Bertolt Brecht  : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”


Non mi piace
pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..


“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in  superficie “


Pino Ciampolillo

sabato, dicembre 01, 2007

ASSESSORATO TERRITORIO AMBIENTE REGIONE SICILIA

Il Comitato Cittadino Isola Pulita esprime viva preoccupazione per i comportamenti che vengono messi in atto da funzionari e dirigenti dell'Assessorato Territorio Ambiente nei confronti di dirigenti colpevoli soltanto di aver svolto il  loro lavoro con impegno professionalità e responsabilità nel rispetto delle leggi e delle normative in materia ambientale. I personaggi coinvolti dovranno fornire il parere di loro competenza all'interno della PROCEDURA di Autorizzazione Integrata Ambientale alla Ditta Italcementi di Isola delle Femmine. 

Riceviamo questa lettera da Gioacchino Genchi, funzionario della Regione Sicilia, che diffondiamo esprimendogli la nostra solidarietà  Quanto succede in Sicilia riguarda gli stessi “soggetti”, o i loro “amici” e “referenti” della capitale, e analoghi atteggiamenti, talvolta anche i metodi, purtroppo noti in questo Paese


Palermo: provocazioni di ogni tipo dietro l'angolo
Titolo di Nimby trentino

GIOACCHINO GENCHI

Oggi pomeriggio (29/11) le provocazioni, ormai continue, dell'arch. Tolomeo hanno oltrepassato ogni livello di guardia immaginabile. Alle ore 17, andando via dall'ufficio a quell'ora quasi deserto, mentre mi trovavo al 1° piano e stavo protocollando presso l'Area 1 "Personale" alcune note interne da trasmettere, venivo aggredito all'improvviso dall'arch. Tolomeo che inspiegabilmente transitava dal corridoio - potrei anche pensare, visto l'orario, che qualcuno lo avesse avvisato o che mi avesse seguito - e che senza motivo alcuno, prima buttava per terra queste note e poi mi afferrava per il collo tentando di soffocarmi! Non vedendo una mia reazione - di sicuro questo era il suo scopo – in preda ad un visibile stato di alterazione fisica e psichica iniziava a buttare per terra alcuni scaffaletti in plastica, poi usciva sul corridoio cercando di richiamare persone, urlando di essere stato aggredito e di venire a vedere cosa io avessi combinato. Una sceneggiata tanto sconcia quanto provocatoria!

Nel frattempo ho subito telefonato a Pellerito per richiedere l'intervento di Polizia o Carabinieri. Dopo alcuni minuti, all'arrivo di alcuni colleghi increduli, Tolomeo iniziava una aggressione verbale sempre allo scopo di provocare una mia qualsiasi reazione. Mi gridava di tutto: farabutto, delinquente, corrotto, ladro, mascalzone, pregiudicato. Poi, faccia a faccia, mi diceva a bassa voce: coglione, coglione, forza... fatti avanti. E più vedeva che non reagivo, anzi, che gli dicevo che le sue provocazioni erano inutili perché non gli avrei messo le mani addosso come sperava, più si alterava, ricominciando a gridare insulti di ogni tipo.

In preda ad un vero e proprio raptus isterico, non essendo in grado di dominarsi, aggiungeva persino frasi sconnesse, alcune dal contenuto gravissimo che riguardavano la vicenda della Distilleria Bertolino e che per ovvi motivi non mi è possibile anticipare. Ho specificatamente invitato i presenti a tenere a mente le parole di Tolomeo per quando saranno chiamati in Tribunale. Ho anche aggiunto che quelle affermazioni saranno da me riferite il 7/12 nel corso della testimonianza che renderò all'udienza del processo Bertolino.

Inoltre, più i presenti cercavano di calmarlo, più dava in escandescenza. Sono avvenute tante altre cose, ma sarebbe troppo lungo elencarle tutte. Una tra tutte, che non posso qui riferire, mi ha confermato il sospetto che ho sempre avuto riguardo l'altro motivo, oltre il problema inceneritori, che è alla base della "missione" affidata a Tolomeo per le azioni contro di me.

