Bertolt Brecht  : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”


Non mi piace
pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..


“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in  superficie “


Pino Ciampolillo

martedì, febbraio 12, 2008

NOTIFICATO AL SINDACO L'ARTICOLO 28 DA PARTE DELLA C.G.I.L.



http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=striscia&data=2008/03/15&id=7165&categoria=inviati&from=striscia






IL NEPOTISMO E' REATO.
Un sindaco o un assessore, non possono fare favoritismi a vantaggio di figli, nipoti, parenti e amici, non solo in maniera diretta, ma neppure indiretta, facendo - per esempio - vincere appalti a ditte, a patto che poi queste assumano chi vogliono loro.
La Suprema Corte, annullando una sentenza d'Appello, ha ordinato un nuovo rinvio a giudizio per tre amministratori, spiegando che ‘in tema di corruzione, l’atto d’ufficio, oggetto di mercimonio, non va inteso in senso formale, in quanto deve comprendere qualsiasi comportamento che comunque violi (anche se non in contrasto con specifiche norme giuridiche o con istruzioni di servizio) i doveri di fedeltà, imparzialità, onestà che devono essere osservati da chiunque eserciti una pubblica funzione’”
Sette gli indagati per abuso d’ufficio tra cui amministratori e consiglieri comunali
Il nucleo di valutazione dei dipendenti del comune non possedevano i titoli di studio, requisiti di legge e mancanti di esperienze professionali Requisiti richiesti: Esperti qualificati in MATERIE ECONOMICHE, Esperti in materia di ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DEL LAVORO-MATERIE IGIENICHE. INTERESSE IN ATTO PUBBLICO: I componenti del nucleo di valutazione non possono ricevere incarichi di CONSULENZA E/O COLLABORAZIONE dagli uffici diretti da dipendenti da essi valutati.
Tra i componenti del NUCLEO di valutazione vi sono anche parenti degli amministratori

Caricato da isolapulita



http://www.isolapulita.it


Il valore della persona, del dipendente pubblico, la sua centralità nell’erogazione di servizi e nella società devono essere alla base di una Comunità democratica e partecipata. Più volte abbiamo affermato che la persona al lavoro si esprime, si realizza si sente parte di una Comunità. Ciò che qui si rivendica è la promozione dei valori in grado di mettere al centro della propria azione: LA PERSONA.
Un Ente, un’istituzione pubblica dovrebbe fungere da modello ad una tale politica di gestione del personale. Ma!!!!!!! Ad Isola delle Femmine tutto ciò sembra essere fantascienza. Per renderci conto di ciò, proviamo a seguire attentamente le ultime disposizioni in materia di personale che sono la chiara dimostrazione dello spreco di risorse economiche ed umane, con conseguenze che ricadono, in termini disservizi sull’intera collettività.


ISOLA DELLE FEMMINE 3.3.08 PROT 359/INT
AL SIGNOR SINDACO
AL DIRETTORE GENARALE DEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINEA TUTTI I DIPENDENTI

Oggetto Convocazione assemblea di tutti i lavoratori per il giorno 6 marzo 2008 (ore 10,00 12,00)

Si richiede l’autorizzazione all’utilizzo dell’aula consiliare per il giorno 6 marzo 2008 dalle ore 10,00 alle ore 12,00 per lo svolgimento dell’assemblea di tutti i lavoratori del Comune di isola delle femmine con il seguente ordine del giorno:
1.Stato di agitazione dei lavoratori part-time proclamato in data 26.2.08
2.Delibera della G.M. 21 del 21.2.08 (procedura per trasformazione orario di servizio del personale part-time)
3.Rinnovo Contratto Nazionale Collettivo di Lavoroi (biennio 2006-2007)
4.Varie ed eventuali
LA componente R.S.U.
CGIL FP D’ANGELO GIUSEPPE
CGIL FP MESSINA SALVATORE
UIL FP MILLOCCA IGINIO

COMUNE ISOLA DELLE FEMMINA
Protocollo 2677/cc 29.2.08

Alla componente RSU CGIL Sede
CGIL FP fax 091611407
CISL FP fax 0916259985
UIL FPL fax 091544447
Oggetto Stato di agitazione lavoratori part time

Si prende atto della situazione di “agitazione” proclamata dalla componente RSU CGIL FP, ritenendo la stessa sintomo della difficoltà in cui versa il personale LSU stabilizzato con contratto di lavoro part time in massima parte a 30 ore settimanali ed in misura minore a 24 ore settimanali.
Premesso e ribadito che nulla può eccepire sulle comprensione delle difficoltà economiche in cui versa il personale part time, non si può non evidenziare come, nello specifico, la motivazione dello stato di agitazione appare quanto meno infondata, in quanto ignora i limiti imposti dallo Stato, nell’organizzazione degli uffici elettorali costituiti in occasione delle elezioni al Parlamento della Repèibblica, nonché la necessità che a detto ufficio venga assegnato personale di provata esperienza, stante l’importanza e la delicatezza delle mansioni da assolvere.
Per migliore intelligenza, si riportano alcuni dati complessivi che ben servono a comprendere come i dati a campione riportati dalle RSU CGIL FP siano fuorvianti:
Personale comunale complessivo n 58 unità di cui n 25 full time e n 33 part time
Personale chiamato a far parte dell’ufficio elettorale n 28 unità così ripartito
Personale full time n 12 unità, personale part time n 16 unità
Ciò detto, e ribadendo che l’attuale stato di agitazione è solo un sintomo del problema, la citata componente sindacale volutamente ignora l’attività posta in essere dall’Amministrazione Comunale per procedere ad un adeguamento dell’orario di servizio del personale di che trattasi.
La trasformazione di una parte dei rapporti di lavoro è stata, infatti, già avviata mediante le mobilità intersettoriali che prevedono l’orario di servizio dei partecipanti. Su detta strada l’Amministrazione Comunale intende continuare ad operare, sia in quanto costretta dalla vigente normativa in materia di patto di stabilità interno, che limita il complessivo ammontare della spesa per il personale, ma soprattutto volendo venire incontro alle più pressanti esigenze della collettività, tra le quali priorità assoluta riveste il controllo del territorio e il rispetto della legalità. In tale contesto si prevederà il completamento dell’orario di servizio di tutto il personale che manifesti la propria disponibilità a rivestire quei servizi che l’Amministrazione intende offrire alla cittadinanza. Resta escluso che possa trovare applicazione la richiesta, anche di recente avanzata in sede di delegazione trattante, di dare attuazione ad una indiscriminata ed ingiustificata trasformazione di tutti i posti da part time in full time, prescindendo da risultati di servizio, dal merito e dall’impegno.
Del resto la pretestuosità dell’affermazione, secondo cui la generale trasformazione dei posti di lavoro da part time in full time sarebbe assolutamente necessaria per garantire la materiale sopravvivenza del lavoratore, viene evidenziata, laddove, un lavoratore, che con delibera della Giunta Municipale n 21 del 21 c.m. aveva visto accettata la propria richiesta di mobilità, ha rappresentato di riminunciare alle nuove mansioni nonostante che il posto attribuito garantisse un aumento di stipendio medio per almeno un trimestre di Euro 510.00 conseguente alle citate voci stipendiali: Euro 165 circa per maggiorazione oraria, Euro 90.00 circa per mansioni superiori, Euro 255 per indennità.
Si resta, comunque disponibili per un sereno e costruttivo confronto, in conformità al comportamento sempre tenuto in passato che ha indotto quest’Amministrazione in sede di giudizio ex art 28, per rasserenare il clima interno, pur nella coscienza di aver agito in piena ed assoluta legalità, a revocare dei provvedimenti che, tra l’altro, non avevano ancora ottenuto applicazione.
IL DIRETTORE GENERALE




Delibera di Giunta il,giorno 12 febbraio 2008 il Sindaco dà lettura della proposta di deliberazione avente ad oggetto: Sospensione effetti deliberanti della GM 110/2007 7/2008
Vista la propria delibera 110 5.11.07 con la quale si modificavano alcune previsioni della vigente pianta organica;
Rilevato che in esecuzione delle disposizioni dell’art 18 del vigente Contratto decentrato integrativo per il quadriennio 2002/05 dell’adozione di detta delibera sono state informate le associazioni sindacali di categoria giusta nota del 29.11.07 13341 inviata per posta ordinaria
Vista la nota della CGIL f:P. del 7.12.07 nella quale si avanza richiesta di concertazione ai sensi del comma 2 dell’art 8 del D Lgs 165/2001 previa sospensivo e degli effetti della deliberazione di che trattasi
Vista la nota di questo Comune 13776/cc dell’11.12.07 con la quale si comunica alla citata organizzazione sindacale che sul provvedimento in questione, ai sensi dell’art 18 del CCNL decentrato integrativo è stata correttamente fornita informazione successiva e comunque, si afferma disponibili alla convocazione della delegazione trattante.
Visto il ricorso ex art 28 della legge 300/70 proposto dalla CGIL FP innanzi al Tribunale di Pace sez controversie del Lavoro, affinché venga dichiarato che il Comune di Isola delle Femmine ha posto in essere un comportamento antisindacale in violazione degli obblighi di informazione preventiva, di consultazione e di concertazione previsti dal vigente CCNL
Rilevato che questo Comune pur essendosi costituito nel succitato giudizio giusta delibera della G.M. 13 del 5.2.08 non volendo porre in essere alcuna attività di contrasto all’attività sindacale e, al fine di dirimere in via preventiva la materia, con nota 1825 del 6.2.08 ha proceduto alla convocazione di una delegazione trattante con all’ordine del giorno tra l’altro, l’argomento di che trattasi
Viste le note della CGIL FP 2.11. del 7.2. c.a. con la quale si comunica l’intendimento di non parteciparte alla delegazione trattante del giorno 12 c.m. stante il procedimento avviato
Rilevato che in data 12. c.m. su proposta di parte pubblica, si è preso ato della volontà espressa dalla CGIL FP ed in via successiva anche dalla UIL FPL nonché dalle rappresentanze RRSSUU e si è rinviata la trattativa degli argomenti previsti all’ordine del giorno
Vista la nota della CGIL FP 2/93 del 4.2.08 con la quale si contesta d’adozione della delibera della GM 7 17.1.08 e se ne chiede la sospensione nonché l’attivazione delle procedure di concertazione
Ritenuto che, pur nella convinzione di aver sempre agito nel pieno rispetto della vigente normativa e con il massimo rispetto per le prerogative delle associazioni di rappresentanze dei lavoratori, quest’Amministrazione non ha la volontà politica di attivare azione di contrasto dell’attività sindacale ed anzi intende rasserenare il clima
1) sospendere gli effetti delle delibere GM 110/2007 e 7/2008 12.2.08
2) demandare al Direttore Generale la convocazione di una delegazione trattante che provveda alla concertazione della materia di cui ai succitati provvedimenti
3) rivervarsi di determinarsi in via successiva sulla base dell’esito della concertazione di che trattasi.

RAMBO 2 LA VENDETTA


FIGLI/FIGLIASTRI AMICI/NEMICI SIMPATIZZANTI/AVVERSARI CON ME/CONTRO DI ME

MOTIVARE/PENALIZZARE UNIRE/DIVIDERE ELOGIARE/UMILIARE
STRAORDINARIO PER TUTTI

Bruno Giuseppe 130 ore
Terreno 130 ore
Balistreri 74 ore
Rappa 74 ore
Tricoli 74
Longo 54 ore
Di Miceli 54 ore
Massa 54 ore
Virga 54 ore
Rubino 27 ore
Tolomeo A. 27 ore
Tolomei G 27 ore
Favaloro 27 ore
Noto A 27 ore
Lombardo 27 ore
Bruno M 15 ore
Zangara 15 ore
Giordano 15 ore
Genuardi 15 ore
Costanzo 15 ore
Provenza S 15 ore
Puccio D 15 ore
Riso 15 ore
Messina 15 ore
Billeci 15 ore
Pellerito 15 ore
Pizzardi 15 ore
Vassallo 15 ore

E TU???

Isola delle Femmine 27.2.08
I dipendenti del Comune di isola delle Femmine dicono BASTA e proclamano lo stato d’agitazione.
Alla base della protesta dei dipendenti i criteri seguiti dall’Amministrazione nella ripartizione discrezionali degli straordinari in occasione le prossime elezioni politiche.
Il Sindaco, dopo il ricorso all’art 28 presentato dal Sindacato al Tribunale di Palermo, viene sollecitato ad un incontro urgente con le rappresentanze sindacali.
In un volantino le Organizzazioni Sindacali denunciano che da parte dell’Amministrazione è stata consumata l’ennesima esclusione discrezionale di parecchi lavoratori. Le maggiori discriminazioni
Sono state riscontrate nell’ufficio protocollo nell’ufficio tecnico, nell’ufficio tributi e nel comando di polizia municipale.
Ai DUE DIPENDENTI dell’UFFICIO TRIBUTI sono state riservate 74 ore di straordinario a testa.
Il Sindaco Portobello come sempre non riesce a capire quale possa essere il problema se il premio è riservato soltanto a qualcuno.


N.B. Notiamo che manca l'arch ALBERT LO SAPETE CHE è UN DIPENDENTE DEL COMUNE DI ISOLA? Sappiamo che lo stipendio lo riceve dal Comune! Sembra che il suo incarico sia Timbrare il CARTELLINO!



DELIBERA DI GIUNTA 21 DEL 21.2.08
OGGETTO AVVIO PROCEDURA PER TRASFORMAZIONE ORARIO DI SERVIZIO PERSONALE PART TIME

Il Sindaco legge la proposta del Direttore Generale
Ritenuto di dover dare concreto avvio alle procedure di integrazione oraria per il personale part time come ripetutamente richiesto dalle organizzazioni sindacali di categoria (vedasi ad esempio la richiesta avanzata dalla CGIL FP nella seduta del 29.1.07 per il personale a 24 ore settimanali, della CISL FP nella seduta del 5.2.06 per il personale addetto al servizio idrico e pretrattamento, richiesto dalla CGIL FP nella seduta del 9.x.06 per il personale addetto al Corpo di P.M. e richiesta dalla CISL FP in pari data per tutto il personale part time), nonché da tutti i gruppi coniliari che in sede di bilancio hanno provveduto ad adeguare gli stanziamenti dei capitoli attinenti al personale sino allla concorrenza delle somme necessarie;
Rilevato che, per provvedere in merito, nella prima fase, si ritiene di far ricorso all’istituto della mobilità intersettoriale, così come regolamentata dalla GM con deliberazione 111 del 16.11.06, che ha recepito le decisioni della delegazione trattante del 9.10.06 in ordine alla mobilità intersettoriale;
Premesso che:
•A seguito del decesso dell’agente di polizia municipale signor ferante Graziano si è acuita la già esistente necessità di rafforzare il corpo di polizia municipale stante che detto corpo risulta sottodimensionato e non in grado di far fronte a tutti i pressanti impegni di competenza;
•Al fine di rafforzare detto corpo si è ritenuto di far ricorso all’istituto della mobilità intersettoriale;
•In data 20 dicembre 2007 lo scrivente ha proceduto all’indizione di dtta mobilità interna, precisando che l’accettazione della richiesta avrebbe comportato l’automatica trasformazione del rapporto di lavoro da part time a full time dando in tal modo esecuzione ai programmi dell’Amministrazione e alle richieste dei gruppi consiliari e delle organizzazioni sindacali di categoria;
•Entro il termine previsto dall’avviso sono pervenute n 6 domande di mobilità, di cui n 2 da parte di personale amministrativo in servizio presso il settore Polizia Municipale, personale quet’ultimo che dava la propria diposnibilità alla trasformazione delle competenze espletate da amministrative a di vigilanza;
•I responsabili del sttore amministrativo e del settore tecnico con proprie note prot 059/int del 15 c.m. e prot 90 del 22 c.m. hano espresso i pareri di competenza sulle richieste di mobilità;
•Il responsabile del settore di Polizia Municipale con propria nota prot 003/int del 21 c.m. ha espresso il parere di competenza sulla possibilità che il personale partecipante alla selezione possa essere in grado di assolvere ai compiti di pertinenza del sttore, limitando tale parer al personale proveniente da settori diversi,
Rilevato nello specifico che il responsabile del settore amministrativo ha espresso a)parer contrario al transito nel settore di vigilanza della signora Biluci stante che la setssa è l’unica persona addetta all’ufficio segreteria e per la conseguente indispensabilità dell’espletamento delle funzioni; b) parere favorevole alla mobilità della dipendente Massa;
Rilevato che il responsabile del settore tecnico ha espresso parere favorevole alla mobilità di uno solo dei richiedenti stante che entrambi prestano servizio presso l’ufficio lavori pubblici per il cui contemporaneo allontanamento di entrambi priverebbe l’ufficio di ogni possibilità operativa; Ha altresì precisato che qualora fosse necessario l’accoglimento di una sola istanza a suo giudizio è preferibile dare seguito ala richiesta del dipendente Messina;
Rilevato che il comandante del corpo di polizia municipale ha espresso parere favorevole all’accoglimento della richiesta di mobilità avanzata dai signori Billeci Messina e Vassallo mentre ha espresso parere contrario all’accoglimento della richiesta della dipendente Massa stante che la stessa avendo prestato la propria attività presso il corpo di PM è stata già per ben due posta in mobilità di ufficio; Non si è invece espresso sulle domande di mobilità presentate dalle dipendenti Ferrara e Provenza stante che le stesse risultano già assegnate al settore;
Considerato di dover dar seguito alla indetta mobilità intersettoriale sulla base delle valutazioni dei responsabili di cui in premessa,
Rilevato tuttavia che non si ritiene né giusto né confacente alle necessità degli uffici che il personale cui si enga il diritto ad un miglioramento economico venga penalizzato dal fatto di essere ritenuto elemento utile se non essenziale, per il buon funzionamento del servizio di appartenenza, per cui si porporne di procedere, comunque alla trasformazione del rapporto di lavoro delle dipendenti Billeci Piera e Vassallo Rosalia;
Considerato che analoghe esigenze di trasformazione dell’orario di servizio si prospettano anche per altri lavoratori quali gli operai addetti al depuratore i quali in atto stante la presenza in servizio di una sola unità per turno, non sono in grado di provvedere all’adempimento delle attività di ordinaria e straordinaria manutenzione dell’impianto stante che le vigenti norme di sicurezze prescrivono che le attività possono essere attuate solo con la contemporanea presenza in servizio di almeno due unità;
Considerato che pari trasformazione del rapporto di lavoro è necessaria per i 2 operai addetti alla attività manutentive stante l’ampiezza dei compiti assegnati cui gli stessi debbono fare fronte;
Ritenuto che la Giunta Municipale con delibera 16 14.2.08 ha sospeso gli effetti della deliberazione della propria 110/2007 con la quale si modificava la pianta organica, nelle more della concertazione con le organizzazioni sindacali;
Rilevato che nelle more della definizione della concertazione non è possibile provvedere ad inquadramenti full time di personale in atto inquadrato in servizio part time ma si può solamente procedere ad adeguamenti dell’orario di servizio all’interno dei rapporti part time sino al limite massimo di 35 ore settimanali
SI PROPONE
1.in merito alla definizione delle procedura di mobilità intersettoriale:
a)l’accoglimento della richiesta del dipendente Messina Salvatore;
b)l’autorizzazione al comandante del corpo di Polizia Municipale a modificare le mansioni attribuite ai dipendenti signori Provenza Susanna e Ferrara Teresa, assegnando le stesse a compiti di vigilanza; c) il rigetto dell’istanza della dipendente Massa Mirella stante che l’attività della stessa prestata in passato presso il corpo di PM è stata ritenuta non confacente al necessario rapporto con l’utenza; d)il diniego all’accoglimento delle richieste dei dipendenti Biluci Piera e Vassallo Rosalia stante il parere contrario dei responsabili dei settori a cui le stesse risultano assegnate;
2.Di autorizzare il comandante della PM a procedere all’automatica trasformazione di tutti i rapporti di lavoro del personale amministrativo assegnato al settore laddove questo dichiari la propria disponibilità ad assolvere in via continuativa ed esclusiva a compiti di vigilanza con tutte le connesse conseguenze in termini di turni e festività
3.Di autorizzare ulteriori iniziative al fine di assicurare il rafforzamento del corpo di Polizia Municipale
4.La modifica dell’orario di servizio part time dei rapporti di lavoro dei dipendenti signore Vassallo Rosalia e Billeci Piera sino al limite di 35 ore settimanali al fine di come detto in premessa far fronte ad indispensabili esigenze di servizio che non risultano pienamente assolte con le attuali prestazioni part time
5.La modifica dell’orario di lavoro a 35 ore settimanali dei dipendenti Tolomei Antonio Tolomei Giuseppe Noto Salvatore e Favaloro Giuseppe al fine di consentire agli effettuare di effettuare tutte attività manutentive di competenza di quest’Ente sollevando il bilancio comunale dalla necessità di far fronte a maggiori oneri conseguenti ad affidamenti esterni
6.Dare atto che la trasformazione dei posti di che trattasi costruisce atto di esecuzione delle procedure programmatiche di quest’Amministrazione e fa seguito ad accordi sindacali e a specifiche richieste dei gruppi consiliari
7.Prendere atto che è stata convocata apposita delegazione trattante nel corso della quale si informeranno le rappresentanza sindacali di categoria del provvedimento in questione e si discuterà della possibilità di poter procedere alla trasformazione dei rapporti di lavoro da part time a ful time con rimodulazione della vigente dotazione organica
8.Prendere atto che il maggior importo conseguente a dete trasformazioni ammonta a Euro 44.748,87
IL DIRETTORE GENARLE DR MANLIO SCAFIDI
IL RESPONSABILE AMMINISTRATIVO NUNZIA PIRRONE
Vista la superiore porposta di deliberazione si esprime il seguente parere:
Visto l’art 1 c 557 della legge 296/2006
Considerato che lòe spese del personale non possono superare per l’anno 2008 quelle sostenute nell’anno 2007
Preso atto che a seguito delle cessazioni verificatesi a causa del decesso di un dipendente nell’anno 2007 ed al pensionamento di un altro dipendente da febbraio 2008 e che inoltre a seguito di 3 assunzioni effettuate dall’1.1.08 in atto risulta tra le diminuzioni dovute alle cessazioni e la differenza per le nuove assunzioni una disponibilità di circa 33.500,00 euro
Pertanto si esprime parer favorevole ai sensi dell’art 49 e 151 del D Lgs 18.8.200 267 sulla superiore porposta per la somma di Euro 33.467,45 giusto prospetto predisposto in collaborazione con l’ufficio personale che si allega
Il responsabile Finanziario Rag Fontanetta Biagio
LA GIUNTA MUNICIPALE
Vista la superiore proposta e ritenuta la stessa meritevole di approvazione
Ritenuto di dover far preceder la trasformazione dei rapporti di lavoro di che trattasi da part time a full time solo dopo apposita informativa sindacale per cui in atto si provvede esclusivamente all’adeguamento delle prestazioni mantenendo i rapporti part time
Preso atto del parere favorevole del responsabile Economico Finanziario e ritenuto di dover conseguentemente rimodulare gli orari di lavoro in modo tale da rientrare nella spesa sostenibile secondo quanto stabilito dalla normativa vigente e secondo le diposnibilità di Bilancio
Con voti unanimi espressi per alzata di mano
DELIBERA
1.Di approvare la superiore proposta di deliberazione con le modifiche di cui di seguito: a) maggiorazione a 34 ore dell’orario di servizio dei dipendenti sigari Messina salvatore Provenza Susanna e Ferrara Teresa con accoglimento della domanda di mobilità ed assegnazione o mantenimento al corpo di Polizia Municipale con attività esclusivamente vigilanza esterna; b) maggiorazione a 32 ore dell’orario di servizio dei dipendenti signori Vassallo Rosalia e Billeci Piera con mantenimento negli uffici di attuale destinazione;
c) maggiorazione a 34 ore settimanali dei dipendenti Tolomei Antonio Tolomei Giuseppe Noto Salvatore e Favaloro Giuseppe;
2.Di prendere atto del parere negativo all’accettazione della mobilità espresso dal comandante del corpo in merito alla domanda della signora Massa che pertanto rimane addetta al servizio di stato civile con le prestazioni in atto in godimento
3.Stabilire che al personale di cui al punto 1 assegnato al corpo di polizia municipale verranno assegnate le mansioni superiori per un periodo di mesi 3 al fine di garantire l’espletamento dei compiti di istituto
4.Autorizzare l’espletamento di ulteriore mobilità interna al fine di completare il rafforzamento del corpo di polizia municipale come previsto
5.Trasmettere copia del presente provvedimento alle organizzazioni sindacali di categoria
6.Quindi con separata votazione unanime espressa per alzata di mano al fine di dare attuazione al presente provvedimento a far data dal 1 marzo p.v. dichiara la presente deliberazione IMMEDIATAMENTE ESECUTIVA


