola delle femmine.
grazie segretario
grazie sindaco
grazie direttore generale
# posted by Anonimo : 11:48 PM
Lancio una una idea forse lo scontro politico tra portobello e bologna è stato spostato sui vigili urbani che sono divisi tra bolognani e portobelliani?
# posted by Anonimo : 3:39 AM
Sarebbe interessante conoscere chi autorizzo la ditta Zuccarello ad usare l'area della Sicar come discarica a cielo aperto di immondizia senza preoccuparsi della salute pubblica. Forse la risposta può essere data dall'ex Sindaco Bologna o dall'attuale sindaco Portobello o dall'ex assessore all'ambiente Portobello oppure dal sempre segretario generale ed attuale direttore generale Signore Scafidi?
# posted by Anonimo : 9:34 AM

Anonimo ha detto...

OPERE ABUSIVE REALIZZATE SU UN’AREA RICADENTE NELLA FASCIA DI RISPETTO CIMITERIALE DELLA SIGNORA CATALDO LAURA.
Si tratta di costruzioni abusive ricadenti in area cimiteriale (pertanto non sanabile) per le quali, nonostante le risultanze dell’aerofotogrammetria, le quali escludono che le opere siano state realizzate prima del 1942, la Ditta aveva ottenuto la revoca del sequestro preventivo disposto dall’A.G.
Ordinanza 4 maggio 1996 il Giudice Montalbano Giacomo con cui si disponeva il dissequestro
Degli immobili.
L’esame comparato dello stralcio aerofotogrammetrico scala 1:200 effettuato il 31. ottobre 1992 con lo stralcio aerofotogrammetrico effettuato nel 1981 mette in luce che in entrambi i rilievi non risultano posizionate le costruzione in questione.
Ne consegue che il Giudice Montalbano Giacomo ha emesso l’ordinanza di dissequestro sulla scorta di dichiarazioni verosimilmente mendaci da parte della ditta alla quale vanno imputate le responsabilità di cui all’art 4 della legge n 15/68.
Le costruzioni non sono sanabili in quanto le stesse ricadono in area di rispetto cimiteriale, fascia di rispetto costiero e sede stradale; conseguentemente è applicabile la normativa ex L.R. n 7 del 29.2.80 e successiva circolare n 2dell’assessorato reg.le ter. Ambiente sulla inammissibilità della sanatoria e conseguentemente sul successivo rilascio della concessione edilizia.
La nota prot del maggio 1996 del Sindaco chiede “di conoscere se per le opere in questione sia stata presentata istanza di condono..” forse dimenticando o ignorando la nota del responsabile del procedimento 3581 del 1996 “la non sanabilità dlle opere di cui la ditta aveva presentato istanza di condono edilizio.

Anonimo ha detto...

ISOLA Blitz dei Cc al Comune

SANATORIE EDILIZIE E ASSETTO URBANISTICO SEQUESTRATI ATTI

Isola delle Femmine I carabinieri della polizia giudiziaria, su mandato del sostituto procuratore Nicola Aiello, hanno sequestrato decine di fascicoli riguardanti sanatorie edilizie e assetto urbanistico.
Si è così arrivati ad una svolta, dopo un braccio di ferro tra l’amministrazione comunale del sindaco Stefano Bologna Stefano Bologna Stefano Bologna e il responsabile dell’ufficio sanatoria, architetto Giovanni Albert, a cui l’amministrazione comunale addebitava responsabilità in merito alla scarsa produttività dell’ufficio.
Albert ha risposto con un esposto inviato all’assessorato regionale Territorio, denunciando presunti interessi di amministratori comunale. L’ispettore inviato dalla Regione gli avrebbe dato ragione.
La vicenda di Isola è simile a quella di altre undici amministrazioni comunali, quasi tutte della fascia costiera, e su undici (7 dell’Ulivo e 4 del Polo) esisterebbero all’assessorato regionale documenti ispettivi dello stesso tenore, che riguardano soprattutto le zone di inedificabilità assoluta, dove da tempo si doveva procedere alle demolizioni.
Solo a Carini, che non è tra i comuni oggetto di ispezione, ci sono 571 fabbricati nella fascia dei 150 metri, e secondo il consigliere Nicastri (Ccd) sono tutti da demolire.
E non solo non si è fatto nulla, ma si sarebbe continuato a rilasciare certificati di destinazione urbanistica senza cenno alla situazione.
Della vicenda si è recentemente interessato a Palermo un convegno di notai, i quali hanno segnalato di avere effettuato tanti trasferimenti di proprietà che ora risultano nulli.
Enrico Somma “Las Sicilia”
1 giugno 1997

Anonimo ha detto...

Operazione "Fiato sul collo"

Iniziamo oggi a monitorare l'operato dei nostri dipendenti al consiglio comunale.

L'operazione "Fiato sul collo" parte oggi



La nostra presenza sarà una sorpresa.