Per puro caso, avendo chiamato al cellulare anche un altro collega, ho dimenticato di spegnere il telefono, ragione per cui questo collega, insieme ad una amica, ha sentito in diretta ed in viva voce da casa quello che accadeva in ufficio. Entrambi sono pronti a testimoniare. Infine è arrivata la Polizia, alla quale ho riferito l'accaduto, ricordando l'analogo episodio, anche se di poco meno violento, di qualche giorno fa, già oggetto di denuncia presentata ai Carabinieri da parte di Pellerito con deposito di un filmato ed audio. Domani (oggi) presenterò la denuncia al Commissariato di zona.

La situazione è ormai pericolosissima. Siamo in presenza di una persona oramai incapace di dominare il proprio comportamento, che ha perso ogni freno inibitorio nei rapporti con le persone, quasi fosse sotto l'effetto di sostanze turbative dell'equilibrio psico-fisico. Fa azioni sconsiderate e subito le attribuisce agli altri. Sono sempre più convinto che se non si interviene fin da subito questo individuo potrebbe compiere azioni sconsiderate, sia direttamente nei confronti di altri, sia nei confronti di se stesso al fine di darne la responsabilità ad altri. Gli episodi di cui ha tentato provocatoriamente di apparire vittima, cioè del presunto "sputo" ricevuto e degli scaffaletti e dei documenti d'ufficio buttati e disseminati a terra da lui per attribuirne a me la responsabilità, mi sembrano una dimostrazione eloquente delle sue pericolose intenzioni. Vi chiedo di intraprendere con urgenza tutti i passi possibili, anche a nome di Pellerito.

La provocazione, a questo punto di ogni tipo, è ormai dietro l'angolo. La scoperta della truffa del Piano copiato da quello del Veneto, l'intervento di "Striscia la notizia" e della troupe del programma "Reality" de La7, lo ha  fatto letteralmente scoppiare. Analoga la reazione delirante del responsabile del "taglia e incolla" siculo-veneto, Anzà, che ha partorito l'ennesimo rozzo, volgare turpiloquio-sproloquio, questa volta anche contro Legambiente, rea di averlo colto con le mani nella marmellata della scopiazzatura. Uno scritto farneticante, tanto pieno di insulti e di sfrenata autoesaltazione da lasciare attoniti e perplessi circa lo stato comportamentale dell'autore.

L'incolumità personale e la stessa normale presenza sul posto di lavoro mi sembrano ormai diventate ad alto rischio. Si tratta oramai di dover camminare costantemente con sistemi di "documentazione" pronti all'evenienza.
Aspetto una vostra risposta, urgentissima.

Ino


Comunicato stampa
Palermo, 21 novembre 2007
In Sicilia si respira aria del Veneto padano

Dopo l’intervento di qualche giorno fa della Magistratura che ha posto i sigilli all’area di costruzione del mega inceneritore previsto a Bellolampo, un’altra bufera si abbatte sull’Amministrazione Regionale.
Questa volta si tratta di una mega “bufala” che, tuttavia,sembrerebbe avere anche i connotati di una mega truffa: si tratta del Piano Regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell’aria ambiente.

Ma vediamo di che si tratta.
Il Piano, approvato ed adottato con Decreto dell’Assessore Interlandi n. 176/GAB del 9 agosto scorso, avrebbe dovuto essere lo strumento di programmazione e pianificazione degli interventi di risanamento contro l’inquinamento atmosferico e per la tutela della qualità dell’aria su scala regionale. Un documento, quindi, dai contenuti politici, amministrativi e tecnico-scientifici di elevato profilo e di importantissimi risvolti applicativi, stante la delicatezza della materia e gli aspetti connessi alla tutela dell’ambiente ed alla salvaguardia della salute dei cittadini siciliani.
I redattori materiali sono stati funzionari del Servizio 3 “Tutela dall’inquinamento atmosferico”, diretto dal dott. Salvatore Anzà, del Dipartimento Territorio e Ambiente, che per tale “lavoro” hanno ricevuto anche un encomio scritto da parte dell’Assessore Interlandi, funzionari dell’ARPA, docenti universitari dell’Università di Palermo e Messina ed alcuni professionisti in veste di collaboratori.
Purtroppo, l’opera monumentale, partorita con celerità a dir poco sospetta, si è rivelato un indecoroso e letterale “copiato” dell’omologo Piano della Regione Veneto di alcuni anni addietro, con in più varie aggravanti, un cumulo di ridicolaggini e probabili ipotesi di truffa.