IL NEPOTISMO E' REATO.
Un sindaco o un assessore, non possono fare favoritismi a vantaggio di figli, nipoti, parenti e amici, non solo in maniera diretta, ma neppure indiretta, facendo - per esempio - vincere appalti a ditte, a patto che poi queste assumano chi vogliono loro.
La Suprema Corte, annullando una sentenza d'Appello, ha ordinato un nuovo rinvio a giudizio per tre amministratori, spiegando che ‘in tema di corruzione, l’atto d’ufficio, oggetto di mercimonio, non va inteso in senso formale, in quanto deve comprendere qualsiasi comportamento che comunque violi (anche se non in contrasto con specifiche norme giuridiche o con istruzioni di servizio) i doveri di fedeltà, imparzialità, onestà che devono essere osservati da chiunque eserciti una pubblica funzione’”
Sette gli indagati per abuso d’ufficio tra cui amministratori e consiglieri comunali
Il nucleo di valutazione dei dipendenti del comune non possedevano i titoli di studio, requisiti di legge e mancanti di esperienze professionali Requisiti richiesti: Esperti qualificati in MATERIE ECONOMICHE, Esperti in materia di ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DEL LAVORO-MATERIE IGIENICHE. INTERESSE IN ATTO PUBBLICO: I componenti del nucleo di valutazione non possono ricevere incarichi di CONSULENZA E/O COLLABORAZIONE dagli uffici diretti da dipendenti da essi valutati.
Tra i componenti del NUCLEO di valutazione vi sono anche parenti degli amministratori

Caricato da isolapulita




http://www.isolapulita.it




Delibera di Giunta il,giorno 12 febbraio 2008 il Sindaco dà lettura della proposta di deliberazione avente ad oggetto: Sospensione effetti deliberanti della GM 110/2007 7/2008
Vista la propria delibera 110 5.11.07 con la quale si modificavano alcune previsioni della vigente pianta organica;
Rilevato che in esecuzione delle disposizioni dell’art 18 del vigente Contratto decentrato integrativo per il quadriennio 2002/05 dell’adozione di detta delibera sono state informate le associazioni sindacali di categoria giusta nota del 29.11.07 13341 inviata per posta ordinaria
Vista la nota della CGIL f:P. del 7.12.07 nella quale si avanza richiesta di concertazione ai sensi del comma 2 dell’art 8 del D Lgs 165/2001 previa sospensivo e degli effetti della deliberazione di che trattasi
Vista la nota di questo Comune 13776/cc dell’11.12.07 con la quale si comunica alla citata organizzazione sindacale che sul provvedimento in questione, ai sensi dell’art 18 del CCNL decentrato integrativo è stata correttamente fornita informazione successiva e comunque, si afferma disponibili alla convocazione della delegazione trattante.
Visto il ricorso ex art 28 della legge 300/70 proposto dalla CGIL FP innanzi al Tribunale di Pace sez controversie del Lavoro, affinché venga dichiarato che il Comune di Isola delle Femmine ha posto in essere un comportamento antisindacale in violazione degli obblighi di informazione preventiva, di consultazione e di concertazione previsti dal vigente CCNL
Rilevato che questo Comune pur essendosi costituito nel succitato giudizio giusta delibera della G.M. 13 del 5.2.08 non volendo porre in essere alcuna attività di contrasto all’attività sindacale e, al fine di dirimere in via preventiva la materia, con nota 1825 del 6.2.08 ha proceduto alla convocazione di una delegazione trattante con all’ordine del giorno tra l’altro, l’argomento di che trattasi
Viste le note della CGIL FP 2.11. del 7.2. c.a. con la quale si comunica l’intendimento di non parteciparte alla delegazione trattante del giorno 12 c.m. stante il procedimento avviato
Rilevato che in data 12. c.m. su proposta di parte pubblica, si è preso ato della volontà espressa dalla CGIL FP ed in via successiva anche dalla UIL FPL nonché dalle rappresentanze RRSSUU e si è rinviata la trattativa degli argomenti previsti all’ordine del giorno
Vista la nota della CGIL FP 2/93 del 4.2.08 con la quale si contesta d’adozione della delibera della GM 7 17.1.08 e se ne chiede la sospensione nonché l’attivazione delle procedure di concertazione
Ritenuto che, pur nella convinzione di aver sempre agito nel pieno rispetto della vigente normativa e con il massimo rispetto per le prerogative delle associazioni di rappresentanze dei lavoratori, quest’Amministrazione non ha la volontà politica di attivare azione di contrasto dell’attività sindacale ed anzi intende rasserenare il clima
1) sospendere gli effetti delle delibere GM 110/2007 e 7/2008 12.2.08
2) demandare al Direttore Generale la convocazione di una delegazione trattante che provveda alla concertazione della materia di cui ai succitati provvedimenti
3) rivervarsi di determinarsi in via successiva sulla base dell’esito della concertazione di che trattasi.

RAMBO 2 LA VENDETTA


FIGLI/FIGLIASTRI AMICI/NEMICI SIMPATIZZANTI/AVVERSARI CON ME/CONTRO DI ME

MOTIVARE/PENALIZZARE UNIRE/DIVIDERE ELOGIARE/UMILIARE
STRAORDINARIO PER TUTTI

Bruno Giuseppe 130 ore
Terreno 130 ore
Balistreri 74 ore
Rappa 74 ore
Tricoli 74
Longo 54 ore
Di Miceli 54 ore
Massa 54 ore
Virga 54 ore
Rubino 27 ore
Tolomeo A. 27 ore
Tolomei G 27 ore
Favaloro 27 ore
Noto A 27 ore
Lombardo 27 ore
Bruno M 15 ore
Zangara 15 ore
Giordano 15 ore
Genuardi 15 ore
Costanzo 15 ore
Provenza S 15 ore
Puccio D 15 ore
Riso 15 ore
Messina 15 ore
Billeci 15 ore
Pellerito 15 ore
Pizzardi 15 ore
Vassallo 15 ore

E TU???

Isola delle Femmine 27.2.08
I dipendenti del Comune di isola delle Femmine dicono BASTA e proclamano lo stato d’agitazione.
Alla base della protesta dei dipendenti i criteri seguiti dall’Amministrazione nella ripartizione discrezionali degli straordinari in occasione le prossime elezioni politiche.
Il Sindaco, dopo il ricorso all’art 28 presentato dal Sindacato al Tribunale di Palermo, viene sollecitato ad un incontro urgente con le rappresentanze sindacali.
In un volantino le Organizzazioni Sindacali denunciano che da parte dell’Amministrazione è stata consumata l’ennesima esclusione discrezionale di parecchi lavoratori. Le maggiori discriminazioni
Sono state riscontrate nell’ufficio protocollo nell’ufficio tecnico, nell’ufficio tributi e nel comando di polizia municipale.
Ai DUE DIPENDENTI dell’UFFICIO TRIBUTI sono state riservate 74 ore di straordinario a testa.
Il Sindaco Portobello come sempre non riesce a capire quale possa essere il problema se il premio è riservato soltanto a qualcuno.


N.B. Notiamo che manca l'arch ALBERT LO SAPETE CHE è UN DIPENDENTE DEL COMUNE DI ISOLA? Sappiamo che lo stipendio lo riceve dal Comune! Sembra che il suo incarico sia Timbrare il CARTELLINO!



ARTICOLO 28 STATUTO DEI LAVORATORI 300/1970
TRIBUNALE DI PALERMO SEZIONE CONTROVERSIE DI LAVORO
GIUDICE UNICO RICORSO EX ART 28 L.N. 300/1970


Della federazione Provinciale Lavoratori Funzione Pubblica C.G.I.L. di palermo, ricorrente
Contro
Comune di Isola delle Femmine, in persona del Sindaco pro tempore
Resistente
Con il presente ricorso la FP CGIL di palermo intende denunciare una pluralità di condotte antisindacali del Comune di Isola delle Femmine in palese violazione delle norme di legge e contrattazione collettiva di comparto.
IN FATTO
1) Con deliberazione n 17 del 2 febbraio 2007, la Giunta Comunale di Isola delle Femmine rideterminava la dotazione organica comunale
2) Con successiva deliberazione 44 del 6 Aprile 2007 la stessa Giunta approvava, in esito alla concertazione sindacale, la programmazione triennale per la copertura dei posti vacanti per il triennio 2007/2009
3) Con deliberazione 110 del 5 novembre 2007 la Giunta Comunale ha inopinatamente deciso di modificare le previsioni della dotazione organica già approvata con deliberazione 17/2007, decidendo di trasformare 2 posti di Architetto (D3) da tempo pieno a tempoparziale, prevedendo altresì, l’istituzione di n 4 nuovi settori nei quali far confluire alcuni servizi già inseriti nei preesistenti settori.
4) Tale decisione, seppure motivata sul presupposto della carenza di bilancio, comporta un ingiustificato aumento della spesa ove si consideri che a capo dei nuovi settori dovranno essere nominati i responsabili ai quali spetta il riconoscimento dell’indennità di posizione e di risultato
5) Per quanto qui interessa, la deliberazione di G.C. 110/2007 non è mai stata trasmessa a titolo di informativa sindacale alla FP CGIL
6) L’odierna ricorrente, ha, peraltro, inoltrato in data 7 dicembre 2007 una specifica richiesta di informativa e consultazione ai sensi dell’art 6 del D Lgs 165/2001 e contestualmente richiesta di concertazione ai sensi dell’art 8 del CCNL del Comparto regioni autonomie locali dell’1/4/99
7) La richiesta di confronto avanzate dalla ricorrente sono rimaste letera morta
8) L’ostruzionismo della P.A. resistente non ha tardato a produrre effetti intimidatori sia in capo alle RSU, che ahno formalmente manifestato alla CGIL, l’impopssibilità di svolgere compiutamente il proprio mandato sindacale minacciando di dimettersi sia in capo ai lavoratori iscritti alla CGIL, alcuni dei quali hanno già fato pervenire richiesta di disdetta
9) A questo punto, la FP CGIL, si vede costretta a ricorrere ai sensi dell’art 28 Statuto lavorao per la tutela delle proprie prerogative sindacali affidando le proprie doglianze ai seguenti motivi.
DIRITTO
Affinché il Giudice del Lavoro possa compiutamente valutare l’esistenza di tutti i presupposti prescritti dallo Statuto dei Lavoratori per l’esperibilità dell’azione ex art 28, appaiono opportune alcune precisazioni sugli obblighi di informazione preventiva, consultazione e concertazione sanciti dalla disciplinalegislativa e contrattuale collettiva nella materia che ci occupa.
-l’articolo 6 comma 1 del DLgs 165/2001 stabilisce che

“Nelle amministrazioni pubbliche l'organizzazione e la disciplina degli uffici, nonche' la consistenza e la variazione delle dotazioni organiche sono determinate in funzione delle finalita' indicate all'articolo 1, comma 1, previa verifica degli effettivi fabbisogni e previa consultazione delle organizzazioni sindacali rappresentative ai sensi dell'articolo 9”;

tale disposizione rimanda alla contrattazione collettiva nazionale di comparto la disciplina dei rapporti sindacali e degli istituti partecipativi, anche con riferimento agli atti di organizzazione aventi riflessi sul rapporto di lavoro;
-per quanto concerne il comparto del personale degli enti locali, l’istituto partecipativo dell’informazione è disciplinato dall’art 7 del CCNL del comparto regioni autonomie locali (all 7) sottoscritto 1.4.99, per il periodo 1998/2001, confermato dall’art 3 del CCNL sottoscritto il 22.1.2004 per il periodo 2002/2005, tutt’ora vigente, secondo cui
“1 L’ente informa periodicamente e tempestivamente i soggetti sindacali di cui all’art 10 comma 2 (RSU ed OOSS territoriali di categoria firmatarie del CCNL) sugli atti di valenza generale, anche di carattere finanziario, concernenti il rapporto di lavoro, l’organizzazione degli uffici e la gestione complessiva delle risorse umane.
2 Nel caso in cui si tratti di materie per le quali il presente CCNL prevede la concertazione o la contrattazione collettiva decentrato integrativa, l’informazione deve essere preventiva”:
-quanto poi all’istituto della consultazione il citato art 7 prevede al comma 4 che
“..La consultazione è altresì effettuata nelle materie in cui essa è prevista dal D.Lgs 29/1993” (Decreto oggi trasfuso bel D Lgs 165/2001);
-la concertazione sindacale è disciplinata dall’rt 8 del CCNL 1998/2001 come sostituto dell’art 6 del CCNL di comparto per il periodo 2002/2005 secondo cui
“1 Ciascuno dei soggetti di cui all’art 10 comma 2 ricevuta l’informazione ai sensi dell’art 7 può attivare, nei successici 10 giorni la concertazione mediante richiesta scritta… La procedura doi concertazione, nelle materie ad essa riservate non può essere sostituita da altri modelli di relazioni sindacali, 2 La concertazione si effettua…per le seguenti materie…d) andamento dei processi occupazionali”. 3 La concertazione si svolge in appositi incontri che iniziano entro il quarto giorno dalla data di ricezione della richiesta..”
1) Illegitttimità della deliberazione di GC 110 del 5.11.2007 per violazione dell’art 6 del D Lgs 165/2001 Mancata consultazione sulla rideterminazione della dotazione organica e la variazione della struttura organizzativa dell’ente. Violazione degli obblighi di informazione sancita dall’art 7 del CCNL di comparto dell’1.4. 1999;
2) Violazioni degli obblighi di informazione e concertazione in materia di andamento dei processi occupazionali;
3) Illegittimità della deliberazione di G.C. 110 5.11.07 per violazione dell’art 8 del CCNL 1.4.99. Violazione dell’art 7 del CCNL Regioni Autonomie Locali per il periodo 1998/2001, non abrogato dal CCNL 2002/2005 nonché dell’art 6 comma 2 lettere c) e d) del CCNL 2002/2005, sostituito dall’art 8 del CCNL 1998/2001. Violazione dei principi di non discriminazione, buona fede e correttezza nelle relazioni sindacali.
4) Tanto premesso e ritenuto che
VOGLIA IL TRIBUNALE DI PALERMO
SEZIONE CONTROVERSIE DI LAVORO
CONVOCATO LE PARTI E ASSUNTE SOMMARIE INFORMAZIONI,
- reiectis adversis;
- dire e dichiarare ammissibile, proponibile e procedibile il presente ricorso ex art 28 Stat Lav e tutte le domande ivi contenute perché fondate in fatto e in diritto;
- dire e dichiarare che il Comune di isola delle Femmine ha posto in essere un comportamento antisindacale , in violazione degli obblighi di informazione preventiva, di consultazione e di concertazione sanciti rispettivamente dall’art 6 del D Lgs 165/2001 nonché dagli art 7 e 8 del CCNL Regioni Autonomie Locali per il periodo 1998/2001, non abrogato dal CCNL 2002/2005, nonché in violazione dei principi di non discriminazione, buona fede e correttezza nelle relazioni sindacali;
- conseguentemente, ordinare al Comune di Isola delle Femmine di rimuovere gli effetti della deliberazione di Giunta Comunale 110 del 5 Novembre 2007, nonché di ogni atto connesso e /o attuativo della stessa;
- ordinare all’Ente resistente di astenersi per il futuro dall’adottare il comportamento antisindacale sopra descritto;
- condannare l’Ente di cui sopra, in persona del legale rappresentante, al pagamento delle spese, competenze ed onorari del presente procedimento da distrarsi –ex art 93 c.p.c. – in favore dei sottoscritti procuratori costituiti i quali dichiarano di avere anticipato le spese e di avere anticipato le spese e di non avere ricevuto compensi.
In via istruttoria sommaria
- si chiede ordinare la produzione in giudizio di tutti gli originali di cui si chiede la caducazione;
- si chiede, ove ritenuto opportuno dal G.L., di accertare le circostanze di fatto oggetto del presente ricorso a mezzo di informatori che, previa autorizzazione del G.L., verranno condotti in udienza.
- Palermo 25 gennaio 2008


ISOLA DELLE FEMMINE IL SINDACATO STOPPA PONZIO PILATO

Palermo 7 Dicembre 2007-12-17

Spett:le Comune Isola delle Femmine

Oggetto:Deliberazione di G.M. n 110 del 5.11.07 recante “Rideterminazione dotazione organica” e provvedimenti applicativi. Diffida

Con la presente la CGIL FP denuncia l’antisidacalità delle condotta tenuta dal Comune di isola delle Femmine e formula diffida a revocare, con effetto immediato, la deliberazione di G.M. 110 del 5.11.07, recante approvazione della rideterminazione della dotazione organica, nonché ogni atto applicativo della stessa.
In particolare, la predetta deliberazione 110/2007, di cui la scrivente O.S. non è mai stata informata, non è stata preceduta dalla “previa consultazione sindacale” obbligatoria sancita dall’art 6, comma 1 del D Lgs 165/2001, come recepito dall’art 7 comma 4 del CCNL di comparto del 1/4/1999, confermato dal vigente CCNL 2002/2005.
A quanto sopra si aggiunga che la predetta deliberazione, oltre a prevedere lo smembramento dei quattro originari settori, procedura che comporterà un aggravio finanziario ingiustificato in capo all’ente, dovendosi procedere alla nomina di nuovi capi settore con attribuzione della relativa indennità di posizione e di risultato, avrà indubbie ricadute sull’andamento generale dei processi occupazionali, materia, questa, oggetto di concertazione obbligatoria ai sensi dell’art 8 lettera d del CCNL 1/4/1999.
Con la presente pertanto, la scrivente OS nel formulare richiesta di concertazione ai sensi del comma 2 dell’art 8 citato, diffida Codesto Ente a sospendere senza indugio gli effetti della deliberazione emarginata in oggetto nonché di ogni atto eventualmente nelle more adottato in attuazione della medesima.
Con l’avvertenza che, in difetto di riscontro nei termini prescritti dalla contrattazione collettiva di comparto, la scrivente si vedrà costretta a tutelare le proprie prerogative gravemente pregiudicate dalla condotta del Comune di Isola delle Femmine avanti l’Autorità Giudiziaria competente.
Il Segretario della CGIL FP Michele Palazzotto

http://www.isolapulita.it


UIL PPL SEGRETERIA AZIENDALE COMUNE ISOLA DELLE FEMMINE
Prot 10 5. dicembre 2007-12-17
AL CAPO DEL 1° SETTORE AMMINISTRATIVO
E p.c. Al Signor Sindaco
Al Segretario Comunale-Direttore Generale
Alle OOSS Aziendali
Alla RSU
Ai Lavoratori Comunali
Alla UIL FPL Segreteria Provinciale di Palermo
Oggetto: Richiesta revoca delle deliberazioni del capo del 1° Settore amministrativo n 387-388 e 389 del 16.11.07 riguardanti la indizione di procedure selettive per progressioni verticali per posti diversi.
Con le determinazioni in oggetto si è proceduto alla indizione di selezioni ai sensi dell’art 4 del CCNL 31.3.1999 per il passaggio dalla categoria A alla B e dalla categoria C alla D, ma non anche per il passaggio dalla categoria B alla C, come previsto dalla deliberazione della GM 44 del 6.4.2007, modificata dalla deliberazione n 49 del 16.4.2007 che approva il programma dei fabbisogni del personale prescritto dall’art 39 della legge 449/97.
Si nota prioritariamente che il richiamo, contenuto nei rispettivi avvisi di selezione approvati ed allegati alle determine in oggetto, all’art 26 del CCDI approvato dalla D.T nella seduta del 7.12.1999, che regolamenta alcuni aspetti della procedura selettiva, invalida per ciò stesso il provvedimento dal momento che il CCDI/199 ha cessato di esistere a seguito dell’entrata in vigore del nuovo CCDI sottoscritto dalla D.T. del 5 maggio 2006 il quale al riguardo non prevede nulla se non che l’Ente deve prioritariamente concordare con le OO.SS. le procedure selettive per il passaggio dei dipendenti alla categoria immediatamente superiore, procedure che dovranno essere poi recepite con provvedimento dell’organo esecutivo, come infatti è stabilito dagli art 4 e 16 comma 2 lettera a del CCNL del 31.3.99 secondo cui i criteri generali della disciplina dello svolgimento delle selezioni per i passaggi tra categorie debbono essere adottati dal Comune previa espressa e specifica concertazione con le OO.SS.
Non risulta però che ciò sia mai compiutamente avvenuto né che sia stato adottato apposito Regolamento. Rimane in vigore il Regolamento degli Uffici e servizi che disciplina agli art 96 e seguenti soltanto concorsi interni per i titoli datati addirittura in epoca anteriore al CCNL del 31.3.99 norme rimaste pressoché invariate anche dopo le modifiche apportate nel 2002, alle quali tra l’altro non è stata data completa applicazione, e comunque da modificare per quanto sopra esposto.
Manca inoltre l’assunzione dell’impegno di spesa che deve essere obbligatoriamente previsto in quanto le selezioni fanno parte della priorità per l’anno in corso stabilite dal programma di fabbisogno del personale di cui alla deliberazione della G.M. suddetta procedura che viene invece rinviata ad un momento successivo, e cioè all’atto di inquadramento sulla base della disponibilità finanziarie dell’Ente.
Per questi motivi si invita la S.V. ai sensi dell’art 10 comma 3 del vigente CCDI a volere revocare gli atti indicati in oggetto ed a riproporli dopo concordati con le OO.SS i criteri di cui sopra e dopo il loro recepimento nell’ordinamento comunale
Il Segretario Aziendale