Per quanto riguarda le aggravanti, a parte l’operato disdicevole ed aprofessionale dei redattori, che si sono appropriati di un lavoro intellettuale altrui, resta innanzitutto grave il discredito dell’immagine istituzionale subito dall’Amministrazione Regionale, in primis nei confronti della Regione Veneto e poi da tutto il resto.
Ma al danno si aggiunge anche la beffa, se solo si considera che il manipolo degli sconsiderati e sprovveduti redattori è andato a copiare un Piano che proprio per la sua inidonea impostazione strutturale di base, aveva già ricevuto a suo tempo una bocciatura da parte dell’Unione Europea. Insomma, si trattava di un assemblaggio di ipotesi, intenti e di previsioni piuttosto che di un Piano di programmazione e di pianificazione d’interventi concreti basato su descrittori essenziali e sperimentali, primo tra tutti l’inventario delle emissioni. 
La trasposizione è stata così “fedele” e “letterale” rispetto all’originale da generare ridicole quanto inedite “comunanze” e “similitudini” tra le caratteristiche ambientali del Veneto e della Sicilia.

Si citano, ad esempio: il “noto” sistema aerologico padano della Regione Siciliana, le piste ciclabili lungo gli argini dei fiumi e dei canali presenti nei centri storici dei Comuni siciliani, il notevole apporto all’inquinamento atmosferico siciliano derivante dall’eccessivo uso del riscaldamento domestico in relazione al rigido clima dell’isola, ecc.
Gli improvvidi redattori non hanno neppure tenuto conto delle differenze di statuto tra le due Regioni, tant’è che all’interno del Piano la Sicilia si trova “trasformata” in regione a statuto ordinario e, tra le varie cose, essere retta dal Consiglio Regionale.
Ovviamente, non solo i Capitoli ed i paragrafi hanno gli stessi titoli e contenuto pressoché uguale, ma anche gli errori di battitura e di ortografia sono stati fedelmente trasposti.
A dire il vero, tuttavia, i redattori, in uno slancio di “trasparenza”, alla fine del paragrafo 1.6 hanno finanche lasciato il link originale da cui hanno attinto a pieno “copia e incolla”:http://www.serviziregionali.org:80/prtra/files/33/prtra/PRTRA-04.htm.

Per quanto riguarda gli aspetti prettamente istituzionali, la situazione appare oltremodo grave. Si è in presenza di atto di programmazione fasullo e inapplicabile, organizzato ai danni dell’Amministrazione, dell’ambiente e dei cittadini, dai possibili risvolti truffaldini specie nel caso in cui tramite lo stesso si fossero programmati interventi finanziari o, caso ancor più grave, fossero già attivati interventi finanziari.
Per quanto sinteticamente esposto si ritiene che vi sia la necessità dell’immediato ritiro del Piano, dell’accertamento delle responsabilità della sua redazione ed organizzazione, di provvedimenti nei confronti di quanti hanno operato fraudolentemente ai danni dell’Amministrazione e dei cittadini siciliani, nonché la verifica di ipotesi di danno per il pubblico erario che ne potesse derivare.

Decontaminazione Sicilia

http://old.ecceterra.org/docum.php?id=1291


*Isola delle Femmine Addio Pizzo 5

*Italcementi Isola delle Femmine

*Ciampolillo Pino Isola delle Femmine

*Documenti Isola delle Femmine

*Disertiamo le urne a Isola delle Femmine

*Il Timone

*Isola delle Femmine Città della DONNA

*Isola delle Femmine da liberare

*Isola delle Femmine libera

*Isola di Fuori

*Isola delle Femmine Rifiutiamo i Rifiuti

*La Rinascita di Isola delle Femmine

*La Rinascita di Isola

*Nuova Isola delle Femmine

*NO Radar a Isola delle Femmine

*Isola Pulita

*Rinascita di Isola

*Libera Isola delle Femmine

*Pino Ciampolillo

*Sicilia Anno UNO

*Le mani su Isola delle Femmine

*Isola Italcementi Ambiente

*Caro Signor "Sindaco" Professore Gaspare Portobello

*Benvenuti in PARADISO

*Angelo Vassallo

*La Tolleranza

*Isola Pulita My Blog

*Isola Word Press

*Isola Espresso

*Isola delle Femmine Espresso

*Isola Pulita Over Blog

*Isola delle Femmine Word Press

*La Stampa Isola delle Femmine

*Isola Wikio

*Comitato Isola Pulita

*Il Cannocchiale

*Isolapulita's Blog Vox

*Pinociampolillo's Blog

*Il Vespro

*Isola Splinder

* Presepe di Isola delle Femmine


1 commento:

Anonimo ha detto...