http://www.isolapulita.it

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 70 DEL 3.7.07 ESECUZIONE IMMEDIATA
Oggetto Bilancio 2007 Definizione degli indirizzi operativi per lo sviluppo dei provvedimenti gestionali relativi alle attività istituzionali del comune, individuazione dei capitoli di spesa affidati alla gestione dei responsabili dei settori.
Su disposizione del Sindaco il Direttore Generale sottopone alla Giunta Comunale la seguente proposta avente per oggetto: Bilancio 2007 Definizione degli indirizzi operativi per lo sviluppo dei provvedimenti gestionali relativi alle attività istituzionali del comune, individuazione dei capitoli di spesa affidati alla gestione dei responsabili dei settori.
IL DIRETTORE GENERALE
Vista la deliberazione consiliare 19 del 7.6.07 con la quale è stato adottato il bilancio di pervisione 2007, ed i relativi allegati;
Visto l’art 107 comma 1 del D.Lgs 18.8.2000 n 267 che prevede “Spetta ai dirigenti la direzione degli uffici e dei servizi secondo i criteri e le norme dettati dagli statuti e dai regolamenti.. Questi si uniformano al principio per cui i poteri di indirizzo e di controllo politico-amministrativo spettano agli organi di governo, mentre la gestione amministrativa, finanziaria e tecnica è attribuita ai dirigenti mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo.
Richiamato l’art 4 comma 2 del D Lgs 30.2.2001 n 165, laddove dispone: “Ai dirigenti spetta l’adozione degli atti e dei provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti che impegnano l’amministrazione verso l’esterno, nonché la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa mediante autonomi poteri di spesa di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Essi sono responsabili in via esclusiva dell’attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati.
Visto l’art 169 del D.Lgs 267/2000, secondo cui “1 Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal consiglio, l’organo esecutivo definisce, prima dell’inizio dell’esercizio, il pianon esecutivo di gestione, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei Servizi. 2 Il piano esecutivo di gestione contiene una ulteriore graduazione delle risorse delle entrate in capitoli, dei servizi in centri di costi e degli interventi in capitoli. 3 L’applicazione dei commi 1 e 2 del presente articolo è facoltativa per gli enti locali con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti e per le comunità montane”;
Ritenuto necessario, seppure questo Comune consta di una popolazione inferiore ai 15.000 abitanti, avvalersi della facoltà di dotarsi del PEG, in quanto trattasi di uno strumento dei principi dell’ordinamento vigente in tema di enti locali;
Visto l’allegato Piano Esecutivo di Gestione, proposto dal Direttore Genrale ai sensi dell’art 108, comma 1 del D.Lgs 267/2000, predisposto ai sensi del successivo art 169, comprendente, per ogni centro di responsabilità, l’elenco dei relativi centri di costo, centri gestori, obiettivi gestionali, capitoli di spesa e di entrata, assegnazione delle risorse umane, attribuzione delle risorse strumentali e dei beni patrimoniali e livelli di attività previsti;
Dato atto che gli “obiettivi gestionali” contenuti nell’allegato PEG sono stati concordati con il Direttore Generale con i responsabili dei centri di responsabilità, e sono da ritenersi a tutti gli effetti validi quali “Piano dettagliato di obiettivi” ai sensi del conbinato disposto dell’art 108 comma 1 con l’art 197 comma 2 lettera a) del D.Lgs 267/2000;
Dato altresì atto che nel sopraccitato piano gli obiettivi sono individuati i risultati che l’amministrazione intende cogliere mediante l’opera di attuazione del PEG da parte dei responsabili dei servizi;
Preso atto della riforma generale relativa all’ordinamento contabile e finanziario, nonché all’ordinamento delle autonomie locali, con particolare riferimento al disegno di separazione dei ruoli tra organi politici (Giunta) ed organi tecnici (responsabili dei settori) e ritenuto quindi il Piano esecutivo di gestione strumento non unicamente finanziario, ma di programmazione;
Ritenuto, per quanto sopra evidenziato, di individuare quali responsabili della gestione del PEG e del conseguimento dei risultati previsti i seguenti responsabili di settori:
Sig Pirrone Nunzia responsabile del Settore 1° Amministrativo incaricato con D.S. n 13 del 28 giungno 2007;
Rag Biagio Fontanetta responsabile del 2° Settore Economico Finanziario incaricato con D.S. n 6 del 28 febbraio 2002;
Arch D’Arpa Sandro responsabile del 3° Settore Tecnico incaricato con D.S. n 32 del 16.11.2005;
Signor Croce Antonio responsabile del Settore 4° Polizia Municipale incaricato con D.S. 53 del 29.12.2003;
Dato atto che ai sensi dell’art 177 del già citato D.Lgs 267/2000 “1 Il responsabile del servizio, nel caso in cui ritiene necessaria una modifica della dotazione assegnata per sopravvenute esigenze successive all’adozione degli atti di programmazione, propone la modifica con modalità definite dal regolamento di contabilità;
Precisato che le spese continuative e ricorrenti, derivanti da delibere consiliari o di giunta e da contratti saranno effettuate dai responsabili dei servizi a valere sui fondi ad essi assegnati;
Visto il vigente regolamento di contabilità;
PROPONE
1)Di approvare il Piano Esecutivo di gestione allegato alla presente deliberazione definito per ciascuna risorsa ed intervento in capitoli e in articoli, in conformità con il bilancio di previsione 2007 (allegato A);
2)Di affidare ai responsabili dei servizi indicati in premessa la realizzazione degli obiettivi unitamente alle risorse necessarie;
3)Di autorizzare i responsabili dei settori adottare atti di gestione relativi ad attività istituzionali connesse a funzioni e compiti che il comune deve obbligatoriamente svolgere o che devono essere necessariamente sviluppate in modo continuativo, nel rispetto degli indirizzi individuati in premessa;
4)Di decidere che ciascun responsabile di servizio provvederà, altresì, all’attivazione delle procedure di acquisizione delle entrate di propria competenza, fornendo comunicazione al settore bilancio per la conseguente annotazione nelle scritture contabili;
5)Dare atto che le spese relative al personale ed all’ammortamento mutui allocate in ciascun centro di responsabilità vengono gestite per specifica competenza rispettivamente dal centro di responsabilità Personale e dal centro di responsabilità Bilancio e Programmazione Finanziaria;
6)Di stabilire che le variazioni contabili al bilancio ed al PEG e le relative modifiche agli stanziamenti sia in diminuzione che accrescitive costituiscono automatica modifica delle assegnazioni di fondi ai dirigenti;
7)Di riservarsi ulteriori integrazioni e puntualizzazioni qualora nel corso della gestione se ne verifichi la necessità.
Pareri ai asnsi degli art 151 art 153 c 4 del D.lgs 267/200
Ai sensi e per gli effetti dell’ art 151 si esprime parere favorevole sulla regolarità contabile, si attesta inoltre ai sensi dell’art 153 comma 4 la veridicità delle previsioni di entrata e la compatibilità delle previsioni di spesa, avanzate dai vari servizi iscritti nel bilancio di previsione anno 2007-12-12



AL SIGNOR Sindaco
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Incarico di responsabile posizione organizzativa 1° Settore

La S.V. ponendo fine all’anomala situazione protrattasi dal 2002 ad oggi, dell’affidamento cioè della posizione di Capo del 1° Settore Amministrativo e delle relative funzioni dirigenziali al Direttore Generale, che l’Assessorato Regionale famiglia e politiche sociali in casi analoghi in latri Comuni ha giudicato sempre illegittimo e tale da comportare l’annullamento di tutti gli atti adottati, senza pensare minimamente a definire prioritariamente la situazione organizzativa dell’Ente con il ripristino almeno dei Settori originariamente istituiti negli anni 90, poi moltiplicati all’iverosimile ed infine in gran parte assurdamente cancellati con grave danno per l’efficienza dei servizi, ha posto in essere a parere della scrivente O.S. una altrettanta anomala situazione illegittima, e cioè quella di affidare il 1° megasettore amministrativo intuitu personae senza alcun rispetto delle regole di correttezza amministrativa e senza operare alcuna comparazione, fatto che mortifica la professionalità e le aspettative di tutti quei dipendenti che in passato analoga attività di capo Settore avendo anche maggiori titoli e requisiti professionali dell’attuale beneficiaria, così come già avvenuto in occasione della esemplare copertura del posto di Comandante VV.UU. e dell’attribuzione allo stesso delle funzioni dirigenziali.
Si rappresenta intanto che il vigente regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei servizi non è conforme a norma essendo stato modellato su un regolamento di grosse città dove, tanto per fare un esempio, le funzioni dei Capi Settori coincidono con quelle dei Dirigenti e non è pertanto applicabile a questo Comune ed è totalmente da ridefinire.
Si rappresenta inoltre che la S.V. non poteva nominare, come ha fatto, trattandosi di un atto di gestione, il Capo del 1° Settore, posto vuoto che andava coperto prima dell’attribuzione delle funzioni dirigenziali in base alle previste normali procedure e men che meno poteva nominare responsabile del 1° Servizio (posto anch’esso vuoto) lo stesso Capo del 1° Settore, intendosi assorbita la funzione di Capo Servizio da quella del capo Settore, finché il posto è vuoto o non assegnato, non potendosi concentrare nella stessa persona le funzioni di controllore e controllato od essere contemporaneamente capo e dipendente di se stessi.
Si evidenzia ancora la mancata determinazione del quantum e la mancata assunzione del relativo impegno di spesa.
Si fa presente infine che nei piccoli Comuni la normativa applicabile è soltanto quella derivante dall’art 11 del CCNL 31/3/199 e dall’art 15 del CCNL 22/1/2004 che consente l’affidamento delle funzioni dirigenziali esclusivamente ai titolari di posizioni apicali formalmente attribuite mediante regolari e formali coperture dei relativi posti ai sensi di legge.
Per quanto sopra evidenziato, si invita la S.V. a revocare la propria determinazione n 13 del 28.6.07 ed a concertare con le OOSS il ripristino dell’originario assetto organizzativo, composto da circa 6 settori, che si continua a ritenere molto equilibrato ed in linea con la maggior parte dei Comuni, compresi quelli viciniori, oppure l’adozione di un nuovo modello organizzativo con la copertura dei posti di Capo Settore che si andranno a prevedere e con l’attribuzione agli stessi delle funzioni dirigenziali.
Diversamente verranno intraprese tutte le iniziative volte all’annullamento dell’atto di che tratasi ed alla continua ed instancabile sensibilizzazione perché si pervenga in tempi brevi ad una nuova e razionale struttura organizzativa.




AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Determina del Sindaco n 18 del 5.7.07
Non comprendiamo perché la S.V., abbia adottato l’atto in oggetto indicato, atto di pura gestione amministrativa, non avendone la competenza e rendendolo nullo di pieno diritto.
La invitiamo pertanto a revocarlo e a farlo adottare a chi di competenza, previa definizione dei criteri generali per il conferimento delle mansioni superiori.
Si coglie l’occasione per ricordare che contestualmente alla nomina, e comunque entro novanta giorni dalla data in cui i dipendenti verranno adibiti a svolgere mansioni superiori, dovranno essere avviate le procedure per la copertura dei corrispondenti posti vacanti di organico, ai sensi dell’art 56 del D.Lgs 29/1993 e successive modificazioni e dell’art 8 del CCNL 14/9/2000, trasfusi nellart 12 del Regolamento degli Uffici e dei servizi comunali.




AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Determina del Sindaco n 16 del 3.7.07

Non comprendiamo perché la S.V., abbia adottato l’atto in oggetto indicato soltanto per il Capo 3°Settore Tecnico e non anche per i capi degli altri Settori, che ci risultano anch’essi privi di supplenti “pro-tempore”.
La invitiamo pertanto a provvedere.






AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Deliberazione G.M. 69 del 29.6.2007 Indirizzi gestionali per la stabilizzazione del personale precario (Legge 296/2006-Finanziaria 2007)


Non comprendiamo perché la G.M.., abbia adottato l’atto in oggetto indicato, dal momento che nel Comune non vi è personale precario subordinato o parasubordinato, riconducibile alla fattispecie prevista dalla normativa in oggetto, da stabilizzare.
A meno che non si voglia fare riferimento ai n 2 professionisti tecnici legati al Comune da rapporti professionali. Ma essi non rientrano assolutamente nella ipotesi prevista dalla legge, non possedendo i requisiti richiesti per la stabilizzazione.
Il loro infatti è soltanto un rapporto professionale, non di lavoro flessibile.
Da liberi professionisti esercitano infatti una propria attività professionale, contestualmente al rapporto che li lega al Comune, sulla base della loro iscrizione a specifici ABI PROFESSIONALI, essendo titolari di partita IVA e rilasciando per la loro attività e prestazioni regolari fatture.
Si invita pertanto la S.V. a fare revocare l’atto suddetto.

Comitato Cittadino Isola Pulita

http://www.isolapulita.it






IL NEPOTISMO E' REATO.
Un sindaco o un assessore, non possono fare favoritismi a vantaggio di figli, nipoti, parenti e amici, non solo in maniera diretta, ma neppure indiretta, facendo - per esempio - vincere appalti a ditte, a patto che poi queste assumano chi vogliono loro.
La Suprema Corte, annullando una sentenza d'Appello, ha ordinato un nuovo rinvio a giudizio per tre amministratori, spiegando che ‘in tema di corruzione, l’atto d’ufficio, oggetto di mercimonio, non va inteso in senso formale, in quanto deve comprendere qualsiasi comportamento che comunque violi (anche se non in contrasto con specifiche norme giuridiche o con istruzioni di servizio) i doveri di fedeltà, imparzialità, onestà che devono essere osservati da chiunque eserciti una pubblica funzione’”
Sette gli indagati per abuso d’ufficio tra cui amministratori e consiglieri comunali
Il nucleo di valutazione dei dipendenti del comune non possedevano i titoli di studio, requisiti di legge e mancanti di esperienze professionali Requisiti richiesti: Esperti qualificati in MATERIE ECONOMICHE, Esperti in materia di ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DEL LAVORO-MATERIE IGIENICHE. INTERESSE IN ATTO PUBBLICO: I componenti del nucleo di valutazione non possono ricevere incarichi di CONSULENZA E/O COLLABORAZIONE dagli uffici diretti da dipendenti da essi valutati.
Tra i componenti del NUCLEO di valutazione vi sono anche parenti degli amministratori

Caricato da isolapulita


http://www.isolapulita.it




DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 70 DEL 3.7.07 ESECUZIONE IMMEDIATA
Oggetto Bilancio 2007 Definizione degli indirizzi operativi per lo sviluppo dei provvedimenti gestionali relativi alle attività istituzionali del comune, individuazione dei capitoli di spesa affidati alla gestione dei responsabili dei settori.
Su disposizione del Sindaco il Direttore Generale sottopone alla Giunta Comunale la seguente proposta avente per oggetto: Bilancio 2007 Definizione degli indirizzi operativi per lo sviluppo dei provvedimenti gestionali relativi alle attività istituzionali del comune, individuazione dei capitoli di spesa affidati alla gestione dei responsabili dei settori.
IL DIRETTORE GENERALE
Vista la deliberazione consiliare 19 del 7.6.07 con la quale è stato adottato il bilancio di pervisione 2007, ed i relativi allegati;
Visto l’art 107 comma 1 del D.Lgs 18.8.2000 n 267 che prevede “Spetta ai dirigenti la direzione degli uffici e dei servizi secondo i criteri e le norme dettati dagli statuti e dai regolamenti.. Questi si uniformano al principio per cui i poteri di indirizzo e di controllo politico-amministrativo spettano agli organi di governo, mentre la gestione amministrativa, finanziaria e tecnica è attribuita ai dirigenti mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo.
Richiamato l’art 4 comma 2 del D Lgs 30.2.2001 n 165, laddove dispone: “Ai dirigenti spetta l’adozione degli atti e dei provvedimenti amministrativi, compresi tutti gli atti che impegnano l’amministrazione verso l’esterno, nonché la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa mediante autonomi poteri di spesa di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. Essi sono responsabili in via esclusiva dell’attività amministrativa, della gestione e dei relativi risultati.
Visto l’art 169 del D.Lgs 267/2000, secondo cui “1 Sulla base del bilancio di previsione annuale deliberato dal consiglio, l’organo esecutivo definisce, prima dell’inizio dell’esercizio, il pianon esecutivo di gestione, determinando gli obiettivi di gestione ed affidando gli stessi, unitamente alle dotazioni necessarie, ai responsabili dei Servizi. 2 Il piano esecutivo di gestione contiene una ulteriore graduazione delle risorse delle entrate in capitoli, dei servizi in centri di costi e degli interventi in capitoli. 3 L’applicazione dei commi 1 e 2 del presente articolo è facoltativa per gli enti locali con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti e per le comunità montane”;
Ritenuto necessario, seppure questo Comune consta di una popolazione inferiore ai 15.000 abitanti, avvalersi della facoltà di dotarsi del PEG, in quanto trattasi di uno strumento dei principi dell’ordinamento vigente in tema di enti locali;
Visto l’allegato Piano Esecutivo di Gestione, proposto dal Direttore Genrale ai sensi dell’art 108, comma 1 del D.Lgs 267/2000, predisposto ai sensi del successivo art 169, comprendente, per ogni centro di responsabilità, l’elenco dei relativi centri di costo, centri gestori, obiettivi gestionali, capitoli di spesa e di entrata, assegnazione delle risorse umane, attribuzione delle risorse strumentali e dei beni patrimoniali e livelli di attività previsti;
Dato atto che gli “obiettivi gestionali” contenuti nell’allegato PEG sono stati concordati con il Direttore Generale con i responsabili dei centri di responsabilità, e sono da ritenersi a tutti gli effetti validi quali “Piano dettagliato di obiettivi” ai sensi del conbinato disposto dell’art 108 comma 1 con l’art 197 comma 2 lettera a) del D.Lgs 267/2000;
Dato altresì atto che nel sopraccitato piano gli obiettivi sono individuati i risultati che l’amministrazione intende cogliere mediante l’opera di attuazione del PEG da parte dei responsabili dei servizi;
Preso atto della riforma generale relativa all’ordinamento contabile e finanziario, nonché all’ordinamento delle autonomie locali, con particolare riferimento al disegno di separazione dei ruoli tra organi politici (Giunta) ed organi tecnici (responsabili dei settori) e ritenuto quindi il Piano esecutivo di gestione strumento non unicamente finanziario, ma di programmazione;
Ritenuto, per quanto sopra evidenziato, di individuare quali responsabili della gestione del PEG e del conseguimento dei risultati previsti i seguenti responsabili di settori:
Sig Pirrone Nunzia responsabile del Settore 1° Amministrativo incaricato con D.S. n 13 del 28 giungno 2007;
Rag Biagio Fontanetta responsabile del 2° Settore Economico Finanziario incaricato con D.S. n 6 del 28 febbraio 2002;
Arch D’Arpa Sandro responsabile del 3° Settore Tecnico incaricato con D.S. n 32 del 16.11.2005;
Signor Croce Antonio responsabile del Settore 4° Polizia Municipale incaricato con D.S. 53 del 29.12.2003;
Dato atto che ai sensi dell’art 177 del già citato D.Lgs 267/2000 “1 Il responsabile del servizio, nel caso in cui ritiene necessaria una modifica della dotazione assegnata per sopravvenute esigenze successive all’adozione degli atti di programmazione, propone la modifica con modalità definite dal regolamento di contabilità;
Precisato che le spese continuative e ricorrenti, derivanti da delibere consiliari o di giunta e da contratti saranno effettuate dai responsabili dei servizi a valere sui fondi ad essi assegnati;
Visto il vigente regolamento di contabilità;
PROPONE
1)Di approvare il Piano Esecutivo di gestione allegato alla presente deliberazione definito per ciascuna risorsa ed intervento in capitoli e in articoli, in conformità con il bilancio di previsione 2007 (allegato A);
2)Di affidare ai responsabili dei servizi indicati in premessa la realizzazione degli obiettivi unitamente alle risorse necessarie;
3)Di autorizzare i responsabili dei settori adottare atti di gestione relativi ad attività istituzionali connesse a funzioni e compiti che il comune deve obbligatoriamente svolgere o che devono essere necessariamente sviluppate in modo continuativo, nel rispetto degli indirizzi individuati in premessa;
4)Di decidere che ciascun responsabile di servizio provvederà, altresì, all’attivazione delle procedure di acquisizione delle entrate di propria competenza, fornendo comunicazione al settore bilancio per la conseguente annotazione nelle scritture contabili;
5)Dare atto che le spese relative al personale ed all’ammortamento mutui allocate in ciascun centro di responsabilità vengono gestite per specifica competenza rispettivamente dal centro di responsabilità Personale e dal centro di responsabilità Bilancio e Programmazione Finanziaria;
6)Di stabilire che le variazioni contabili al bilancio ed al PEG e le relative modifiche agli stanziamenti sia in diminuzione che accrescitive costituiscono automatica modifica delle assegnazioni di fondi ai dirigenti;
7)Di riservarsi ulteriori integrazioni e puntualizzazioni qualora nel corso della gestione se ne verifichi la necessità.
Pareri ai asnsi degli art 151 art 153 c 4 del D.lgs 267/200
Ai sensi e per gli effetti dell’ art 151 si esprime parere favorevole sulla regolarità contabile, si attesta inoltre ai sensi dell’art 153 comma 4 la veridicità delle previsioni di entrata e la compatibilità delle previsioni di spesa, avanzate dai vari servizi iscritti nel bilancio di previsione anno 2007-12-12



AL SIGNOR Sindaco
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Incarico di responsabile posizione organizzativa 1° Settore

La S.V. ponendo fine all’anomala situazione protrattasi dal 2002 ad oggi, dell’affidamento cioè della posizione di Capo del 1° Settore Amministrativo e delle relative funzioni dirigenziali al Direttore Generale, che l’Assessorato Regionale famiglia e politiche sociali in casi analoghi in latri Comuni ha giudicato sempre illegittimo e tale da comportare l’annullamento di tutti gli atti adottati, senza pensare minimamente a definire prioritariamente la situazione organizzativa dell’Ente con il ripristino almeno dei Settori originariamente istituiti negli anni 90, poi moltiplicati all’iverosimile ed infine in gran parte assurdamente cancellati con grave danno per l’efficienza dei servizi, ha posto in essere a parere della scrivente O.S. una altrettanta anomala situazione illegittima, e cioè quella di affidare il 1° megasettore amministrativo intuitu personae senza alcun rispetto delle regole di correttezza amministrativa e senza operare alcuna comparazione, fatto che mortifica la professionalità e le aspettative di tutti quei dipendenti che in passato analoga attività di capo Settore avendo anche maggiori titoli e requisiti professionali dell’attuale beneficiaria, così come già avvenuto in occasione della esemplare copertura del posto di Comandante VV.UU. e dell’attribuzione allo stesso delle funzioni dirigenziali.
Si rappresenta intanto che il vigente regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei servizi non è conforme a norma essendo stato modellato su un regolamento di grosse città dove, tanto per fare un esempio, le funzioni dei Capi Settori coincidono con quelle dei Dirigenti e non è pertanto applicabile a questo Comune ed è totalmente da ridefinire.
Si rappresenta inoltre che la S.V. non poteva nominare, come ha fatto, trattandosi di un atto di gestione, il Capo del 1° Settore, posto vuoto che andava coperto prima dell’attribuzione delle funzioni dirigenziali in base alle previste normali procedure e men che meno poteva nominare responsabile del 1° Servizio (posto anch’esso vuoto) lo stesso Capo del 1° Settore, intendosi assorbita la funzione di Capo Servizio da quella del capo Settore, finché il posto è vuoto o non assegnato, non potendosi concentrare nella stessa persona le funzioni di controllore e controllato od essere contemporaneamente capo e dipendente di se stessi.
Si evidenzia ancora la mancata determinazione del quantum e la mancata assunzione del relativo impegno di spesa.
Si fa presente infine che nei piccoli Comuni la normativa applicabile è soltanto quella derivante dall’art 11 del CCNL 31/3/199 e dall’art 15 del CCNL 22/1/2004 che consente l’affidamento delle funzioni dirigenziali esclusivamente ai titolari di posizioni apicali formalmente attribuite mediante regolari e formali coperture dei relativi posti ai sensi di legge.
Per quanto sopra evidenziato, si invita la S.V. a revocare la propria determinazione n 13 del 28.6.07 ed a concertare con le OOSS il ripristino dell’originario assetto organizzativo, composto da circa 6 settori, che si continua a ritenere molto equilibrato ed in linea con la maggior parte dei Comuni, compresi quelli viciniori, oppure l’adozione di un nuovo modello organizzativo con la copertura dei posti di Capo Settore che si andranno a prevedere e con l’attribuzione agli stessi delle funzioni dirigenziali.
Diversamente verranno intraprese tutte le iniziative volte all’annullamento dell’atto di che tratasi ed alla continua ed instancabile sensibilizzazione perché si pervenga in tempi brevi ad una nuova e razionale struttura organizzativa.




AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Determina del Sindaco n 18 del 5.7.07

Non comprendiamo perché la S.V., abbia adottato l’atto in oggetto indicato, atto di pura gestione amministrativa, non avendone la competenza e rendendolo nullo di pieno diritto.
La invitiamo pertanto a revocarlo e a farlo adottare a chi di competenza, previa definizione dei criteri generali per il conferimento delle mansioni superiori.
Si coglie l’occasione per ricordare che contestualmente alla nomina, e comunque entro novanta giorni dalla data in cui i dipendenti verranno adibiti a svolgere mansioni superiori, dovranno essere avviate le procedure per la copertura dei corrispondenti posti vacanti di organico, ai sensi dell’art 56 del D.Lgs 29/1993 e successive modificazioni e dell’art 8 del CCNL 14/9/2000, trasfusi nellart 12 del Regolamento degli Uffici e dei servizi comunali.




AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Determina del Sindaco n 16 del 3.7.07

Non comprendiamo perché la S.V., abbia adottato l’atto in oggetto indicato soltanto per il Capo 3°Settore Tecnico e non anche per i capi degli altri Settori, che ci risultano anch’essi privi di supplenti “pro-tempore”.
La invitiamo pertanto a provvedere.






AL SIGNOR Sindaco 24.7.07
E p.c. al Signor Direttore Generale
E p.c. Commissione di Garanzia per la Trasparenza Raccomandata Ric Rit
L’imparzialità delle Pubbliche Amministrazioni e la verifica
delle situazioni patrimoniali
Via generale Magliocco 46
90141 Palermo
E p.c.Alle OO.SS. Aziendali
E p.c. Alla U.I.L. F.P.L. Segreteria Provinciale di Palermo

Oggetto: Deliberazione G.M. 69 del 29.6.2007 Indirizzi gestionali per la stabilizzazione del personale precario (Legge 296/2006-Finanziaria 2007)


Non comprendiamo perché la G.M.., abbia adottato l’atto in oggetto indicato, dal momento che nel Comune non vi è personale precario subordinato o parasubordinato, riconducibile alla fattispecie prevista dalla normativa in oggetto, da stabilizzare.
A meno che non si voglia fare riferimento ai n 2 professionisti tecnici legati al Comune da rapporti professionali. Ma essi non rientrano assolutamente nella ipotesi prevista dalla legge, non possedendo i requisiti richiesti per la stabilizzazione.
Il loro infatti è soltanto un rapporto professionale, non di lavoro flessibile.
Da liberi professionisti esercitano infatti una propria attività professionale, contestualmente al rapporto che li lega al Comune, sulla base della loro iscrizione a specifici ABI PROFESSIONALI, essendo titolari di partita IVA e rilasciando per la loro attività e prestazioni regolari fatture.
Si invita pertanto la S.V. a fare revocare l’atto suddetto.

Comitato Cittadino Isola Pulita

http://www.isolapulita.it


Il valore della persona, del dipendente pubblico, la sua centralità nell’erogazione di servizi e nella società devono essere alla base di una Comunità democratica e partecipata. Più volte abbiamo affermato che la persona al lavoro si esprime, si realizza si sente parte di una Comunità. Ciò che qui si rivendica è la promozione dei valori in grado di mettere al centro della propria azione: LA PERSONA.
Un Ente, un’istituzione pubblica dovrebbe fungere da modello ad una tale politica di gestione del personale. Ma!!!!!!! Ad Isola delle Femmine tutto ciò sembra essere fantascienza. Per renderci conto di ciò, proviamo a seguire attentamente le ultime disposizioni in materia di personale che sono la chiara dimostrazione dello spreco di risorse economiche ed umane, con conseguenze che ricadono, in termini disservizi sull’intera collettività.
PINO CIAMPOLILLO
Per approfondimenti clicca
SOMMARIO:

1) CGIL 28.10.05 PROCLAMAZIONE STATO D’AGITAZIONE


2) DETERMINA 1 SETTORE 520 29.11.05 AUMENTO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DI 20 DIPENDENTI CON RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME

3) CGIL 1.12.05 OGGETTO CONTRATTI DI LAVORO PART-TIME

4) CISL COMUNICATO 1.12.05 OGGETTO CONTRATTI DI LAVORO DIPENDENTI A TEMPO PARZIALE

5) DELIBERAZIONE GIUNTA 185 GESTIONE RISORSE UMANE 7.12.05

6) DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 37 DEL 30/12/05 PROROGA CONFERIMENTO INCARICO A TEMPO PIENO E A TEMPO DETERMINATO DI RESPONSABILE DEL 1° SERVIZIO “URBANISTICA – EDILIZIA PRIVATA – SPORTELLO UNICO” DEL 3° SETTORE “TECNICO”

6a) DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 38 DEL 30 DICEMBRE 2005LIQUIDAZIONE INDENNITÀ DI RISULTATO AL DR. MANLIO SCAFIDI. ANNO 2005.

7) DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 36 DEL 31/12/2005 PROROGA INCARICO A TEMPO PIENO E A TEMPO DETERMINATO DI RESPONSABILE DEL 4° SERVIZIO “SANATORIA – ABUSIVISMO E CONTROLLO DEL TERRITORIO” DEL 3° SETTORE “TECNICO”, E CONFERIMENTO DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA DEL 3° SETTORE “TECNICO”.

7a) DELIBERA GIUNTA 187 16.12.05 "PRESA ATTO TRASFERIMENTO DEFINITIVO ALL’ATO PA1 DI ALCUNI DIPENDENTI COMUNALI".

8) DELIBERA GIUNTA N 5 5.1.06 GESTIONE RISORSE UMANE

9) DELIBERA GIUNTA 4 DEL 5.1.06 VALUTAZIONE ATTIVITA' DI ESTERNALIZZAZIONE DI SERVIZI POSTI IN ESSERE DAL COMANDO DI POLIZIA MUNICIPALE.

9a) DETERMINA 26 1.2.06 LIQUIDAZIONE FONDO PER LA PRODUTTIVITÀ COLLETTIVA E PER IL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI - INDENNITÀ DI RISCHIO, COMPENSO SPECIFICHE RESPONSABILITÀ E PRODUTTIVITÀ – LIQUIDAZIONE MENSILE ANNO 2006”.

9c) DETERMINA 29 1.2.06:"FONDO EFFICIENZA SERVIZI, PREVISTO DAL COMMA 2 DELL’ART.7 DELLA L.R. 15/05/1991, N.21, COME SOSTITUITO DALL’ART.16 DELLA L.R. N.41 DEL 12.11.1996. LIQUIDAZIONE ACCONTO MENSILE ANNO 2006”.

9d) DETERMINA 27 1.2.06 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO – ACCORDO DELLA DELEGAZIONE TRATTANTE STIPULATO IL 05 LUGLIO 2005 – LIQUIDAZIONE A SALDO DEL COMPENSO PER PRESTAZIONI EFFETTUATE IN GIORNATE FERIALI - PROGETTO SPECIALE PERSONALE OPERAIO PART-TIME 2° SEMESTRE 2006.

9e)DETERMINA 26 1.2.06: LIQUIDAZIONE FONDO PER LA PRODUTTIVITÀ COLLETTIVA E PER IL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI - INDENNITÀ DI RISCHIO, COMPENSO SPECIFICHE RESPONSABILITÀ E PRODUTTIVITÀ – LIQUIDAZIONE MENSILE ANNO 2006”.

10)CGIL FUNZIONE PUBBLICA 27.1.06 PROT 2/054 GESTIONE RISORSE UMANE RELAZIONI SINDACALI

11)CISL COMUNICATO 31.1.06 OGGETTO MANCATA INFORMAZIONE CONTESTAZIONE ATTIVAZIONE CONCERTAZIONE

12)CISL COMUNICATO 31.1.06 OGGETTO RICHIESTA CONTRATTAZIONE SULLE ATTIVITÀ FORMATIVE

13)DELIBERA GIUNTA 26 10.2.06 GESTIONE RISORSE UMANE ATTIVITA' FORMATIVE DEL PERSONALE COMUNALE, ATTIVAZIONE CORSI.

14)DELIBERA GIUNTA 40 16.3.06 GESTIONE RISORSE UMANE ACCOGLIMENTO RICHIESTE DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI.

15)CGIL FUNZIONE PUBBLICA 16.03.06 DISPOSIZIONI DI SERVIZIO DEL 16.3.06 RELAZIONI SINDACALI

16)DETERMINA SINDACALE 2 23.3.06 GESTIONE RISORSE UMANE MODIFICA DETERMINAZIONE N.37 DEL 30/12/2005.

17) CGIL COMUNICATO 20.10.05 CONTESTAZIONE PROVVEDIM ILLEGGIT. SU ARCH GIAMBRUNO MONICA

1) CGIL 28.10.05 PROCLAMAZIONE STATO D’AGITAZIONE

A seguito dell’assemblea degli iscritti FP CGIL del Comune di isola delle Femmine svoltasi in data 24.10.05, è emerso evidente lo stato di disagio del personale in ordine agli ultimi accadimenti e particolarmente: 1) Rimozione dall’incarico dell’arch Monica Gianbruno senza che ne ricorressero le ipotesi contrattuali o legislative previste e quindi atto arbitrario e immotivato;2) Mancata pubblicazione della deliberazione di nomina di n 2 Agenti di Polizia Municipale, a seguito di progressione verticale riservata al personale interno;3) Mancata attuazione della deliberazione GM con la quale si elevava l’impegno orario del personale part-time fino a 30 ore settimanali.Le mancanze di cui ai punti 2 e 3, sembra siano da attribuire ad un parere reso dai revisori dei conti, e che pone, erroneamente a parere della scrivente anche in relazione agli innumerevoli pareri della Presidenza del Consiglio dei Ministri , dell’ANCI e dell’ARAN, sullo stesso piano assunzioni esterne e modifiche di rapporti di lavoro già esistenti e di fatto estendendo a questi il “blocco delle assunzioni” (si vorrebbe poi capire la logica visto che si parla di personale già assunto e certamente non da riassumere).A questo si aggiunge un clima da parte di alcuni assessori e di un funzionario comunale.Per i motivi sopra esposti la scrivente O.S.Proclama lo stato di agitazione del personale del comune di Isola delle FemmineAvverte Che a decorrere dalla data odierna tutti i lavoratori si atterranno scrupolosamente all’orario contrattuale ed alle mansioni proprie della categoria di appartenenza, rifiutando, sin da adesso, lo svolgimento di qualsiasi prestazione di lavoro straordinario se non finalizzata e strettamente collegata alla tutela della pubblica o privata incolumità o a calamità naturali.Si diffida Dall’impiegare il personale per mansioni ascrivibili alla categoria superiore con il preannuncio che qualora non si provveda antro 15 giorni dalla data della presente al pagamento delle differenze stipendiali previste dal CCNL per lo svolgimento di mansioni superiori, il personale interessato, a mezzo dei nostri legali, porrà in essere tutte le azioni, non escluse quelle giudiziarie, atte al recupero di quanto dovuto e non corrisposto.AVVERTE ALTRESI’ Che persistendo l’attuale stato di fatto saranno intraprese le procedure per la proclamazione dello sciopero, fatta salva ogni azione a tutela della dignità della scrivente O.S. dei propri associati, e delle prerogative scaturenti dalla legislazione vigente e dai CCNL.Palermo 27.10.05 Per la Segreteria Cammuca Giovanni


2) DETERMINA 1 SETTORE 520 29.11.05 AUMENTO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DI 20 DIPENDENTI CON RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME

Visto l'art della legge 8.6.90 142 recepita con modifiche dell’art 1 l.r. 11.12.91 n 48 nel testo sostituito dall’art 12 L.R. 30/2000;Visto il DLgs 30.3.01 n 165 e successive modificazioni ed integrazioni;Visto l'art 6 della legge 15.6.97 n 77Visto l’art 2 della legge regionale 7.9.98 n 23;Dato atto che la struttura organizzativa dell’Ente si articola in settori e Servizi;Rilevato che per il 1 settore la posizione organizzativa è stata confermata, in via provvisoria, al Direttore Generale, giusta determinazione sindacale 5 del 28.2.2002;Dato atto che il Sindaco, con determinazione 26 del 18.6.04 ha confermato in via temporanea tutti gli incarichi relativi al Direttore Generale, ai Responsabili di Settore e ai Responsabili di Servizio;Visto il vigente OAEELL in Sicilia;Ritenuta, pertanto, la propria competenza in merito all’aggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata e per i motivi sopra indicati;Vista la deliberazione della GC 157 del 27.09.05, con la quale si stabilisce di modificare la prestazione lavorativa, aumentando le ore di servizio settimanali da svolgere, di n 20 dipendenti part-time stabilizzati con determinazione del direttore Generale 21 del 30.10.03;Vista la deliberazione della GC 176 del 28.11.05, con la quale si conferma l’indirizzo per l’aumento delle prestazioni lavorative di 20 dipendenti part-time e si dà mandato al Responsabile del 1 settore Amministrativo per la modifica dei precedenti contratti individuali di lavoro;Rilevato che i 20 dipendenti di che trattasi ai quali è richiesta la modifica dell’impegno lavorativo da 24 a 30 ore settimanali sono i seguenti:Favaloro Pietro a2; Badalì Daniela b2; Bologna Nazzarena b2; Costanzo Michelangelo b2; D’Angelo Giuseppe b2; Di miceli Lucia b2; Di Pace Maria b2; Graziano Maurizio b2; Longo Rosa; Massa Mirella b2; Messina Salvatore b2; Millocca Iginio b2; Noto Salvatore b2; Provenza Antonino b2; Provenza Susanna b2; Puccio Deborah b2; Riso marianna b2; Taormina Emanuela b2; Tolomei Antonino b2; Tolomei Giuseppe b2;Ritenuto di dover dare esecuzione alle deliberazioni della GC 157/2005 e 176/2005 provveder a modificare l’orario di lavoro dei succitati dipendenti, con decorrenza 1.12.05, e di dover assumere l’impegno di spesa per la conseguente differenza stipendiale.Determina Per le considerazioni e ragioni in premessa.Modificare l’orario di lavoro dei seguenti dipendenti che prestano attività a tempo parziale aumentando l’impegno lavorativo da 24 a 30 ore settimanali:Favaloro Pietro a2; Badalì Daniela b2; Bologna Nazzarena b2; Costanzo Michelangelo b2; D’Angelo Giuseppe b2; Di miceli Lucia b2; Di Pace Maria b2; Graziano Maurizio b2; Longo Rosa; Massa Mirella b2; Messina Salvatore b2; Millocca Iginio b2; Noto Salvatore b2; Provenza Antonino b2; Provenza Susanna b2; Puccio Deborah b2; Riso Marianna b2; Taormina Emanuela b2; Tolomei Antonino b2; Tolomei Giuseppe b2;Impegnare la spesa complessiva di Euro 11.612,60, compresa di oneri a carico dell’Ente, con imputazione nei seguenti capitoli…………………….Comunicare ai lavoratori interessati le nuove condizioni contrattuali invitandoli a sottoscrivere il nuovo contratto individuale di lavoro, precisando che, in mancanza, i rinunciatari manterranno il proprio status di lavoratori part-time a 24 ore settimanali.Vista la deliberazione della gc 176 28.11.05 con la quale l’amministrazione fa proprio il parere del responsabile del 1 settore amministrativo e dà atto che, per l’anno 2006, per la copertura del maggior onere derivante dall’aumento delle prestazioni lavorative di che trattasi, si farà fronte con la riduzione di alcune voci di spesa del bilancio medesimo;Visto il prospetto presentato dal responsabile del servizio nel quale si evidenzia che per l’anno 2006 il costo complessivo del personale ammonta a presuntivi euro 1.900.006,00;Considerato che, prendendo come riferimento gli impegni delle spese correnti dell’anno 2005, ammontanti a euro 4.950.000,00 si determina, per il parametro di deficit strutturale, un coefficiente pari al 38,3839%, inferiore al 46% previsto dalle normative vigenti;Pertanto in considerazione di quanto sopra esposto si esprime parere favorevole per la regolarità contabile e si attesta la copertura finanziaria ai sensi dell’art 49 del D.Lgs. 267/2000.http://www.comune.faranovarese.no.it/DL2672000.htm

http://isolapulita.blogspot.com/


3) CGIL 1.12.05 OGGETTO CONTRATTI DI LAVORO PART-TIME

Si è avuto modo di apprendere che, nonostante il Consiglio Comunale abbia dato un chiaro indirizzo per la trasformazione a FULL-TIME dei contratti di TUTTO il personale PART-TIME, l’A.C. da Lei presieduta, contravvenendo a detto indirizzo, ha stabilito la trasformazione a 30 ore e solo per una parte del personale. Nello stigmatizzare detto comportamento che mortifica le aspettative di tutto il personale, soprattutto in considerazione delle risorse disponibile nel bilancio comunale si chiede di conoscere i motivi di detta decisione, e si chiede un incontro urgente al fine di esplicitare lo stato di malcontento per una decisione che, ancora una volta, si pone contro i lavoratori e che, unita a quanto è successo nel recente passato, non può rafforzare le nostre convinzioni sulle politiche pro (o contro?) il personale adottato da codesta Amministrazione.Al Presidente del Consiglio, e per esso ai consiglieri comunali che hanno votato le variazioni di bilancio, delibera 45 del 24.11.05 www.comune.isoladellefemmine.pa.it/ si chiede se non ritengano mortificato il ruolo di programmazione ed indirizzo assegnato dalla legislazione vigente al Consiglio Comunale.Per la segreteria Cammuca Giovanni

4) CISL COMUNICATO 1.12.05 OGGETTO CONTRATTI DI LAVORO DIPENDENTI A TEMPO PARZIALE

In riferimento all’oggetto, al fine di eliminare la situazione di precariato e di stato sociale di disagiato dei lavoratori con contratto individuale a tempo indeterminato e parziale, con la presente si chiede che per detti lavoratori venga stipulato un contratto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo pieno, nel rispetto anche di quanto recentemente deliberato dal Consiglio Comunale ( delibera 44 e 45 26.11.05 e 37 26.10.05 ). Certo del Vs. impegno e della Vostra disponibilità, invio cordiali saluti. Il rappresentante territoriale Maniaci Giosuè Palermo 1.12.055

http://www.comune.isoladellefemmine.pa.it/prima

5) DELIBERAZIONE GIUNTA 185 GESTIONE RISORSE UMANE 7.12.05 IL SINDACO PROPONE L’ADOZIONE DELLA SEGUENTE DELIBERAZIONE: “DIRETTIVA IN ORDINE ALLO SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE DEL PERSONALE COMUNALE”.

LA GIUNTA COMUNALE Premesso che è intendimento di quest’Amministrazione procedere ad uno sviluppo delle potenzialità dell’ufficio tecnico comunale al fine di consentire allo stesso di aumentare la propria attività progettuale nel settore delle opere pubbliche;Rilevato che per conseguire detto obbiettivo si rende necessario dotare l’ufficio di personale in possesso di apposite conoscenze informatiche nel campo del disegno tecnico assistito da computer;Considerato che a tal uopo è possibile avvalersi delle previsioni del vigente contratto di lavoro del personale dipendente dagli Enti locali in materia di sviluppo delle attività formative che prevede l’accrescimento e l’aggiornamento professionale dei dipendenti;Ritenuto che a tal fine quest’Amministrazione intendendo avvalersi di detta previsione contrattuale è venuta nella determinazione di organizzare un corso di formazione che consenta ai partecipanti di acquisire la preparazione di base per l’utilizzo del software AutoCad, riservando la partecipazione al corso al personale in atto inquadrato in categoria a);Visto il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;D E L I B E R ADisporre l’organizzazione di un corso pratico per l’utilizzo del software autocad;Dare atto che nell’ambito dello sviluppo delle attività formative previste dall’art.23 del vigente C.C.N.L. detto corso verrà riservato al personale comunale in servizio presso questo Comune inquadrato nella categoria a);Concordare con le organizzazioni sindacali di categoria le modalità di partecipazione a detta attività formativa, anche in funzione delle necessarie successive modifiche da attuarsi nella vigente pianta organica.PARERI AI SENSI DEGLI ART.53 E 55 DELLA LEGGE 8.6.1990, N.142, RECEPITA CON L'ART.1 DELLA L.R. 11.12.1991, N.48.Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione. IL DIRETTORE GENERALE

6) DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 36 DEL 31/12/2005OGGETTO: PROROGA INCARICO A TEMPO PIENO E A TEMPO DETERMINATO DI RESPONSABILE DEL 4° SERVIZIO “SANATORIA – ABUSIVISMO E CONTROLLO DEL TERRITORIO” DEL 3° SETTORE “TECNICO”, E CONFERIMENTO DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA DEL 3° SETTORE “TECNICO”.