Resoconto stenografico dell'Assemblea
Seduta n. 698 del 21/3/2000

ANTONINO LO PRESTI. Chiedo di parlare.
PRESIDENTE. Ne ha facoltà.
ANTONINO LO PRESTI. Signor Presidente, non intendo riaprire l'interessantissimo dibattito che si è articolato poco fa, tuttavia, a proposito del ruolo e del potere dei parlamentari, nel sollecitare la risposta ad alcune interrogazioni, devo registrare come su tale fronte siamo davvero senza alcuna possibilità di incidere per avere risposte da parte del Governo a quesiti che, spesso, sono importanti e interessanti. I miei cahiers de doléances riguardano tutte le interrogazioni alle quali non è stata data risposta da parte del Governo, ma mi limiterò, in questa sede, a segnalarne un paio che ritengo importanti soprattutto per le gravi implicazioni di alcuni fatti da me denunciati.
La prima delle suddette interrogazioni per la quale chiedo al Governo una puntuale risposta, ancor più necessaria dopo quanto è accaduto al proposito in alcuni consigli comunali di paesi della provincia di Palermo sciolti per presunte infiltrazioni mafiose, è la n. 5-06829 del 12 ottobre 1999. Nella stessa ho chiesto notizie e chiarimenti in ordine ad una situazione verificatasi nel comune di Isola delle Femmine, nel quale la prefettura non è intervenuta benché fosse a conoscenza da diversi mesi dell'arresto di un noto personaggio mafioso e del legame di parentela dello stesso con uno degli amministratori del comune. Soltanto dopo che il sottoscritto ha scoperto la parentela ed ha presentato l'interrogazione, l'amministratore ha fatto fagotto e si è dimesso. Alla luce di quanto è accaduto in provincia di Palermo, anche in altri comuni dove i consigli comunali sono stati sciolti con una rapidità impressionante - e dove peraltro è stato successivamente dimostrato che le condizioni e i presupposti per arrivare allo scioglimento di almeno uno dei suddetti comuni (quello di Ficarazzi) erano falsi -, desidero capire con quale metro la prefettura di Palermo giudichi se un comune sia degno di attenzione per sospette infiltrazioni mafiose mentre un altro no.
Signor Presidente, chiedo al Presidente della Camera dei deputati di sollecitare il Governo a rispondere alla suddetta interrogazione. Non è possibile, infatti, che per ogni questione di tale importanza un deputato debba attrezzarsi per presentare interpellanze urgenti, con il limite di una al mese, raccogliere le firme di 30 colleghi e quindi rinviare sine die le risposte a quesiti molto significativi e importanti.
Cosa intende fare il ministro dell'interno? Si tratta di un'interrogazione per la quale chiedo una risposta in Commissione. Il ministro dell'interno intende fornirmi tale risposta? Vuole chiarire perché la prefettura non sia ancora intervenuta per il comune di Isola delle Femmine, nonostante la dimostrazione, anche attraverso le dimissioni dell'amministratore, del collegamento della stessa con la mafia. È vero o non è vero - aggiungo questa domanda a quella formulata nell'interrogazione - che ancora oggi i carabinieri di Isola delle Femmine inviano costanti rapporti alla prefettura, affermando che l'amministratore che si è dimesso, perché indicato come parente di un noto boss mafioso, continua a salire e scendere le scale del comune e a frequentarlo e che,
________________________________________
Pag. 65
________________________________________
nonostante i carabinieri abbiano sottolineato tutto ciò al prefetto, quest'ultimo non interviene?
Prego, quindi, la Presidenza della Camera di intervenire presso il Ministero dell'interno perché dia una risposta a questa interrogazione, nonché ad un'altra ancora precedente, del 23 febbraio 1999, che riguarda le indagini che la magistratura ha avviato a Palermo su presunti voti di scambio nelle elezioni comunali del 1997. I giornali ne hanno parlato, la magistratura indaga: io ho chiesto al ministro della giustizia di capire a che punto sono le indagini, ma dal febbraio 1999 è calato un velo di silenzio su quella vicenda.
Voglio sapere dal ministro della giustizia a che punto sono le indagini sull'utilizzo dei voti di scambio di cui è stata accusata una parte della maggioranza che in questo momento governa il comune di Palermo ed addirittura il sindaco in carica.
Chiedo al Presidente della Camera di intervenire presso i ministri competenti perché venga data risposta a queste domande. Noi vogliamo sapere a che punto sono le indagini sull'utilizzo dei voti di scambio nelle elezioni amministrative del 1997, di cui è stato accusato il sindaco di Palermo. Quest'ultima interrogazione, riguardante i voti di scambio, è la numero 3-03652 del 23 febbraio 1999.
PRESIDENTE. La Presidenza si farà carico di sollecitare il Governo.
Atti Parlamentari — 5001 — Camera dei Deputati XIV LEGISLATURA — ALLEGATO B AI RESOCONTI — SEDUTA DEL 19 LUGLIO 2002
ANGELA NAPOLI. — Al Ministro dell’interno, al Ministro della giustizia. — Per sapere – premesso che: fin dal 1999 parlamentari di Alleanza Nazionale hanno presentato atti ispettivi per richiedere interventi adeguati al ripristino della legalita` , contro le infiltrazioni mafiose, presso amministrazione comunale di Isola delle Femmine; nonostante fin dal giugno del 2000, dopo particolari indagini, siano stati comprovati rapporti di parentela e di amicizia tra amministratori del comune in questione ed esponenti della criminalita` organizzata del luogo, il prefetto di Palermo non ha inteso disporre l’accesso previsto dal decreto ministeriale del 23 dicembre 1992; con lettera datata 13 settembre 2001 l’Associazione « Nuova Torre », rappresentata nel consiglio comunale di Isola delle Femmine, ha ribadito, al Ministro dell’interno pro-tempore le denunzie contenute nelle interrogazioni parlamentari presentate da altri deputati di Alleanza Nazionale, dando notizia di appoggi malavitosi profusi nei confronti dell’attuale sindaco durante le ultime elezioni amministrative del 24 giugno 2001; va ricordato che nella giunta comunale di quel comune c’e` stato, con delega ai lavori pubblici, il