IL SINDACO VISTA la legge 8 giugno 1990, n.142 recepita con modifiche dall’art. 1 della L.R. 11.12.1991, n. 48 http://www.diritto.it/materiali/enti_locali/circ_prov.html, nel testo sostituito dall’art.12 della L.R. n.30/2000; VISTA la legge regionale 11/12/1991, n.48; VISTE le leggi regionali n.7 del 26/08/92, n.26 del 01/09/93;VISTO l’art.11 della L.R. 06/04/96, n.22 e l’art.12 L.R. 4/96;RITENUTA la propria competenza in merito all’oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata;VISTO l’art.13 della L.R. n.7/92, come modificato dall’art. 41 della L.R. n.26/93, secondo il quale il Sindaco nomina il responsabile degli uffici e dei servizi, attribuisce e definisce incarichi dirigenziali, quelli di collaborazione esterna secondo le modalità ed i criteri dell’art.51, comma 7 della legge n. 142/90, così come recepito dall’art.1, comma 1, lettera h, della legge regionale n.48/91;VISTO l’art.9 della L.R. n.48 dell’11/12/1991, che attribuisce al Sindaco tutti gli atti di Amministrazione che dalla legge o dallo Statuto non siano specificatamente attribuiti alla competenza di altri organi del Comune;VISTA la determinazione del Sindaco n. 24 del 30.04.2002 con la quale è stato conferito all’Arch. D’Arpa Sandro l’incarico di Responsabile del 4° Servizio “Sanatoria – Abusivismo e Controllo del Territorio” del 3° Settore “Tecnico” ;VISTA la determinazione del Sindaco n. 12 del 20/06/2003 con la quale è stato prorogato all’Arch. D’Arpa Sandro l’incarico di Responsabile del 4° Servizio “Sanatoria – Abusivismo e Controllo del Territorio” del 3° Settore “Tecnico”, per mesi 24 (ventiquattro), dal 01/01/2004 al 31/12/2005;VISTA la determinazione del Sindaco n. 32 del 16.11.2005 con la quale si trasforma l’incarico da tempo parziale a tempo pieno;CONSIDERATO che in atto il settore tecnico risulta assolutamente carente del personale di ruolo in servizio a tempo indeterminato stante che l’Arch. Roberto Bilello è transitato, con mobilità esterna, nei ruoli del Comune di Palermo e l’Arch. Giambruno Monica risulta in congedo la Responsabile del 2° Servizio “Lavori Pubblici è attualmente assente per malattia;CHE, pertanto, si rende necessario procedere alla proroga dell’incarico precedentemente citato, al fine di assicurare il regolare svolgimento degli adempimenti relativi al 4° Servizio del 3° Settore, che non possono essere tralasciati, al fine di garantire un buon funzionamento della macchina amministrativa;RITENUTO, altresì di confermare allo stesso l’attribuzione della posizione organizzativa del Settore;CONSIDERATO che il compenso annuo per il professionista ammonta a € 23.500,00, comprensivo del rateo tredicesima, oltre € 8.740,00 per oneri riflessi a carico dell’Ente;CHE il compenso relativo alla Posizione organizzativa ammonta annualmente a € 12.911,47, oltre € 4.800,48 per oneri riflessi a carico dell’Ente;VISTO il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;DETERMINAPROROGARE l’incarico di Responsabile del 4° Servizio “Sanatoria – Abusivismo e Controllo del Territorio” del 3° Settore “Tecnico” all’Arch. D’Arpa Sandro, nato a Palermo il 30.04.1973 e residente in Palermo, via Mater Dolorosa n.118, C.F.: DRP SDR 73D30 G273V, a suo tempo conferito con determina n. 24 del 30.04.2002, per mesi 12 (dodici) decorrenti dal 01.01.2006 al 31.12.2006;CONFERMARE l’incarico di responsabile del 3° Settore “Tecnico”, all’arch. D’Arpa Sandro, e l’attribuzione della posizione organizzativa del 3° Settore così come previsto dal CCNL 31.03.1999;STABILIRE che il predetto incarico è a tempo pieno e a tempo determinato per mesi dodici e comporta un compenso lordo annuo di € 23.500,00 comprensiva del rateo tredicesima, oltre € 8.740,00 per oneri riflessi a carico dell’Ente, e che trattasi di spesa indispensabile per assicurare con la dovuta tempestività e professionalità un efficiente funzionamento del 4° Servizio “Sanatoria – Abusivismo e Controllo del Territorio” del 3° Settore “Tecnico” ;QUANTIFICARE in € 12.911,47 annue, oltre € 4.800,48 per oneri riflessi a carico dell’Ente, l’indennità di posizione organizzativa;DARE ATTO che la spesa complessiva ammonta a € 49.951,95, compreso gli oneri riflessi;IMPEGNARE la somma di € 23.500,00 al Cap.241 “Contratti di diritto privato UTC” e la somma di € 18.208,00 al cap. 241.05 –“Oneri previdenziali assistenziali assicurativi obbligatori a carico del Comune” sul bilancio pluriennale 2006;DISPORRE che la restante somma venga iscritta al bilancio di previsione 2006IL SINDACOProf. Gaspare Portobello PARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT. 49 COMMA 1°, E 151 COMMA 4°, DEL D. LGS.18.08.2000, N.267.Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di determinazione. IL RESPONSABILE DEL 1° SETTORE Si esprime parere contabile favorevole si attesta la copertura finanziaria IL RESPONSABILE DEL SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO IMP. 491/05Il Sindaco propone l’adozione della seguente deliberazione: “Direttiva in ordine allo sviluppo delle attività formative del personale comunale”. LA GIUNTA COMUNALE Premesso che è intendimento di quest’Amministrazione procedere ad uno sviluppo delle potenzialità dell’ufficio tecnico comunale al fine di consentire allo stesso di aumentare la propria attività progettuale nel settore delle opere pubbliche; Rilevato che per conseguire detto obbiettivo si rende necessario dotare l’ufficio di personale in possesso di apposite conoscenze informatiche nel campo del disegno tecnico assistito da computer; Considerato che a tal uopo è possibile avvalersi delle previsioni del vigente contratto di lavoro del personale dipendente dagli Enti locali in materia di sviluppo delle attività formative che prevede l’accrescimento e l’aggiornamento professionale dei dipendenti; Ritenuto che a tal fine quest’Amministrazione intendendo avvalersi di detta previsione contrattuale è venuta nella determinazione di organizzare un corso di formazione che consenta ai partecipanti di acquisire la preparazione di base per l’utilizzo del software AutoCad, riservando la partecipazione al corso al personale in atto inquadrato in categoria a);Visto il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;D E L I B E R A Disporre l’organizzazione di un corso pratico per l’utilizzo del software autocad ; Dare atto che nell’ambito dello sviluppo delle attività formative previste dall’art.23 del vigente C.C.N.L. detto corso verrà riservato al personale comunale in servizio presso questo Comune inquadrato nella categoria a);Concordare con le organizzazioni sindacali di categoria le modalità di partecipazione a detta attività formativa, anche in funzione delle necessarie successive modifiche da attuarsi nella vigente pianta organica. PARERI AI SENSI DEGLI ART.53 E 55 DELLA LEGGE 8.6.1990, N.142, RECEPITA CON L'ART.1 DELLA L.R. 11.12.1991, N.48.Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione. IL DIRETTORE GENERALELA GIUNTA COMUNALEVista la superiore proposta di deliberazione; Con voti unanimi, espressi per alzata di mano; D E L I B E R Approvare la superiore proposta di deliberazione.Link: La macchina amministrativa

Per approfondimenti clicca

http://isolapulita.blogspot.com/


http://rinascita-di-isola.blogspot.com/

http://pinociampolillo.blogspot.com/

http://ciampolillo-pinoisoladellefemmine.blogspot.com/

6a) DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 38 DEL 30 DICEMBRE 2005LIQUIDAZIONE INDENNITÀ DI RISULTATO AL DR. MANLIO SCAFIDI. ANNO 2005.


COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di PalermoDETERMINAZIONE DEL SINDACO n. 38 del 30 dicembre 2005OGGETTO: Liquidazione indennità di risultato al Dr. Manlio Scafidi. Anno 2005.IL SINDACOVisto l’art.42 del CCNL dei segretari comunali e provinciali, siglato il 16 maggio 2001 che prevede la corresponsione a favore di detti funzionari di un compenso annuale denominato retribuzione di risultato;Rilevato che l’erogazione di detta indennità riveste carattere obbligatorio;Considerato che l’ammontare di detto compenso non può eccedere il limite del 10% del monte salari corrisposto nell’anno di riferimento a ciascun segretario e che risulta correlato al conseguimento degli obiettivi assegnati;Rilevato che, in funzione del rapporto fiduciario che lega il segretario al capo dell’amministrazione, che lo ha nominato, la valutazione del raggiungimento degli obiettivi assegnati non può che essere di pertinenza del Sindaco;Rilevato che detto funzionario ha adempiuto alle mansioni assegnate e, in particolare, ha fornito collaborazione ed assistenza giuridica, partecipato con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle sedute degli organi comunali, ha rogato i contratti del Comune e svolto tutte le mansioni attribuitegli dalle leggi dallo Statuto e dai regolamenti,Considerato che al dr. Scafidi Manlio va riconosciuta un’ottima preparazione professionale ed una propensione all’assunzione di responsabilità giuridico-gestionali avendo, peraltro, operato in momenti di grave difficoltà amministrativa, per cui la misura del compenso in questione può essere fissata nella misura massima contrattualmente prevista;D E T E R M I N A1. Di riconoscere al dr. Scafidi Manlio, segretario comunale capo, titolare della segreteria comunale di questo Comune nell’anno 2005, il diritto a percepire la retribuzione di risultato per il succitato periodo nella misura massima prevista dal vigente CCNL dei segretari comunali;2. Dare atto che allo stesso, in conseguenza di quanto riconosciutogli al punto 1° del presente dispositivo viene riconosciuta quale retribuzione di risultato un compenso pari al 10% del monte salari percepito ammontante a complessivi € 69.513,50;3. Liquidare al succitato funzionario la somma di € 6.951,35, oltre oneri riflessi sul cap.56.1 alla voce “retribuzione al personale servizi generali” del bilancio di previsione del corrente esercizio, che presenta la necessaria disponibilità.IL SINDACO Portobello GasparePARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT. 49 COMMA 1°, E 151 COMMA 4°, DEL D.LGS. 18.08.2000, N.267.Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione.IL RESPONSABILE DEL SERVIZIOSi attesta la regolarità contabile e la relativa copertura finanziaria, ai sensi degli artt.49, comma 1°, e 151, comma 4°, del D.Lgs. 18.8.2000, n.267.IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO


7) DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 37 DEL 30/12/05OGGETTO: PROROGA CONFERIMENTO INCARICO A TEMPO PIENO E A TEMPO DETERMINATO DI RESPONSABILE DEL 1° SERVIZIO “URBANISTICA – EDILIZIA PRIVATA – SPORTELLO UNICO” DEL 3° SETTORE “TECNICO”..


IL SINDACO VISTA la legge 8 giugno 1990, n.142, recepita con modifiche dall’art. 1 della L.R. 11.12.1991, n. 48, nel testo sostituito dall’art.12 della L.R. n.30/2000;VISTA la legge regionale 11/12/1991, n.48 ;VISTE le leggi regionali n.7 del 26/08/92, n.26 del 01/09/93;VISTO l’art.11 della L.R. 06/04/96, n.22 e l’art.12 L.R. 4/96;RITENUTA la propria competenza in merito all’oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata;VISTO l’art.13 della L.R. n.7/92, come modificato dall’art. 41 della L.R. n.26/93, secondo il quale il Sindaco nomina il responsabile degli uffici e dei servizi, attribuisce e definisce incarichi dirigenziali, quelli di collaborazione esterna secondo le modalità ed i criteri dell’art.51, comma 7 della legge n. 142/90, così come recepito dall’art.1, comma 1, lettera h, della legge regionale n.48/91;VISTO l’art.9 della L.R. n.48 dell’11/12/1991, che attribuisce al Sindaco tutti gli atti di Amministrazione che dalla legge o dallo Statuto non siano specificatamente attribuiti alla competenza di altri organi del Comune;VISTA la determinazione del Sindaco n. 1 del 15 /01/2003 con la quale è stato conferito all’Arch. Valguarnera Sergio, l’incarico di Responsabile del 1° Servizio “Urbanistica – Edilizia Privata – Sportello Unico” del 3° Settore “Tecnico” ;VISTA la determinazione del Sindaco n.33 del 16.11.2005 con la quale è stato prorogato e trasformato a tempo pieno, all’Arch. Valguarnera Sergio, l’incarico di Responsabile del 1° Servizio “Urbanistica – Edilizia Privata – Sportello Unico” del 3° Settore “Tecnico” fino al 31/12/2005; CONSIDERATO che in atto il settore tecnico risulta assolutamente carente del personale di ruolo in servizio a tempo indeterminato stante che l’Arch. Roberto Bilello è transitato, con mobilità esterna, nei ruoli del Comune di Palermo e l’Arch. Giambruno Monica risulta in congedo straordinario per motivi di salute e non sono prevedibili i tempi del rientro in servizio;CHE, pertanto, si rende necessario procedere alla proroga dell’incarico precedentemente citato, al fine di assicurare il regolare svolgimento degli adempimenti relativi al 1° Servizio del 3° Settore, che non possono essere tralasciati, al fine di garantire un buon funzionamento della macchina amministrativa;CONSIDERATO che il compenso annuo per il professionista ammonta a € 23.500,00, comprensivo del rateo tredicesima, oltre € 8.740,00 per oneri riflessi a carico dell’Ente;VISTO il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;DETERMINAPROROGARE l’incarico di Responsabile del 1° Servizio “Urbanistica – Edilizia Privata – Sportello Unico -” del 3° Settore “Tecnico” all’Arch. Valguarnera Sergio, nato a Palermo il 08.11.1970 e residente a Palermo in via Pazienza, 26 - C.F.: VLG SRG 70S08 G273L ,a suo tempo conferito con determina n. 1 del 15.01.2003, per mesi 12 (dodici), decorrenti dal 01/01/2006 al 31/12/2006;STABILIRE che il predetto incarico è a tempo pieno e a tempo determinato per mesi 12 (dodici) e comporta un compenso lordo annuo di € 23.500,00 comprensivo del rateo tredicesima, oltre € 8.740,00 per oneri riflessi a carico dell’Ente, e che trattasi di spesa indispensabile per assicurare con la dovuta tempestività e professionalità un efficiente funzionamento 1° Servizio “Urbanistica – Edilizia Privata – Sportello Unico -” del 3° Settore “Tecnico”;DARE ATTO che la spesa complessiva annua ammonta a € 32.240,00 compresi gli oneri riflessi a carico dell’Ente;IMPEGNARE la somma di € 10.000,00 sul cap. 241. “ Contratti di diritto privato UTC – Incarico responsabile ” e la somma di € 5.578,00 sul cap. 241.05 –“Oneri previdenziali assistenziali assicurativi obbligatori a carico del Comune” del bilancio pluriennale 2006;DISPORRE che la restante somma venga iscritta al bilancio di previsione 2006IL SINDACOProf. Gaspare PortobelloPARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT. 49 COMMA 1°, E 151 COMMA 4°, DEL D. LGS.18.08.2000, N.267.Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di determinazione.IL RESPONSABILE DEL 1° SETTORE .Si esprime parere contabile favorevole e si attesta la copertura finanziariaIL RESPONSABILE DEL SERVIZIOECONOMICO FINANZIARIOIMP. 493/05 COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di Palermo

7a) DELIBERA GIUNTA 187 16.12.05 "PRESA ATTO TRASFERIMENTO DEFINITIVO ALL’ATO PA1 DI ALCUNI DIPENDENTI COMUNALI".

Il Direttore Generale sottopone alla Giunta Comunale per l’approvazione la seguente proposta di deliberazione:"PRESA ATTO TRASFERIMENTO DEFINITIVO ALL’ATO PA1 DI ALCUNI DIPENDENTI COMUNALI".LA GIUNTA COMUNALEPREMESSO che con deliberazione della G.C. n.100 del 30.05.2005 è stato avviato il conferimento del servizio igiene ambientale alla “Servizi Comunali Integrati RSU SpA”, che prevede tra l’altro il transito di n.9 unità di personale di questo Ente alle dipendenze della medesima Società;VISTE le domande fatte pervenire da n.2 dipendenti, Sigg.ri Ferrante Vincenzo e De Luca Filippo, i quali richiedono di essere mantenuti in servizio presso questo Ente e di non transitare alle dipendenze della “Servizi Comunali Integrati RSU SpA”;PRESO ATTO del verbale del 14.12.2005, di concertazione con le OO.SS. appositamente convocate, dal quale si evince che non è possibile accogliere le domande di mantenimento in servizio dei due citati dipendenti;VISTA la deliberazione n.7 del 13.01.2005 con la quale la Giunta Comunale si impegna in caso di scioglimento, cessazione, estinzione o riduzione di personale da parte della “Servizi Comunali Integrati RSU SpA” a riassorbire il personale di ruolo proveniente da questo Comune;CONSIDERATO, pertanto, che non è possibile accogliere le domande di mantenimento in servizio presso questo Ente dei due dipendenti, ma di confermare senz’altro l’obbligo per l’Ente di cui alla succitata deliberazione n.7/2005;CONSIDERATO, invece, che può essere accolta la domanda fatta pervenire dal dipendente Sig. Cracolici Salvatore, il quale, evidenziando la volontà di essere collocato in pensione il prossimo 1° aprile 2006, chiede di rimanere nell’attuale posizione di comando alle dipendenze della “Servizi Comunali Integrati RSU SpA”;DELIBERAPer le motivazioni e ragioni esposte in narrativa:PRENDERE ATTO E RECEPIRE il verbale del 14.12.2005 di concertazione con le OO.SS.;RIGETTARE le istanze di mantenimento in servizio presso questo Ente fatte pervenire dai dipendenti Sigg.ri De Luca Filippo e Ferrante Vincenzo e confermare il transito definitivo dei medesimi con il prossimo 1° gennaio 2006 alla “Servizi Comunali Integrati RSU SpA”;CONFERMARE l’obbligo in caso di scioglimento, cessazione, estinzione o riduzione di personale da parte della “Servizi Comunali Integrati RSU SpA” a riassorbire il personale di ruolo proveniente da questo Comune, già assunto con la deliberazione della G.C. n.7/2005;ACCOGLIERE la domanda di mantenimento nei ruoli del Comune fatta pervenire dal dipendente Cracolici Salvatore e di confermarlo nell’attuale posizione di comando presso la “Servizi Comunali Integrati RSU SpA” fino al prossimo 1° aprile 2006 data di collocamento in pensione.PARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT.49, COMMA 1° E 151, COMMA 4°, DEL D.LGS. 18 AGOSTO 2000, N.267.Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione.IL RESPONSABILE DEL SETTORELA GIUNTA COMUNALEVista la superiore proposta di deliberazione, corredata dei pareri prescritti, l'approva a voti unanimi, espressi per alzata e seduta.La Stessa Giunta Comunale, poi, con separata apposita votazione, dichiara il presente atto IMMEDIATAMENTE ESECUTIVO.

8) DELIBERA GIUNTA N 5 5.1.06 GESTIONE RISORSE UMANEIL SINDACO DÀ LETTURA DELLA SEGUENTE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE AVENTE PER OGGETTO: “VALUTAZIONE PROPOSTA DI RIORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI”.

GIUNTA MUNICIPALEPremesso,che a seguito della stabilizzazione di tutto il personale già in servizio con la qualifica di L.S.U. ed del successivo adeguamento del servizio prestato da molta parte del personale part time, si rende necessario procedere ad una riorganizzazione degli uffici comunali;che in tale considerazione si è conferito apposito incarico al direttore generale, che ha provveduto ad approntare apposita proposta;Vista la proposta di riorganizzazione degli uffici comunali avanzata dal Direttore Generale che prevede una serie di modifiche nell’allocazione del personale;Ritenuta detta proposta meritevole di approvazione in quanto rispondente all’esigenza di un miglioramento complessivo del lavoro degli uffici, un più funzionale utilizzo del personale per un più adeguato assolvimento dei compiti istituzionali e una migliore risposta alle esigenze della collettività;Visto il vigente O.A.EE.LL. vigente in Sicilia;Ad unanimità di voti espressi per alzata di mano:D E L I B E R ADi approvare la proposta di riorganizzazione degli uffici predisposta dal Direttore Generale e che allegata alla presente ne costituisce parte integrante e sostanziale.Parere ai sensi dell’art. 49, comma 1° del D.Lgs.18.8.2000, n.267.Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione. LA GIUNTA COMUNALEVista la superiore proposta di deliberazione, corredata dal prescritto parere;Con voti unanimi favorevoli, espressi per alzata di mano, accertati e proclamati dal Presidente; DELIBERA Approvare la superiore proposta di deliberazione.addì 4 gennaio 2006 Al Signor Sindaco SEDE Oggetto: Proposta in ordine riorganizzazione del personale.Al fine di una migliore razionalizzazione degli uffici e servizi comunali si propone la seguente riorganizzazione con la conseguente nuova allocazione del personale che consenta un utilizzo migliorativo nel rispetto delle propensioni lavorative dimostrate e un ampliamento delle conoscenze da ciascuno possedute:Il signor Coniglio Simone, alla luce delle esperienze acquisite in passato, potrebbe venire assegnato all’ufficio stato civile alle dipendenze del responsabile del servizio Bruno Giuseppe;La signora Puccio Carmelina, a seguito della succitata assegnazione, potrebbe venire assegnata al comando di Polizia Municipale con compiti amministrativi;Il comando potrebbe essere alleggerito di alcuni compiti amministrativi attinenti le contravvenzioni al codice della strada e le sanzioni amministrative in genere che potrebbero essere assegnate all’ufficio tributi nel cui ambito creare il servizio “Recupero crediti e sanzioni amministrative” al quale preporre come responsabile, sulla base delle precedenti esperienze, il signor Noto Francesco;Dal comando, così alleggerito di competenze, potrebbero essere distaccate le signore Pizzardi Anna Maria e Provenza Susanna che a loro volta potrebbero essere assegnate: alla segreteria la signora Pizzardi ed all’ufficio tecnico la signora Provenza;A seguito dell’assegnazione della signora Pizzardi all’ufficio di segreteria la signora Puccio Deborah potrebbe venire assegnata alla ragioneria con compiti di assistenza alla redazione degli atti contabili alle dirette dipendenze del capo settore;Alla ragioneria potrebbe parimenti essere assegnata la signora Bologna Nazarena mentre la signora Badalì, restando nel settore, potrebbe essere assegnata all’ufficio tributi in sostituzione del signor Noto;L’ufficio personale, privato della signora Nazzarena, potrebbe essere rinforzato dal signor Rappa Rocco che potrebbe operare in condizioni di assoluta interscambiabilità di mansioni con il signor Balistreri a cui rimane la responsabilità del servizio;I compiti in atto assolti dal signor Rappa in tema di rapporti con l’ATO Rifiuti potrebbero essere assolti dall’arch. Albert, già destinato al servizio, che pur restando nell’attuale collocazione lavorativa verrebbe incaricato di relazionare per iscritto giornalmente sugli adempimenti posti in essere dall’ATO;Il messo a seguito dell’avvio dell’albo informatico dovrebbe essere incaricato anche della tenuta dello stesso;L’avvio dell’albo informatico al posto degli attuali registri comporterà che il signor Simanella non dovrà più tenere i registri cartacei e potrebbe essere assegnato al diretto servizio del Sindaco con compiti di organizzazione interna e di tenuta della corrispondenza e con responsabilità dell’ufficio sulla legalità.La signora Di Pace Maria, in funzione della prossima assenza per maternità della signora Pellerito, potrebbe essere destinata a rinforzare l’ufficio protocollo informatico;Si resta in attesa di conoscere le valutazioni della S.V. e dell’organo esecutivo da Ella presieduto in ordine a quanto proposto, al fine di portare a conoscenza delle organizzazioni sindacali gli spostamenti da eseguire IL DIRETTORE GENERALE

9) DELIBERA GIUNTA 4 DEL 5.1.06 VALUTAZIONE ATTIVITA' DI ESTERNALIZZAZIONE DI SERVIZI POSTI IN ESSERE DAL COMANDO DI POLIZIA MUNICIPALE.

Il Sindaco dà lettura della seguente proposta di deliberazione avente per oggetto: “valutazione attività di esternalizzazione di servizi posti in essere dal comando di Polizia Municipale”.GIUNTA MUNICIPALEPremesso,- che con note del 7/11/2005 prot. n.ri 1180 e 1181 quest’Amministrazione ha invitato il Comandante del Corpo di Polizia Municipale a relazione su vari aspetti delle attività di pertinenza, quali l’andamento del servizio di parcheggio a pagamento, gli accertamenti in materia di abusivismo edilizio e di controllo ambientale, il recupero delle somme conseguenti all’elevazione di sanzioni amministrative per violazione del codice della strada;- che il Comandante con note n.61/05/int. del 24/11/2005 e 63/05/int. del 28/11/2005 ha relazionato sugli argomenti richiesti e che dalle risposte fornite si evince in estrema sintesi:a) - che il servizio di parcheggio a pagamento nella stagione estiva non ha determinato alcun introito per il Comune se non quello scaturente dalle violazioni accertate;b) - che per il recupero delle somme conseguenti all’irrogazioni di sanzioni amministrative si è proceduto all’esternalizzazione del servizio di postalizzazione che non comporta alcun onere per il Comune essendo l’intero costo posto a carico dei contravventori;Rilevato che quanto contenuto in dette relazioni necessita di opportune conseguenti valutazioni da parte dell’Amministrazione anche in considerazione dell’attività posta in essere in materia di stabilizzazione del personale ex LSU e dell’ampliamento delle prestazioni lavorative di molta parte del personale part time che rende necessario una rivisitazione dei carichi di lavoro e un conseguente minore ricorso a prestazioni esterne;Ritenuto in particolare che risulta censurabile l’attività di esternalizzazione del servizio di postalizzazione per molteplici considerazioni quali: a) l’incompetenza dell’organo a porre in essere provvedimenti che la legge prevede che siano, quantomeno, preceduti da atti di indirizzo politico; b) il non aver tenuto in alcun conto le numerose espressioni di volontà contrarie ad ogni esternalizzazioni di servizi espresse ripetutamente sia da organi a valenza politica, quali il Consiglio Comunale, che da organizzazioni rappresentative di categoria; c) non aver adeguatamente valutato ed utilizzato la disponibilità presso il comando di unità di personale amministrativo in una misura mai presente in passato ed in grado, pertanto, di assolvere a detto compito; d)l’aver adottato l’atto senza aver, anche mediante procedura informale di trattativa privata, verificato la convenienza economica dell’offerta che non può essere ritenuta frutto di attività professionale, nel caso peraltro, la competenza all’adozione del provvedimento sarebbe stata della G.M., né in regime di esclusiva essendo reperibili sul mercato molteplici ditte in grado di fornire il software e la successiva assistenza professionale.Considerato che alla luce delle succitate considerazioni si rende necessario apportare le necessarie correzioni alle iniziative intraprese dal Comandante del servizio di Polizia Municipale:Visto il vigente O.A.EE.LL. vigente in Sicilia;D E L I B E R A1) Che il Comandante del Corpo di Polizia Municipale valuti se provvedere alla revoca della propria determina n. 26 dell’ 8 luglio 2005 con la quale si affidava alla ditta Computer Line il servizio di postalizzazione dei verbali elevati per infrazioni al codice della strada, tenendo conto che l’espletamento di detto servizio può essere assicurato dal personale comunale;2) Prendere atto della sostanziale inefficacia, in termini economico-finanziari del servizio di parcheggio a pagamento attivato nella scorsa stagione estiva, riservandosi di diramare apposite direttive in merito.PARERE AI SENSI DEGLI ART.49, COMMA 1°, E 151, COMMA 4°, DEL D.Lgs. 18/08/2000, n.267Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazioneIL RESPONSABILE DEL SETTORELA GIUNTA COMUNALEVista la superiore proposta di deliberazione, corredata dal prescritto parere;Con voti unanimi favorevoli, espressi per alzata di mano, accertati e proclamati dal Presidente;DELIBERA Approvare la superiore proposta di deliberazione.

9a) DETERMINA 26 1.2.06 LIQUIDAZIONE FONDO PER LA PRODUTTIVITÀ COLLETTIVA E PER IL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI - INDENNITÀ DI RISCHIO, COMPENSO SPECIFICHE RESPONSABILITÀ E PRODUTTIVITÀ – LIQUIDAZIONE MENSILE ANNO 2006”.

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di PALERMO1° SETTORE “AMMINISTRATIVO”2° SERVIZIO “PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE SERVIZI”N°__01__/2006 del Registro del Servizio.DETERMINAZIONE DEL CAPO DEL 1° SETTORE N° 26 DEL 01 FEBBRAIO 2006OGGETTO: Liquidazione fondo per la produttività collettiva e per il miglioramento dei servizi - Indennità di rischio, compenso specifiche responsabilità e produttività – liquidazione mensile anno 2006”.IL RESPONSABILE DEL 1° SETTOREVISTO l'art.51 della legge 8 giugno 1990, n.142, recepita con modifiche dall'art.1 della L.R. 11.12.1991, n.48, nel testo sostituito dall’art.12 della L.R. n.30/2000;VISTO il D.Lgs 30 marzo 2001, n.165 e successive modificazioni ed integrazioni;VISTO l'art.6 della legge 15 maggio 1997, n.77;VISTO l'art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23;DATO ATTO che la struttura organizzativa dell’Ente si articola in Settori e Servizi;RILEVATO che per il 1° Settore la posizione organizzativa è stata conferita , in via provvisoria, al Direttore Generale, giusta determinazione sindacale n. 5 del 28 febbraio 2002, confermata con determina sindacale n.48 del 09.11.2004;VISTO il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;RITENUTA, pertanto, la propria competenza in merito all'oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata e per i motivi sopra indicati;VISTO il verbale della delegazione trattante del 05.07.2005, recepito dalla G. C. con deliberazione n°122 del 7 luglio 2005, con cui è stato confermato il pagamento dei seguenti istituti:1. Indennità di rischio di cui all’art.37 del CCNL sottoscritto il 14.09.2000 (code contrattuali), nella misura di €uro 30,00 al mese per ogni dipendente, rideterminata dall’art.41 del CCNL 22.01.2004;2. Compenso per esercizio di compiti che comportano specifiche responsabilità di cui all’art.17, comma 2, lett.f), del CCNL del 1° aprile 1999, ai responsabili di servizio e coordinatori nella misura annua di €uro 2.000,00, per la categoria D, € 1.500,00 per la categoria C e € 1.000,00 per la categoria B;3. Compenso specifiche responsabilità di cui all’art.17, comma 2, lett.i), del CCNL del primo aprile 1999, introdotto dall’art.36, comma 2, CCNL 22.01.2004, nella misura di €uro 300,00 annui;4. Compenso al personale comunale della quota dell’80% per la produttività nella misura mensile a fianco di ciascun indicata per un importo annuo di € 56.940,00;VISTA la propria determinazione n°76 del 24 febbraio 2005 con la quale si è provveduto a liquidare al personale dipendente gli istituti di cui sopra;VISTA la propria determinazione n°407 del 14 settembre 2005 con la quale si è provveduto a liquidare a tutto il personale avente diritto l’80% della produttività mentre il restante 20% sarà oggetto di successiva valutazione;VISTI i prospetti, allegati alla presente determinazione, dove sono indicate le spettanze mensili in funzione della categoria di appartenenza e degli incarichi conferiti;RITENUTO, quindi, di dovere confermare i pagamenti degli istituti sopra menzionati per l’anno 2006 al personale comunale avente diritto e provvedere alla liquidazione dei compensi indicati negli allegati prospetti;VISTO il corrente bilancio di previsione in corso di formazione;D E T E R M I N APer le considerazioni e ragioni indicate in premessa,1. LIQUIDARE al personale dipendente le spettanze previste dagli accordi stipulati dalla delegazione trattante del 05.07.2005, recepito dalla G. C. con deliberazione n°122 del 7 luglio 2005, con cui è stato confermato il pagamento dei seguenti istituti:, di cui agli allegati prospetti per:o Indennità di rischio: Allegato “A”, per un importo mensile di € 1.350,00 e complessivo di € 16.200,00;o Compenso specifiche responsabilità - art.17, comma 2, lett. f): Allegato “C”, per un importo mensile di € 2.250,00 e complessivo di € 27.000,00;o Compenso specifiche responsabilità - art.17, comma 2, lett. i): Allegato “D”, per un importo mensile di € 75,00 e complessivo di € 900,00;5. Compenso al personale comunale della quota dell’80% per la produttività nella misura mensile a fianco di ciascun indicata per un importo annuo di € 56.940,00;2. IMPUTARE la spesa complessiva di €uro 101.040,00, necessaria per il pagamento delle indennità per l’anno 2006, al cap.59 "Fondo per il miglioramento dei servizi – F.E.S." del bilancio di previsione in corso di formazione, che sarà dotato del necessario stanziamento.IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO IL DIRETTORE GENERALECAPO DEL 1° SETTORE f.f.ATTESTAZIONE DI COPERTURA FINANZIARIASi attesta la regolarità contabile e la copertura finanziaria della presente determinazione, ai sensi degli artt.49, comma 1, e 151, comma 4, del D.Lgs. 18.08.2000, n.267.IL RAGIONIERE CAPO

9c) DETERMINA 29 1.2.06:"FONDO EFFICIENZA SERVIZI, PREVISTO DAL COMMA 2 DELL’ART.7 DELLA L.R. 15/05/1991, N.21, COME SOSTITUITO DALL’ART.16 DELLA L.R. N.41 DEL 12.11.1996. LIQUIDAZIONE ACCONTO MENSILE ANNO 2006”.

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di PALERMO1° SETTORE “AMMINISTRATIVO”2° SERVIZIO “PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE SERVIZI”N° _04_ /2006 del Registro del Servizio.DETERMINAZIONE DEL CAPO DEL 1° SETTORE N° 29 DEL 01 FEBBRAIO 2006OGGETTO:"Fondo efficienza servizi, previsto dal comma 2 dell’art.7 della L.R. 15/05/1991, n.21, come sostituito dall’art.16 della L.R. n.41 del 12.11.1996. Liquidazione acconto mensile anno 2006”.IL RESPONSABILE DEL 1° SETTOREVISTO l'art.51 della legge 8 giugno 1990, n.142, recepita con modifiche dall'art.1 della L.R. 11.12.1991, n.48, nel testo sostituito dall’art.12 della L.R. n.30/2000;VISTO il D.Lgs 30 marzo 2001, n.165 e successive modificazioni ed integrazioni;VISTO l'art.6 della legge 15 maggio 1997, n.77;VISTO l'art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23;DATO ATTO che la struttura organizzativa dell’Ente si articola in Settori e Servizi;RILEVATO che per il 1° Settore la posizione organizzativa è stata conferita , in via provvisoria, al Direttore Generale, giusta determinazione sindacale n. 5 del 28 febbraio 2002, confermata con determina sindacale n.48 del 09.11.2004;VISTO il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;RITENUTA, pertanto, la propria competenza in merito all'oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata e per i motivi sopra indicati;VISTO il vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi Comunali, approvato con deliberazione della G.C. n.29 del 14/02/2002;VISTO il verbale della delegazione trattante del 5 luglio 2005, recepito dalla Giunta Comunale con deliberazione n°122 del 7 luglio 2005 con il quale, tra l’altro, sono state confermate le modalità di erogazione e liquidazione dell’incentivo economico art.16 della L.R. n.41/96, di cui al precedente CCDI 2004 (accordo della delegazione trattante raggiunto in data 27 febbraio 2002, recepito dalla G.C. con deliberazione n.39 del 28.02.2002);VISTI i prospetti, predisposti dall'Ufficio Personale, allegati alla presente determinazione, dove sono indicate le spettanze mensili in funzione della categoria di appartenenza e della anzianità di servizio e le somme da liquidare mensilmente con la presente determinazione, in funzione della disponibilità di € 26.530,00;RITENUTO, quindi, di dovere provvedere alla liquidazione dei compensi indicati negli allegati prospetti;VISTO il corrente bilancio di previsione in corso di formazione;D E T E R M I N APer le considerazioni e ragioni indicate in premessa,1. LIQUIDARE al personale dipendente che partecipa al Piano di ammodernamento e miglioramento dei servizi per l’anno 2006, l’incentivo economico previsto dal comma 2 dell’art.7 della L.R. 15/05/1991, n.21, come sostituito dall’art.16 della L.R. n.41 del 12.11.1996, come stabilito all’art.9 del Piano medesimo approvato dalla delegazione trattante nella seduta del primo aprile 1999 e recepito dalla G.C. con deliberazione n°69 del 14.04.1999, confermato dalla delegazione trattante nella seduta del 5 luglio 2005 e recepito dalla G.C. con deliberazione n°122 del 7 luglio 2005, nella misura dell’80% dell’indennità spettante, che comporta una spesa mensile di € 1.758,00;2. IMPUTARE la spesa complessiva di € 26.530,00 al cap.61 "Fondo per l'ammodernamento ed il miglioramento dei servizi - Art.16 L.R.41/96", del corrente bilancio di previsione in corso di formazione, che prevede il necessario stanziamento.IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO IL DIRETTORE GENERALECAPO DEL 1° SETTORE f.f.ATTESTAZIONE DI COPERTURA FINANZIARIASi attesta la regolarità contabile e la copertura finanziaria della presente determinazione, ai sensi degli artt.49, comma 1, e 151, comma 4, del D.Lgs. 18.08.2000, n.267.IL RAGIONIERE CAPOAllegato “A” alla determinazione del Responsabile del 1° Settore n° ________ / 2006 COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di Palermo Settore Personale Importo massimo dell’incentivo economico ai sensi dell’art.7 della L.R. 15/05/1991, n.21,nel testo sostituito dall’art.16 della L.R. n.41 del 12.11.1996, per l’anno 2006

9d) DETERMINA 27 1.2.06 CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO – ACCORDO DELLA DELEGAZIONE TRATTANTE STIPULATO IL 05 LUGLIO 2005 – LIQUIDAZIONE A SALDO DEL COMPENSO PER PRESTAZIONI EFFETTUATE IN GIORNATE FERIALI - PROGETTO SPECIALE PERSONALE OPERAIO PART-TIME 2° SEMESTRE 2006.
COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di Palermo1° SETTORE “AMMINISTRATIVO”2° SERVIZIO “PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE SERVIZI”N°___02___/2006 del Registro del Servizio.DETERMINAZIONE DEL CAPO DEL 1° SETTOREN°_27__ DEL _01 FEBBRAIO _2006_OGGETTO : Contratto Collettivo Decentrato Integrativo – Accordo della delegazione trattante stipulato il 05 luglio 2005 – Liquidazione a saldo del compenso per prestazioni effettuate in giornate feriali - progetto speciale personale operaio part-time 2° semestre 2006.IL RESPONSABILE DEL 1° SETTOREVISTO l'art.51 della legge 8 giugno 1990, n.142, recepita con modifiche dall'art.1 della L.R. 11.12.1991, n.48, nel testo sostituito dall’art.12 della L.R. n.30/2000;VISTO il D.Lgs 30 marzo 2001, n.165 e successive modificazioni ed integrazioni;VISTO l'art.6 della legge 15 maggio 1997, n.77;VISTO l'art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23;DATO ATTO che la struttura organizzativa dell’Ente si articola in Settori e Servizi;RILEVATO che per il 1° Settore la posizione organizzativa è stata conferita, in via provvisoria, al Direttore Generale, giusta determinazione sindacale n.5 del 28 febbraio 2002;DATO ATTO che il Sindaco, con determinazione n.26 del 18.06.2004, ha confermato in via temporanea tutti gli incarichi relativi al Direttore Generale, ai Responsabili di Settore e ai Responsabili di Servizio;VISTA la determina del Sindaco n. 10 del 16/06/2005 con la quale viene conferito l’incarico di Direttore Generale, in via provvisoria, al Dott. Pioppo Vincenzo, segretario di questo Comune, nominato dall’Agenzia per la gestione dell’albo dei segretari comunali e provinciali per il periodo 13/06/2005- 15/07/2005 ;VISTO il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;RITENUTA, pertanto, la propria competenza in merito all'oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata e per i motivi sopra indicati;VISTO il verbale della delegazione trattante in data 05.07.2005, recepito dalla G.C. con deliberazione n°122 del 07.07.2005, nel cui ambito è stato stabilito che l’Amministrazione Comunale avrebbe reperito ulteriori somme per la liquidazione a saldo delle competenze dovute per il progetto speciale, riservato al personale part-time, finalizzato all’ampliamento dell’orario dei servizi di manutenzione ed impianto di pretrattamento;CONSIDERATO che occorre procedere alla liquidazione a saldo delle somme spettanti al personale operaio part- time, come compenso per le prestazioni effettivamente effettuate in giornate feriali nel 2° semestre 2005 per un totale complessivo di € 3.261,62;CHE occorre procedere alla liquidazione di dette somme spettanti al personale part-time del servizio manutenzioni e pretrattamento per il servizio prestato nel 2° semestre 2005;VISTO il corrente bilancio di previsione in corso di formazione;D E T E R M I N APer le ragioni e considerazioni citate in premessa,1) LIQUIDARE e pagare per le motivazioni e ragioni indicate in premessa al personale qui di seguito elencato l’importo a fianco di ciascuno indicato a saldo delle prestazioni rese in giornate feriali nell’ambito del progetto finalizzato all’ampliamento dell’orario di lavoro nel 2° semestre 2005 come stabilito nell'accordo della Delegazione Trattante del 05.07.2005:• FAVALORO PIETRO € 947,00• NOTO SALVATORE € 701,40• TOLOMEI ANTONINO € 761,52• TOLOMEI GIUSEPPE € 851,702) IMPUTARE la complessiva spesa di € 3.261,62 come di seguito:• € 1.648,40 al cap.240.1• € 1.613,22 al cap.1186.1IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO IL DIRETTORE GENERALECAPO DEL 1° SETTORE f.f.***************************************************************************************ATTESTAZIONE DI COPERTURA FINANZIARIAVisto per la regolarità contabile e l’attestazione della copertura finanziaria ai sensi dell’art.49 del D.Lgs 267/2000.IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO

9e)DETERMINA 26 1.2.06: LIQUIDAZIONE FONDO PER LA PRODUTTIVITÀ COLLETTIVA E PER IL MIGLIORAMENTO DEI SERVIZI - INDENNITÀ DI RISCHIO, COMPENSO SPECIFICHE RESPONSABILITÀ E PRODUTTIVITÀ – LIQUIDAZIONE MENSILE ANNO 2006”.