cognato di un noto personaggio arrestato con l’imputazione di associazione mafiosa nel contesto di una indagine volta a ricostruire la nuova mappa delle cosche palermitane; sembrerebbe che parenti dell’assessore in questione, poi dimessosi, e del presunto boss Pietro Bruno, individuato dagli inquirenti come capo zona di fiducia del boss superlatitante Bernardo Provenzano, dirigano presso il comune di Isola delle Femmine gli uffici anagrafe, elettorale, leva e segreteria, il che agevolerebbe l’assessore dimissionario ed il presunto boss mafioso ad acquisire ruoli preponderanti nella trattazione d’affari politiche edilizie; con lettera datata 8 gennaio 2002, il gruppo consiliare « Nuova Torre » di Isola delle Femmine ha segnalato al prefetto di Palermo l’omissione posta in essere dal sindaco del comune in ordine al rilascio dell’illegittima autorizzazione edilizia ex articolo 13, legge n. 47 del 1985, protocollo n. 827/Cc del 20 maggio 1999 (all’ex vice sindaco, oggi presidente del consiglio comunale) in assenza di N.O. della Soprintendenza ai beni culturali ed ambientali di Palermo ed il cui carteggio e` gia` in possesso della Prefettura; sempre il gruppo consiliare « Nuova Torre » con lettera datata 6 giugno 2002 ha ancora trasmesso, al prefetto di Palermo, il prospetto di n. 10 concessioni edilizie rilasciate, in costante violazione delle norme vigenti in materia, in favore di assessori, componenti o parenti dell’attuale maggioranza consiliare; al prospetto citato e` possibile evincere il rilascio della concessione edilizia n. 21 del 2001 del 14 maggio 2001 ai signori Puccio Rosaria Maria, Domenica e Salvatore, con istanza presentata, dal dichiarato procuratore Pomiero Giuseppe, e dalla concessione edilizia n. 13 del 2000 del 7 giugno 2000 alla signora Cataldo Rosaria, ma i relativi provvedimenti della Soprintendenza ai beni culturali ed ambientali e del Genio Civile sono intestati a Pomiero Giuseppe; i nomi di Pomiero Giuseppe, cosı` come quello del citato boss Pietro Bruno, risultano tra i soggetti economici ai quali e` stata effettuata la confisca di beni illeciti, il cui elenco generale e` stato allegato alla relazione della Commissione Parlamentare sul fenomeno della Mafia nella IX legislatura presentata alla Presidenza delle Camere il 16 aprile 1985 –: se, verificate le gravi notizie esposte dall’interrogante, non ritengano necessario ed urgente avviare le procedure per lo scioglimento del consiglio comunale di Isola delle Femmine. (4-03570)
XIV LEGISLATURA Ñ ALLEGATO B AI RESOCONTI Ñ SEDUTA DEL 10 APRILE 2002
LO PRESTI. Al Ministro dell’interno. Per sapere premesso che: nella scorsa legislatura e` stata presentata lÕinterrogazione 5-06839 del 13 ottobre 1999 con la quale si chiedeva quali iniziative il Ministero dellÕinterno intendesse adottare per garantire la legalita` e la trasparenza dellÕattivita` amministrativa del comune di Isola delle Femmine in provincia di Palermo, con specifico riferimento al pericolo di infiltrazioni nellÕambito della municipalita`; nessuna risposta e` mai pervenuta; le questioni denunciate con quell’ atto riguardavano la presenza della giunta comunale di Isola delle Femmine di un assessore, cognato di un presunto boss mafioso, tale Pietro Bruno, nei confronti del quale di recente la Corte dÕAppello di Palermo ha confermato la condanna penale (Giornale di Sicilia, del 16 marzo 2002); l’assessore in questione, ingegnere Rocco Raffa, si e` dimesso dopo l’arresto del cognato, ma risulta allÕinterrogante che continui ancora a frequentare il municipio; di recente il sindaco di Isola delle Femmine, Stefano Bologna, e` stato condannato a dieci mesi di reclusione per il reato dÕabuso d’ufficio (Giornale di Sicilia del 15 marzo 2002) : se, a seguito di fatti accaduti nel luglio del 1999 e di quelli verificatisi nel marzo del 2002 l’amministrazione dellÕinterno abbia svolto attivita` ispettive sul comune di Isola delle Femmine; quali iniziative intenda adottare il Ministro interrogato in merito alla condanna di primo grado, subita dal sindaco di Isola delle Femmine per garantire la legalita` e trasparenza dell’attivita` amministrativa del comune ed ovviare al pericolo di un aggravamento della crisi di credibilita` dell’istituzione locale e di infiltrazioni illecite nell’ambito della municipalita` . (4-02650)
OPERE ABUSIVE REALIZZATE SU UN’AREA RICADENTE NELLA FASCIA DI RISPETTO CIMITERIALE DELLA SIGNORA CATALDO LAURA.
Si tratta di costruzioni abusive ricadenti in area cimiteriale (pertanto non sanabile) per le quali, nonostante le risultanze dell’aerofotogrammetria, le quali escludono che le opere siano state realizzate prima del 1942, la Ditta aveva ottenuto la revoca del sequestro preventivo disposto dall’A.G.
Ordinanza 4 maggio 1996 il Giudice Montalbano Giacomo con cui si disponeva il dissequestro
Degli immobili.
L’esame comparato dello stralcio aerofotogrammetrico scala 1:200 effettuato il 31. ottobre 1992 con lo stralcio aerofotogrammetrico effettuato nel 1981 mette in luce che in entrambi i rilievi non risultano posizionate le costruzione in questione.
Ne consegue che il Giudice Montalbano Giacomo ha emesso l’ordinanza di dissequestro sulla scorta di dichiarazioni verosimilmente mendaci da parte della ditta alla quale vanno imputate le responsabilità di cui all’art 4 della legge n 15/68.
Le costruzioni non sono sanabili in quanto le stesse ricadono in area di rispetto cimiteriale, fascia di rispetto costiero e sede stradale; conseguentemente è applicabile la normativa ex L.R. n 7 del 29.2.80 e successiva circolare n 2dell’assessorato reg.le ter. Ambiente sulla inammissibilità della sanatoria e conseguentemente sul successivo rilascio della concessione edilizia.
La nota prot del maggio 1996 del Sindaco chiede “di conoscere se per le opere in questione sia stata presentata istanza di condono..” forse dimenticando o ignorando la nota del responsabile del procedimento 3581 del 1996 “la non sanabilità dlle opere di cui la ditta aveva presentato istanza di condono edilizio.