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di PALERMO1° SETTORE “AMMINISTRATIVO”2° SERVIZIO “PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE SERVIZI”N°__01__/2006 del Registro del Servizio.DETERMINAZIONE DEL CAPO DEL 1° SETTORE N° 26 DEL 01 FEBBRAIO 2006OGGETTO: Liquidazione fondo per la produttività collettiva e per il miglioramento dei servizi - Indennità di rischio, compenso specifiche responsabilità e produttività – liquidazione mensile anno 2006”.IL RESPONSABILE DEL 1° SETTOREVISTO l'art.51 della legge 8 giugno 1990, n.142, recepita con modifiche dall'art.1 della L.R. 11.12.1991, n.48, nel testo sostituito dall’art.12 della L.R. n.30/2000;VISTO il D.Lgs 30 marzo 2001, n.165 e successive modificazioni ed integrazioni;VISTO l'art.6 della legge 15 maggio 1997, n.77;VISTO l'art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23;DATO ATTO che la struttura organizzativa dell’Ente si articola in Settori e Servizi;RILEVATO che per il 1° Settore la posizione organizzativa è stata conferita , in via provvisoria, al Direttore Generale, giusta determinazione sindacale n. 5 del 28 febbraio 2002, confermata con determina sindacale n.48 del 09.11.2004;VISTO il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;RITENUTA, pertanto, la propria competenza in merito all'oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata e per i motivi sopra indicati;VISTO il verbale della delegazione trattante del 05.07.2005, recepito dalla G. C. con deliberazione n°122 del 7 luglio 2005, con cui è stato confermato il pagamento dei seguenti istituti:1. Indennità di rischio di cui all’art.37 del CCNL sottoscritto il 14.09.2000 (code contrattuali), nella misura di €uro 30,00 al mese per ogni dipendente, rideterminata dall’art.41 del CCNL 22.01.2004;2. Compenso per esercizio di compiti che comportano specifiche responsabilità di cui all’art.17, comma 2, lett.f), del CCNL del 1° aprile 1999, ai responsabili di servizio e coordinatori nella misura annua di €uro 2.000,00, per la categoria D, € 1.500,00 per la categoria C e € 1.000,00 per la categoria B;3. Compenso specifiche responsabilità di cui all’art.17, comma 2, lett.i), del CCNL del primo aprile 1999, introdotto dall’art.36, comma 2, CCNL 22.01.2004, nella misura di €uro 300,00 annui;4. Compenso al personale comunale della quota dell’80% per la produttività nella misura mensile a fianco di ciascun indicata per un importo annuo di € 56.940,00;VISTA la propria determinazione n°76 del 24 febbraio 2005 con la quale si è provveduto a liquidare al personale dipendente gli istituti di cui sopra;VISTA la propria determinazione n°407 del 14 settembre 2005 con la quale si è provveduto a liquidare a tutto il personale avente diritto l’80% della produttività mentre il restante 20% sarà oggetto di successiva valutazione;VISTI i prospetti, allegati alla presente determinazione, dove sono indicate le spettanze mensili in funzione della categoria di appartenenza e degli incarichi conferiti;RITENUTO, quindi, di dovere confermare i pagamenti degli istituti sopra menzionati per l’anno 2006 al personale comunale avente diritto e provvedere alla liquidazione dei compensi indicati negli allegati prospetti;VISTO il corrente bilancio di previsione in corso di formazione;D E T E R M I N APer le considerazioni e ragioni indicate in premessa,1. LIQUIDARE al personale dipendente le spettanze previste dagli accordi stipulati dalla delegazione trattante del 05.07.2005, recepito dalla G. C. con deliberazione n°122 del 7 luglio 2005, con cui è stato confermato il pagamento dei seguenti istituti:, di cui agli allegati prospetti per:o Indennità di rischio: Allegato “A”, per un importo mensile di € 1.350,00 e complessivo di € 16.200,00;o Compenso specifiche responsabilità - art.17, comma 2, lett. f): Allegato “C”, per un importo mensile di € 2.250,00 e complessivo di € 27.000,00;o Compenso specifiche responsabilità - art.17, comma 2, lett. i): Allegato “D”, per un importo mensile di € 75,00 e complessivo di € 900,00;5. Compenso al personale comunale della quota dell’80% per la produttività nella misura mensile a fianco di ciascun indicata per un importo annuo di € 56.940,00;2. IMPUTARE la spesa complessiva di €uro 101.040,00, necessaria per il pagamento delle indennità per l’anno 2006, al cap.59 "Fondo per il miglioramento dei servizi – F.E.S." del bilancio di previsione in corso di formazione, che sarà dotato del necessario stanziamento.IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO IL DIRETTORE GENERALECAPO DEL 1° SETTORE f.f.ATTESTAZIONE DI COPERTURA FINANZIARIASi attesta la regolarità contabile e la copertura finanziaria della presente determinazione, ai sensi degli artt.49, comma 1, e 151, comma 4, del D.Lgs. 18.08.2000, n.267.IL RAGIONIERE CAPO



10) CGIL FUNZIONE PUBBLICA 27.1.06 PROT 2/054 GESTIONE RISORSE UMANE RELAZIONI SINDACALICGIL FUNZIONE PUBBLICA 27.1.06 PROT 2/054 AL SINDACO AL DIRETTORE GENERALE A TUTTI I LAVORATORI DEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE OGGETTO: RELAZIONI SINDACALI

Si è avuto modo di venire a conoscenza dalla consultazione del sito internet dell'Ente che codesta Amministrazione ha adottato provvedimenti riguardanti il personale per i quali i vigenti CCNL, che valgono anche per codesto ente, prevedono un sistema di relazioni sindacali ben individuato.Nello specifico ci si riferisce alle deliberazioni della Giunta Municipale nn 185/2005 e 5/2006, nonchè alle determinazioni del Sindaco 36/2005 e 37/2005Partendo proprio da queste ultime, al di là delle considerazioni sulla legittimità degli atti, anchè in virtù delle procedure già avviate dalla scrivente O.S. anche davanti all'A.G. si evidenzia quanto segue:-parrebbe non trattarsi di assunzioni a tempo determinato, atteso che, alle scrivente O.S. non risultano essere state espletate procedure concorsuali per l'assunzione, ancorchè a tempo determinato dei due tecnici oggetto delle determinazioni sindacali;-se di assunzioni a tempo determinato trattasi, le stesse dovevano essere fatte nel rispetto di quanto disposto dall'art 7 CCNL 14/9/2000, e secondo le procedure dallo stesso articolo individuate, pena la nullità del contratto stesso come disposto dal comma 11 dello stesso articolo;-se invece si tratta di "incarico professionale", sarebbe utile che Codesto Ente specificasse in base a quale norma contrattuale ha disposto il conferimento della P.O. stante che il CCNL, valido anche per Codesto Ente, dispone che detta P.O. può essere attribuita "esclusivamente a dipendenti cui sia attribuita la responsabilità degli uffici e dei servizi;-orbene delle due l'una o il Comune di Isola ha fatto delle assunzioni a tempo determinato, o ha incaricato di P.O: lavoratori che non avevano il titolo; sia nell'uno che nell'altro caso non solo non ha agito nel rispetto del CCNL- fatti per i quali dovrà eventualmente rispondere alla Corte dei Conti- ma, per quello che qui interessa, senza attivare il sistema delle realazioni sindacali, sia per l'eventuale assunzione sia per la pesatura che sono oggetto di concertazione, gli istituti relazionali sindacali prescritti dal CCNL.Relativamente alla deliberazione GM 185/2005 del 7/12/2005;-la scrivente O.S. lamenta l'ulteriore comportamento sindacale nell'avere, la Giunta, deliberato su materie proprie della contrattazione decentrata;;l'aver:-"disposto" l'organizzazione di un corso ben individuato;-l'aver riservato ad una specifica categoria la partecipazione a quel corso ha di fatto esautorato le prerogative sindacali in materia di piani formativi e destinazione delle risorse destinate alla formazione, mortificando il ruolo di tutela e rappresentanza, nonchè di programmazione per le materie per le quali è prescritta la contrattazione e questa è fra quelle, attribuite dal CCNL.In ultimo, ma non per importanza, si lamenta l'adozione di una riorganizzazione degli uffici senza coinvolgimento alcuno delle OOSS. in palese violazione al sistema delle relazioni sindacali.Il perdurare di tale stato di fatto, continue e reiterate violazioni al sistema delle realazioni sindacali con esautorazione di fatto del ruolo delle OO.SS. per la scrivente O.S. non è più tollerabile, pertanto nel proclamare lo stato di agitazione del personale del Comune di Isola con effetto immediato, chiede che si provveda senza indugio a sospendere gli effetti degli atti sopra richiamati e si provveda a convocare, secondo il modello realazionale prescritto dal CCNL, la delegazione trattante.Avverte che in difetto, trascorsi infruttuosamente 5 giorni dalla ricezione della presente e senza ulteriore avviso, saranno intraprese tutte le iniziative ritenute ultili a salvaguardia del potere di tutela e rappresentanza della scrivente O.S. che si intende leso. Palermo 26.1.06 Per la Segreteria
Il Sindaco dà lettura della seguente proposta di deliberazione avente per oggetto: “valutazione proposta di riorganizzazione degli uffici”.
GIUNTA MUNICIPALEPremesso,che a seguito della stabilizzazione di tutto il personale già in servizio con la qualifica di L.S.U. ed del successivo adeguamento del servizio prestato da molta parte del personale part time, si rende necessario procedere ad una riorganizzazione degli uffici comunali;che in tale considerazione si è conferito apposito incarico al direttore generale, che ha provveduto ad approntare apposita proposta;Vista la proposta di riorganizzazione degli uffici comunali avanzata dal Direttore Generale che prevede una serie di modifiche nell’allocazione del personale;Ritenuta detta proposta meritevole di approvazione in quanto rispondente all’esigenza di un miglioramento complessivo del lavoro degli uffici, un più funzionale utilizzo del personale per un più adeguato assolvimento dei compiti istituzionali e una migliore risposta alle esigenze della collettività;Visto il vigente O.A.EE.LL. vigente in Sicilia;Ad unanimità di voti espressi per alzata di mano:D E L I B E R ADi approvare la proposta di riorganizzazione degli uffici predisposta dal Direttore Generale e che allegata alla presente ne costituisce parte integrante e sostanziale.Parere ai sensi dell’art. 49, comma 1° del D.Lgs.18.8.2000, n.267.Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione.IL RESPONSABILE DEL SETTORELA GIUNTA COMUNALEVista la superiore proposta di deliberazione, corredata dal prescritto parere;Con voti unanimi favorevoli, espressi per alzata di mano, accertati e proclamati dal Presidente;DELIBERAApprovare la superiore proposta di deliberazione.COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINEProvincia di PalermoProt. n._____int. addì 4 gennaio 2006Al Signor SindacoSEDEOggetto: Proposta in ordine riorganizzazione del personale.Al fine di una migliore razionalizzazione degli uffici e servizi comunali si propone la seguente riorganizzazione con la conseguente nuova allocazione del personale che consenta un utilizzo migliorativo nel rispetto delle propensioni lavorative dimostrate e un ampliamento delle conoscenze da ciascuno possedute:Il signor Coniglio Simone, alla luce delle esperienze acquisite in passato, potrebbe venire assegnato all’ufficio stato civile alle dipendenze del responsabile del servizio Bruno Giuseppe;La signora Puccio Carmelina, a seguito della succitata assegnazione, potrebbe venire assegnata al comando di Polizia Municipale con compiti amministrativi;Il comando potrebbe essere alleggerito di alcuni compiti amministrativi attinenti le contravvenzioni al codice della strada e le sanzioni amministrative in genere che potrebbero essere assegnate all’ufficio tributi nel cui ambito creare il servizio “Recupero crediti e sanzioni amministrative” al quale preporre come responsabile, sulla base delle precedenti esperienze, il signor Noto Francesco;Dal comando, così alleggerito di competenze, potrebbero essere distaccate le signore Pizzardi Anna Maria e Provenza Susanna che a loro volta potrebbero essere assegnate: alla segreteria la signora Pizzardi ed all’ufficio tecnico la signora Provenza;A seguito dell’assegnazione della signora Pizzardi all’ufficio di segreteria la signora Puccio Deborah potrebbe venire assegnata alla ragioneria con compiti di assistenza alla redazione degli atti contabili alle dirette dipendenze del capo settore;Alla ragioneria potrebbe parimenti essere assegnata la signora Bologna Nazarena mentre la signora Badalì, restando nel settore, potrebbe essere assegnata all’ufficio tributi in sostituzione del signor Noto;L’ufficio personale, privato della signora Nazzarena, potrebbe essere rinforzato dal signor Rappa Rocco che potrebbe operare in condizioni di assoluta interscambiabilità di mansioni con il signor Balistreri a cui rimane la responsabilità del servizio;I compiti in atto assolti dal signor Rappa in tema di rapporti con l’ATO Rifiuti potrebbero essere assolti dall’arch. Albert, già destinato al servizio, che pur restando nell’attuale collocazione lavorativa verrebbe incaricato di relazionare per iscritto giornalmente sugli adempimenti posti in essere dall’ATO;Il messo a seguito dell’avvio dell’albo informatico dovrebbe essere incaricato anche della tenuta dello stesso;L’avvio dell’albo informatico al posto degli attuali registri comporterà che il signor Simanella non dovrà più tenere i registri cartacei e potrebbe essere assegnato al diretto servizio del Sindaco con compiti di organizzazione interna e di tenuta della corrispondenza e con responsabilità dell’ufficio sulla legalità.La signora Di Pace Maria, in funzione della prossima assenza per maternità della signora Pellerito, potrebbe essere destinata a rinforzare l’ufficio protocollo informatico;Si resta in attesa di conoscere le valutazioni della S.V. e dell’organo esecutivo da Ella presieduto in ordine a quanto proposto, al fine di portare a conoscenza delle organizzazioni sindacali gli spostamenti da eseguire.IL DIRETTORE GENERALE COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE Provincia di Palermo


11) CISL COMUNICATO 31.1.06 OGGETTO MANCATA INFORMAZIONE CONTESTAZIONE ATTIVAZIONE CONCERTAZIONE

Venuti a conoscenza per caso della deliberazione della Ginta Comunale n 5 del 5.1.06 http://www.comune.isoladellefemmine.pa.it/prima_pagina/albo_pretorio.php avente per oggetto la valutazione della proposta di riorganizzazione degli uffici, si contesta l’inosservanza degli istituti che disciplinano le relazioni sindacali. Si osserva, inoltre la puerile formulazione della proposta, di scarso contenuto professionale, che non rende comprensibile a chi legge la manovra e l’assetto organizzativo che si vuole attuare. A tal fine si chiede l’attivazione della concertazione ai sensi delle vigenti norme contrattuali.Distinti saluti.Il rappresentante territoriale Maniaci GiosuèPalermo 31.1.0612) CISL COMUNICATO 31.1.06 OGGETTO RICHIESTA CONTRATTAZIONE SULLE ATTIVITÀ FORMATIVEContestando la mancata informazione sull’adozione di una direttiva della Giunta Comunale riguardante l’attività formativa del personale riservate ad alcune categorie, si chiede la convocazione della delegazione Trattante per contrattare il programma annuale e pluriennale delle attività di formazione professionale, riqualificazione e aggiornamento di tutto il personale, per adeguarlo ai processi di innovazione sempre più pressanti nella pubblica amministrazione.Distinti salutiIl rappresentante territoriale Maniaci Giosuè


13) DELIBERA GIUNTA 26 10.2.06 GESTIONE RISORSE UMANE ATTIVITA' FORMATIVE DEL PERSONALE COMUNALE, ATTIVAZIONE CORSI.

Il Sindaco propone l’adozione della seguente deliberazione:“Attività formative del personale comunale, attivazione corsi”.LA GIUNTA COMUNALEPremesso che è intendimento di quest’Amministrazione procedere ad uno sviluppo delle potenzialità degli uffici e servizi comunali al fine di consentire agli stessi di meglio rispondere all’esigenze della collettività;Rilevato che per conseguire detto obbiettivo si rende necessario dotare gli uffici ed i servizi di personale in possesso di apposite conoscenze informatiche e tecnico specialistiche;Considerato che a tal uopo è possibile avvalersi delle previsioni del vigente contratto di lavoro del personale dipendente dagli Enti locali in materia di sviluppo delle attività formative che prevede l’accrescimento e l’aggiornamento professionale dei dipendenti;Ritenuto che a tal fine quest’Amministrazione intendendo avvalersi di detta previsione contrattuale è venuta nella determinazione di organizzare dei corsi di formazione che consenta ai partecipanti di acquisire la preparazione di base per l’utilizzo dei software “Programma di archiviazione dei provvedimenti adottati dagli organi comunali, Gestione del protocollo informatico, Gestione del programma per le violazioni del codice della strada e programma Office” nonché di un corso per l’acquisizione della qualifica di operaio specializzato addetto al depuratore, riservando la partecipazione ai corsi al personale in atto inquadrato in categoria a);Ritenuto che l’organizzazione di detti corsi riveste carattere di scelta discrezionale di natura politico amministrativa, di esclusiva competenza dell’Amministrazione non rientrante, in quanto tale, nelle materie oggetto di concertazione o contrattazione decentrata;Visto il vigente O.A.EE.LL. in Sicilia;D E L I B E R ADisporre l’organizzazione di corsi pratici per l’utilizzo dei software e la specializzazione tecnica di cui meglio in premessa;Dare atto che nell’ambito dello sviluppo delle attività formative previste dall’art.23 del vigente C.C.N.L. detti corsi verranno riservati al personale comunale in servizio presso questo Comune inquadrato nella categoria a);Concordare con le organizzazioni sindacali di categoria le modalità di partecipazione a dette attività formative, anche in funzione delle necessarie successive modifiche da attuarsi nella vigente pianta organica.PARERI AI SENSI DEGLI ART.53 E 55 DELLA LEGGE 8.6.1990, N.142, RECEPITA CON L'ART.1 DELLA L.R. 11.12.1991, N.48.Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione. IL DIRETTORE GENERALE LA GIUNTA COMUNALE Vista la superiore proposta di deliberazione,; Con voti unanimi, espressi per alzata di mano; D E L I B E R A Approvare la superiore proposta di deliberazione.

14) DELIBERA GIUNTA 40 16.3.06 GESTIONE RISORSE UMANE ACCOGLIMENTO RICHIESTE DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI.

Il Sindaco dà lettura della seguente proposta di deliberazione:“Accoglimento richieste delle organizzazioni sindacali”Premesso che:- con nota n.2/054 del 26/1 c.a. l’associazione sindacale CGIL ha contestato l’adozione di alcuni provvedimenti in materia di personale adottati da quest’Amministrazione;- con nota prot. n.1418 del 14/2 c.a. si è provveduto a fornire le valutazioni di quest’Amministrazione in ordine alla regolarità e legittimità dei comportamenti assunti;- in data 13 marzo c.a. si è tenuta una seduta del tavolo di concertazione per la valutazione dei provvedimenti ritenuti lesivi di specifiche prerogative sindacali;- in detta seduta la parte pubblica ha rappresentato la propria disponibilità a valutare congiuntamente i vari aspetti dei provvedimenti oggetto di contestazione sindacale riservandosi, alla fine dell’esame di merito, di adottare tutti i provvedimenti correttivi che sarebbero stati oggetto di accordo tra le parti;- nonostante detta disponibilità le OO.SS. hanno ritenuto di non dover intraprendere alcuna discussione sui provvedimenti oggetto di contestazione ponendo la pregiudiziale della revoca degli stessi, e minacciando in caso contrario il ricorso all’autorità giudiziaria;Ritenuto che quest’Amministrazione, pur consapevole della regolarità e legittimità dei propri comportamenti, non reputa nè opportuno né utile andare allo scontro con le organizzazioni Sindacali per motivi di esclusivo principio che altererebbero la pace sociale alla quale quest’Amministrazione ha sempre improntato il proprio comportamento.Rilevato che detto intendimento di assoluto rispetto dei diritti dei lavoratori risulta comprovato da una miriade di provvedimenti tutti tesi all’accoglimento delle legittime aspettative dei dipendenti, provvedimenti, peraltro, sempre assunti senza pressioni sindacali e sui quali le OO.SS. non hanno ritenuto, mai in passato, di dover fare osservazioni;Rilevato che l’intendimento di quest’Amministrazione, anche in sede di l’adozione delle delibere n.ri 185/2005 e 5/2006 (1), era quello di dare riconoscimento a legittime aspirazioni del personale e non assolutamente di lederne i diritti;Considerato che il direttore generale in perfetta sintonia con l’intendimento di quest’Amministrazione ha già provveduto autonomamente alla revoca degli ordini di servizio attinenti gli spostamenti di personale tra settori diversi, che dalle OO.SS. sono stati valutati come mobilità interna;Rilevato che le delibere n.ri 185/2005 e n.5/2006 (1) non risultano, sin dall’adozione, in grado di produrre effetti autonomi essendo vincolati a successivi accordi sindacali, per cui la revoca non ne altera il valore di semplice atto propositivo che può essere fatto proprio dalla delegazione di parte pubblica, come avvio della discussione sulla formazione del personale;Rilevato che le determine Sindacali n.ri 36 e 37/2005 rientrano nelle prerogative esclusive del capo dell’Amministrazione Comunale e che la richiesta delle organizzazioni sindacali di effettuarne la revoca, lungi dall’attenere al rispetto delle prerogative di dette associazioni, lede le legittime prerogative che lo statuto comunale e la legge assegnano al capo dell’Amministrazione in materia di conferimento di incarichi a tempo determinato per un periodo non eccedente il mandato ad alto contenuto di specializzazione per la direzione di uffici anche per la copertura di posti di responsabili dei servizi e degli uffici, e che pertanto la Giunta non ha alcun potere di revoca di detti provvedimenti.Considerato che il vigente CCNL non prevede alcuna preventiva comunicazione o concertazione per tale tipo di incarichi;Rilevato, per altro, che detti provvedimenti non hanno assolutamente carattere di novità essendo stati oggetto di adozione già nel passato, e per i quali le stesse organizzazioni sindacali ne hanno implicitamente riconosciuto la legittimità laddove non ritennero di dover intervenire in sede di attribuzione di analoghe funzioni dirigenziali a favore di professionisti;Visto l’art.51, comma 7, della L.142/90, così come recepito dall’art.1 della L.R. n.48/1991Visto l’art.53comma 2 dello Statuto comunale;DELIBERADi revocare, come richiesto dalle OO.SS. le proprie delibere n.185/2005 e n. 5/2006 (1),Di prendere atto della modifica delle disposizioni di servizio attinenti gli spostamenti di personale tra diversi settori;trasmettere copia della presente alle OO.SS. di categoria per quanto di competenza, entro il termine fissato nel verbale di concertazione di cui in premessa.PARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT.53 E 55 - COMMA 5 - DELLA LEGGE 8 GIUGNO 1990, N.142 RECEPITA CON L’ART. 1 DELLA L.R. 11 DICEMBRE 1991, N.48.Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di deliberazione.LA GIUNTA COMUNALEVista la superiore proposta di deliberazione;Ad unanimità di voti espressi per alzata di mano:DELIBERADi approvare la superiore proposta di delibera.(1) ERRATA CORRIGE “26/2006”

Per approfondimenti clicca

http://isolapulita.blogspot.com/


http://rinascita-di-isola.blogspot.com/

http://pinociampolillo.blogspot.com/

http://ciampolillo-pinoisoladellefemmine.blogspot.com/


15) CGIL FUNZIONE PUBBLICA 16.03.06 DISPOSIZIONI DI SERVIZIO DEL 16.3.06 RELAZIONI SINDACALI

Bisogna amaramente constatare come il sistema delle relazioni sindacali in Codesto Ente sia scaduto a tal punto che piuttosto che cercare l’Amministrazione Comunale, di ripristinarlo continua a produrre atti in spregio a detto sistema e nel più totale disprezzo delle norme del CCNL e con atti che assumono i connotati di una ritorsione per altro annunciata, nei confronti del personale part-time.Giusto per ricapitolare:Le norme del CCNL valgono indistintamente per TUTTI gli Enti del comparto d’Italia, Isola compresa;E’ già stato PALESEMENTE e reiteratamente violato il sistema delle relazioni sindacali, oltre alle innumerevoli altrettanto palesi violazioni alle norme contrattuali, tanto che l’ultima riunione di concertazione, tenutasi il 13c.m. si è chiusa con l’interruzione delle realazioni sindacali e con l’avviso che se entro giorno 17 c.m. l’A.C. non avesse sospeso l’efficacia delle deliberazioni impugnate (formazione, mobilità del personale, eventuali assunzioni a tempo determinato, attribuzioni di P.O. esternalizzazione di servizi, affidamento di fornitura di lavoro temporaneo) le OO.SS. si sarebbero viste costrette a ricorrere all’A.G. per il riconoscimento del comportamento antisindacale;Codesta A.C. anziché far cessare gli effetti degli atti adottati in violazioni, provvede, con atto unilaterale del Direttore Generale, a modificare l’orario di servizio del personale part-time, continuando a porre in essere in spregio al ruolo ed alle prerogative attribuite alle OO.SS. e, quindi, ponendo in essere una ulteriore violazione al sistema delle R.S.Tale atto assume, per altro, anche il sapore di una ritorsione nei confronti del personale- tanto è vero che da giorni veniva paventata nei corridoi tale possibilità “per far capire chi comanda”- che, a mezzo dei suoi rappresentanti sindacali, “ha osato” chiedere il rispetto delle regole. Tesi avvalorata dal fatto che non ci si è minimamente curati dell’effetto devastante che tale disposizione può avere sull’efficacia e sull’efficienza di alcuni servizi comunali e ispirato solo dalla voglia di “far perdere” il buono pasto ai dipendenti. Appare quanto mai sospetta la discrezione lasciata al capo dell’UTC. Rileviamo che, stranamente proprio il capo dell’UTC è uno dei diretti destinatari, e beneficiari, di alcuni impugnati.Potrebbe anche apparire inutile citare quali norme oggi violate e che invece, paradosso del paradosso, si vorrebbero portare, facendo un po’ di confusione, a motivazione dell’adozione della disposizione. Viene da chiedersi:-ma l’orario fino ad oggi svolto, consono e confacente alle esigenze di funzionalità e fruibilità degli uffici, non si ritiene concertato con le OO.SS?-se nessuna OO.SS. ha chiesto la concertazione, secondo il CCNL valevole per il comparto, è acquisito. Giova ricordare che sono i soggetti sindacali, e non l’A.C. a chiedere la concertazione.-Quando è stato chiesto e da chi l’avvio, entro i termini contrattualmente previsti, della concertazione sull’orario di servizio del personale part-time?-Non ricorda l’A.C. che volendo modificare il precedente orario doveva dare informazione preventiva ai soggetti sindacali essendo materia di concertazione?Si diffida, pertanto l’A.C. di Isola delle Femmine a revocare immediatamente la disposizione prot 4075 del 16.3.06 con l’avviso che, qualora ciò non avvenisse, detta disposizione sarà inclusa nel ricorso ex art 28 l. 300/70 CHE, ALLO SCADERE DEL TERMINE DEL 17.3.06 FISSATO NELLULTIMA CONCERTAZIONE SARà DEPOSITATO PER IL RICONOSCIMENTO DEL COMPORTAMENTO ANTISINDACALE DI CODESTO EntePalermo 16.3.06 Per la Segreteria


16) DETERMINA SINDACALE 2 23.3.06 GESTIONE RISORSE UMANE MODIFICA DETERMINAZIONE N.37 DEL 30/12/2005.