ISOLA Blitz dei Cc al Comune

SANATORIE EDILIZIE E ASSETTO URBANISTICO SEQUESTRATI ATTI

Isola delle Femmine I carabinieri della polizia giudiziaria, su mandato del sostituto procuratore Nicola Aiello, hanno sequestrato decine di fascicoli riguardanti sanatorie edilizie e assetto urbanistico.
Si è così arrivati ad una svolta, dopo un braccio di ferro tra l’amministrazione comunale del sindaco Stefano Bologna Stefano Bologna Stefano Bologna e il responsabile dell’ufficio sanatoria, architetto Giovanni Albert, a cui l’amministrazione comunale addebitava responsabilità in merito alla scarsa produttività dell’ufficio.
Albert ha risposto con un esposto inviato all’assessorato regionale Territorio, denunciando presunti interessi di amministratori comunale. L’ispettore inviato dalla Regione gli avrebbe dato ragione.
La vicenda di Isola è simile a quella di altre undici amministrazioni comunali, quasi tutte della fascia costiera, e su undici (7 dell’Ulivo e 4 del Polo) esisterebbero all’assessorato regionale documenti ispettivi dello stesso tenore, che riguardano soprattutto le zone di inedificabilità assoluta, dove da tempo si doveva procedere alle demolizioni.
Solo a Carini, che non è tra i comuni oggetto di ispezione, ci sono 571 fabbricati nella fascia dei 150 metri, e secondo il consigliere Nicastri (Ccd) sono tutti da demolire.
E non solo non si è fatto nulla, ma si sarebbe continuato a rilasciare certificati di destinazione urbanistica senza cenno alla situazione.
Della vicenda si è recentemente interessato a Palermo un convegno di notai, i quali hanno segnalato di avere effettuato tanti trasferimenti di proprietà che ora risultano nulli.
Enrico Somma “Las Sicilia”
1 giugno 1997