DETERMINAZIONE DEL SINDACO N. 2 DEL 23/03/2006

OGGETTO: Modifica determinazione n.37 del 30/12/2005.

IL SINDACO VISTO l'art.51 della legge 8 giugno 1990, n.142, recepita con modifiche dall'art.1 della L.R. 11.12.1991, n.48, nel testo sostituito dall’art.12 della L.R. n.30/2000;VISTO il D.Lgs 30 marzo 2001, n.165 e successive modificazioni ed integrazioni;VISTO l'art.6 della legge 15 maggio 1997, n.77;VISTA la legge regionale 11 novembre 1991, n.48;VISTE le leggi regionali n.7 del 26 agosto 1992 e n.26 del primo settembre 1993;VISTO l'art.11 e l’art.22 della legge regionale 6 aprile 1996, n.4;VISTO l'art.2 della legge regionale 7 settembre 1998, n.23;VISTO l’art.13 della L.R. n.7/92, come modificato dall’art.41 della L.R. n.26/93, secondo il quale il Sindaco nomina il responsabile degli uffici e dei servizi, attribuisce e definisce incarichi dirigenziali, quelli di collaborazione esterna secondo le modalità ed i criteri dell’art.51, comma 7, della legge n.142/90, così come recepito dall’art.1, comma 1, lettera h, della L.R. n.48/91, nel sostituito dall’art.12 della L.R. n.30/2000;VISTO l’art.9 della L.R. 48/91 che attribuisce al Sindaco tutti gli atti di Amministrazione che dalla legge o dallo Statuto non siano specificatamente attribuiti alla competenza di altri organi del Comune;VISTI gli artt.20 e 26 del Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi Comunali, approvato dalla G.C. con deliberazione n.29 del 14/02/2002, i quali attribuiscono al Sindaco la nomina dei responsabili di settore;RITENUTA la propria competenza in merito all’oggetto, ai sensi della normativa sopra richiamata;VISTA la propria determinazione n.37 del 30/12/2005 con la quale veniva prorogato all’arch. Valguarnera Sergio l’incarico di responsabile del 1° servizio “Urbanistica – Edilizia Privata – Sportello Unico” del 3° settore “Tecnico”;RILEVATO che con detto provvedimento si conferiva al suddetto professionista un incarico professionale secondo le previsioni di cui all’art.51, comma 7, della L.142/90, così come recepito dall’art.1 della L.R. n.48/91, incarico riservato all’esclusiva competenza del Sindaco ai sensi dell’art.9 della L.R. n.48/91;CONSIDERATO che essendo il compenso di detti incarichi lasciato alla libera contrattazione delle parti si è ritenuto di dover agganciare la misura dello stesso alle tabelle stipendiali del vigente CCNL;RITENUTO che il riferimento a detto CCNL ha comportato che i compensi venissero assoggettati al versamento dei diritti assistenziali e previdenziali alla cassa di previdenza del personale dipendente dagli enti Locali anziché direttamente dal professionista alla cassa di previdenza dell’ordine professionale di appartenenza;CONSIDERATO di dover procedere ad una parziale modifica del succitato atto deliberativo secondo le succitate previsioni;VISTO l’art.110 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267;D E T E R M I N APer le ragioni e considerazioni citate in premessa,1) MODIFICARE i punti 3 e 5 del dispositivo della propria determina n.37/2005 nella parte attinente gli oneri riflessi a carico dell’Ente, dando atto che trattandosi di incarico professionale gli oneri previdenziali ed assistenziali dovranno essere versati direttamente dal professionista alla cassa di previdenza dell’ordine di appartenenza.2) DARE ATTO che, restando fermi i compensi previsti nel succitato atto, gli stessi verranno assoggettati al versamento degli oneri previdenziali previsti dall’ordine di appartenenza del professionista ed al versamento dell’IVA nella misura del 20%.3) DARE ATTO che la spesa complessiva relativa all’incarico di che trattasi si riduce a €.28.764,00 (€.23.500,00 + €.470,00 + €.4.794,00).4) STABILIRE che alla liquidazione dei compensi si provvederà mensilmente dietro presentazione di regolare fattura.5) APPORTARE al contratto di lavoro già stipulato le necessarie modifiche secondo quanto previsto nel presente atto.IL SINDACOPARERI ED ATTESTAZIONI AI SENSI DEGLI ARTT. N.49, COMMA 1, E N.151, COMMA 4, DEL G.LGS. 18/08/2000, N.276.Si esprime parere favorevole sulla regolarità tecnica della superiore proposta di determinazione.IL RESPONSABILE DEL 1° SETTORESi esprime parere contabile favorevole e si attesta la copertura finanziaria.IL RESPONSABILE DEL SETTOREECONOMICO FINANZIARIOIMP. 491/05


17) CGIL COMUNICATO 20.10.05 CONTESTAZIONE PROVVEDIM ILLEGGIT. SU ARCH GIAMBRUNO MONICA

Al Signor Sindaco del Comune di Isola delle Femmine Con la presente la CGIL di Palermo, in persona del suo Segretario generale, sig Michele Palazzotto, contesta la legittimità della determinazione sindacale n 30 del 10.10.2005 avente ad oggetto conferimento di incarico di responsabile del 3° settore Tecnico all'arch. Bilello Roberto Rosalino, con la quale è stato implicitamente revocato l'incarico di Responsabile di settore in precedenza attribuito alla dipendente Arch Monica Giambruno già iscritta alla scrivente OS. In particolare, si deduce l'illeggittimità della suddetta determinazione per violazione dell'art 22 del vigente Regolamento degli Uffici e Servizi secondo cui "Gli incarichi di responsabile di settore sono conferiti a tempo determinato, di durata, comunque non superiore a quella del mandato del sindaco. Nel caso di mancata indicazione del termine, l'incarico si intende conferito fino al termine del mandato elettivo del Sindaco..".Ed infatti, con determinazione sindacale n 26 del 18 giugno 2004, l'Arch Giambruno era stato confermato, senza espressa indicazione del termine finale, nella funzione di Responsabile del 3° Settore tecnico.Appare del tutto evidente che tale conferma è da intendersi, ai sensi dell'art 22 del regolamento citato, quale incarico valido ed efficace fino alla scadenza del mandato del Sindaco.Ciò posto, la revoca anticipata dell'incarico di responsabilità del 3° Settore adottata nei confronti della Ns iscritta è del tutto carente dei presupposti fattuali legittimanti la revoca anticipata, presupposti espressamente ed inequivocamente indicati dall'art 22 commi 3 e 4 del citato regolamento nonchè dall'art 9 del CCNL di comparto del 31.03.99.A tal proposito, è da evidenziare che l'unica motivaziobe desumibile dall'atto oggi contestato è data dalla encessità di "garantire un'alternanza fra funzionari di pari qualifica funzionale, assicurando la turnazione dei servizi al fine di consentire a ciascun funzionario la migliore conoscenza possibile delle attività complessive del settore".Emerge ictu oculi, dunque, l'assoluta arbitrarietà dell'atto revocatorio di che trattasi la cui unica ragione è quella di "emarginare" l'Arch Giambruno la cui unica responsabilità è quella di avere sempre compiuto il proprio dovere con la massima diligenza e professionalità. A questo punto, la scrivente OS. invita e diffida il Sindaco di Isola delle Femmine a revocare con effetto immediato la determinazione n30 del 10.10.2005 gravemente lesiva dei diritti contrattuali dell'Arch Giambruno, avvertendo sin d'ora che, in difetto di riscontro, si vedrà costretta a sostenere ed assistere l'Arch Giambruno in tutte le iniziative legali che la stessa intenderà intraprendere contro Codesta Amministrazione.Il Segretario della CGIL FP Sig Michele Palazzotto Al Signor Sindaco del Comune di Isola delle Femmine Con la presente la CGIL di Palermo, in persona del suo Segretario generale, sig Michele Palazzotto, contesta la legittimità della determinazione sindacale n 30 del 10.10.2005 avente ad oggetto conferimento di incarico di responsabile del 3° settore Tecnico all'arch. Bilello Roberto Rosalino, con la quale è stato implicitamente revocato l'incarico di Responsabile di settore in precedenza attribuito alla dipendente Arch Monica Giambruno già iscritta alla scrivente OS.In particolare, si deduce l'illeggittimità della suddetta determinazione per violazione dell'art 22 del vigente Regolamento degli Uffici e Servizi secondo cui "Gli incarichi di responsabile di settore sono conferiti a tempo determinato, di durata, comunque non superiore a quella del mandato del sindaco. Nel caso di mancata indicazione del termine, l'incarico si intende conferito fino al termine del mandato elettivo del Sindaco..".Ed infatti, con determinazione sindacale n 26 del 18 giugno 2004, l'Arch Giambruno era stato confermato, senza espressa indicazione del termine finale, nella funzione di Responsabile del 3° Settore tecnico. Appare del tutto evidente che tale conferma è da intendersi, ai sensi dell'art 22 del regolamento citato, quale incarico valido ed efficace fino alla scadenza del mandato del Sindaco.Ciò posto, la revoca anticipata dell'incarico di responsabilità del 3° Settore adottata nei confronti della Ns iscritta è del tutto carente dei presupposti fattuali legittimanti la revoca anticipata, presupposti espressamente ed inequivocamente indicati dall'art 22 commi 3 e 4 del citato regolamento nonchè dall'art 9 del CCNL di comparto del 31.03.99. A tal proposito, è da evidenziare che l'unica motivaziobe desumibile dall'atto oggi contestato è data dalla encessità di "garantire un'alternanza fra funzionari di pari qualifica funzionale, assicurando la turnazione dei servizi al fine di consentire a ciascun funzionario la migliore conoscenza possibile delle attività complessive del settore".Emerge ictu oculi, dunque, l'assoluta arbitrarietà dell'atto revocatorio di che trattasi la cui unica ragione è quella di "emarginare" l'Arch Giambruno la cui unica responsabilità è quella di avere sempre compiuto il proprio dovere con la massima diligenza e professionalità.A questo punto, la scrivente OS. invita e diffida il Sindaco di Isola delle Femine a revocare con effetto immediato la determinazione n30 del 10.10.2005 gravemente lesiva dei diritti contrattuali dell'Arch Giambruno, avvertendo sin d'ora che, in difetto di riscontro, si vedrà costretta a sostenere ed assistere l'Arch Giambruno in tutte le iniziative legali che la stessa intenderà intraprendere contro Codesta Amministrazione. Il Segretario della CGIL


Per approfondimenti clicca

http://isolapulita.blogspot.com/


http://rinascita-di-isola.blogspot.com/

http://pinociampolillo.blogspot.com/

http://ciampolillo-pinoisoladellefemmine.blogspot.com/




IL NEPOTISMO E' REATO.
Un sindaco o un assessore, non possono fare favoritismi a vantaggio di figli, nipoti, parenti e amici, non solo in maniera diretta, ma neppure indiretta, facendo - per esempio - vincere appalti a ditte, a patto che poi queste assumano chi vogliono loro.
La Suprema Corte, annullando una sentenza d'Appello, ha ordinato un nuovo rinvio a giudizio per tre amministratori, spiegando che ‘in tema di corruzione, l’atto d’ufficio, oggetto di mercimonio, non va inteso in senso formale, in quanto deve comprendere qualsiasi comportamento che comunque violi (anche se non in contrasto con specifiche norme giuridiche o con istruzioni di servizio) i doveri di fedeltà, imparzialità, onestà che devono essere osservati da chiunque eserciti una pubblica funzione’”
Sette gli indagati per abuso d’ufficio tra cui amministratori e consiglieri comunali
Il nucleo di valutazione dei dipendenti del comune non possedevano i titoli di studio, requisiti di legge e mancanti di esperienze professionali Requisiti richiesti: Esperti qualificati in MATERIE ECONOMICHE, Esperti in materia di ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DEL LAVORO-MATERIE IGIENICHE. INTERESSE IN ATTO PUBBLICO: I componenti del nucleo di valutazione non possono ricevere incarichi di CONSULENZA E/O COLLABORAZIONE dagli uffici diretti da dipendenti da essi valutati.
Tra i componenti del NUCLEO di valutazione vi sono anche parenti degli amministratori

Caricato da isolapulita


http://www.isolapulita.it
Postato da Gregory, zannelli.gregorio.gregorio06@gmail.com al fine di ulteriormente arricchire e completare l’informazione per una correta opportunità di valutazione degli avvenimenti e dei protagonisti politici del paese.

8 commenti:

Il Timone ha detto...

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori.
L’autore del blog si impegna a cancellare nei limiti delle possibilità i commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze. Tali commenti non sono da attribuirsi all'autore del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Qualora dovesse sfuggire la cancellazione di commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze lo si comunichi alla mail: isolapulita@gmail.com
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Il Timone ha detto...

L'autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori.
L’autore del blog si impegna a cancellare nei limiti delle possibilità i commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze. Tali commenti non sono da attribuirsi all'autore del blog, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata.
Qualora dovesse sfuggire la cancellazione di commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze lo si comunichi alla mail: isolapulita@gmail.com
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.

Gabriele ha detto...

Ho appena finito di vedere la cerimonia di insediamento del Presidente Obama, ho ascoltato il suo discorso di insediamento, ebbene mi ha entusiasmato.
Ha entusiasmato la sua capacità di entusiasmare, la sua capacità di saper entusiasmare, la sua capacità di responsabilizzare, la sua capacità di coinvolgere e di colpire al cuore ed ai sentimenti di milioni di persone. C’è veramente da essere invidiosi!
Mi chiedo può succedere solo in America una simile “rivoluzione”?
Vi prego seguitemi per un attimo!
Sedetevi!
Chiudete gli occhi!
Immaginate per un attimo!
Stefano Bologna trasformato in un piccolo Obama, oppure un Portobello o se volete un Cutino e perché no un Riso Napoleone (anche se è bianco di pelle). No neanche se pensate a un Cataldo o un Rubino.
Che tristezza non aver un OBAMA di Isola delle Femmine!
A questo punto torno al mio televisore e continuo a sognare di essere in America.
Gabriele

Gabriele ha detto...

Ho appena finito di vedere la cerimonia di insediamento del Presidente Obama, ho ascoltato il suo discorso di insediamento, ebbene mi ha entusiasmato.
Ha entusiasmato la sua capacità di entusiasmare, la sua capacità di saper entusiasmare, la sua capacità di responsabilizzare, la sua capacità di coinvolgere e di colpire al cuore ed ai sentimenti di milioni di persone. C’è veramente da essere invidiosi!
Mi chiedo può succedere solo in America una simile “rivoluzione”?
Vi prego seguitemi per un attimo!
Sedetevi!
Chiudete gli occhi!
Immaginate per un attimo!
Stefano Bologna trasformato in un piccolo Obama, oppure un Portobello o se volete un Cutino e perché no un Riso Napoleone (anche se è bianco di pelle). No neanche se pensate a un Cataldo o un Rubino.
Che tristezza non aver un OBAMA di Isola delle Femmine!
A questo punto torno al mio televisore e continuo a sognare di essere in America.
Gabriele

Gabriele ha detto...

Ho appena finito di vedere la cerimonia di insediamento del Presidente Obama, ho ascoltato il suo discorso di insediamento, ebbene mi ha entusiasmato.
Ha entusiasmato la sua capacità di entusiasmare, la sua capacità di saper entusiasmare, la sua capacità di responsabilizzare, la sua capacità di coinvolgere e di colpire al cuore ed ai sentimenti di milioni di persone. C’è veramente da essere invidiosi!
Mi chiedo può succedere solo in America una simile “rivoluzione”?
Vi prego seguitemi per un attimo!
Sedetevi!
Chiudete gli occhi!
Immaginate per un attimo!
Stefano Bologna trasformato in un piccolo Obama, oppure un Portobello o se volete un Cutino e perché no un Riso Napoleone (anche se è bianco di pelle). No neanche se pensate a un Cataldo o un Rubino.
Che tristezza non aver un OBAMA di Isola delle Femmine!
A questo punto torno al mio televisore e continuo a sognare di essere in America.
Gabriele

Bartolo ha detto...

Non è mia abitudine comprare la rivista Cronaca Vera. Per ammazzare la noia e in attesa che il mio dentista mi torchiasse incappo in questa rivista dove si parla di Isola delle Femmine della Calliope e delle possibili elargizioni in termini di alloggi a figli di ex amministratori, per essersi prestati come facilitatori delle pratiche edilizie. Mi sorge spontanea la domanda “ma sono gli stessi amministratori consiglieri sindaci assessori che da oltre 20 anni sono presenti nella pubblica amministrazione di Isola? Sono gli stessi amministratori sindaci assessori consiglieri che si stanno preparando alle prossime elezioni per “rinnovare” l’amministrazione? Mi chiedo perché i cittadini di Isola delle Femmine non trovano il coraggio di prenderli a calci.
Come dice Grillo?
Voi avete lanciate un appello, in ossequio alle leggi vigenti, impedire di candidarsi a chi vanta parentele con elementi mafiosi o chi è in odore di mafia. Impedire le candidature a tutte le persone che non riescono a dimostrare i loro improvvisi o ingiustificabili guadagni. Impedire di candidarsi a chi ha conflitto di interessi per la presenza di parenti o ditte che prestano la loro opera al Comune di Isola delle Femmine.
Già l’onorevole Di Pietro dell’Italia dei Valori dove milita l’onorevole Orlando oltre che l’ex sindaco di Isola Bologna, ha presentato una proposta di legge sulla materia di mafia elezioni e incandidabilità.
Un po’ di coerenza fa bene alla salute.
Bartolo Insalaco

Dario ha detto...

Come cittadini da qualche mese abbiamo scoperto che dal 2005 il petcoke viene utilizzato come combustibile; non lo sapevamo, nessuno ce ne aveva dato informazione, ed ovviamente ci stiamo attivando affinchè venga sempre assicurata la perfetta funzionalità dei filtri per l'abbattimento degli inquinanti.
Ma, al di là della qualità dell'aria, sulla quale sono in corso verifiche e lo spazio del forum su cui discuterne sarebbe un altro...ci premeva il vostro aiuto nel comprendere una problematica di fondo:
E' possibile utilizzare un deposito, un'area di stoccaggio del PetCoke, senza alcun accorgimento tecnico che ne impedisca la diffusione delle polveri o la destinazione in falde o torrenti?
La domanda nasce dalla costatazione che attualmente la fabbrica utilizza un deposito per tale combustibile, fuori dall'area di fabbrica, intestato a terzi, in una ex cava circondata dal verde e da torrenti, nel quale il Petcoke è posto sulla nuda terra e privo di alcuna copertura.
In tal senso ci premeva capire a quale tipo di autorizzazioni (e se subordinato a specifiche cautele) locali, provinciali o regionali lo stoccaggio ed il deposito di PETCOKE è attualmente soggetto.
E' possibile avere schematicamente a quali norme deve attenersi chi gestisce il luogo e l'attività di deposito?
Certi dell'attenzione di tutti, attendiamo fiduciosi...
Per comprendere meglio la nostra condizione

Dario ha detto...

Come cittadini da qualche mese abbiamo scoperto che dal 2005 il petcoke viene utilizzato come combustibile; non lo sapevamo, nessuno ce ne aveva dato informazione, ed ovviamente ci stiamo attivando affinchè venga sempre assicurata la perfetta funzionalità dei filtri per l'abbattimento degli inquinanti.
Ma, al di là della qualità dell'aria, sulla quale sono in corso verifiche e lo spazio del forum su cui discuterne sarebbe un altro...ci premeva il vostro aiuto nel comprendere una problematica di fondo:
E' possibile utilizzare un deposito, un'area di stoccaggio del PetCoke, senza alcun accorgimento tecnico che ne impedisca la diffusione delle polveri o la destinazione in falde o torrenti?
La domanda nasce dalla costatazione che attualmente la fabbrica utilizza un deposito per tale combustibile, fuori dall'area di fabbrica, intestato a terzi, in una ex cava circondata dal verde e da torrenti, nel quale il Petcoke è posto sulla nuda terra e privo di alcuna copertura.
In tal senso ci premeva capire a quale tipo di autorizzazioni (e se subordinato a specifiche cautele) locali, provinciali o regionali lo stoccaggio ed il deposito di PETCOKE è attualmente soggetto.
E' possibile avere schematicamente a quali norme deve attenersi chi gestisce il luogo e l'attività di deposito?
Certi dell'attenzione di tutti, attendiamo fiduciosi...
Per comprendere meglio la nostra condizione